"Le cadute durante l'uso su corda sono statiche e intense: non è l'esperienza migliore."

Siebe Vanhee ha sviluppato un gusto per l'assolo su corda. Nelle gole del Verdon, è riuscito a salire in libera Une Jolie Fleur dans un Peaux de Vache (300 m, 8b) e Take it or Leave it (110 m, 8a) in questo stile impegnativo. Nel caso del primo, sarebbe stata quasi una salita a-vista se non fosse stato per questo piccolo errore nel suo sistema di corda in solitaria.

dopo Sieves Vanhee Lo scorso agosto è riuscito a salire la ripida ed esposta via di 500 metri El Pilar del Cantabrico (8a+) sul Picu Urreillu Rope-Solo, voleva essere nel Gole del Verdon una via lunga ancora più difficile: Una Jolie Fleur in un Peaux de Vache (300m, 8b).

Ho scelto questa linea per la sua ripidezza. Le salite ripide e le corde lunghe rendono le cadute più morbide e sicure.

Sieves Vanhee

E ovviamente voleva andare un po' più in alto in termini di difficoltà rispetto alla sua ultima avventura in solitaria in Spagna, dove era riuscito a salire un 8a+.

Rectangle_Knatsch in Magic Wood

Appena passata l'ispezione a vista

Alle 8 del mattino Siebe Vanhee ha iniziato la via ai piedi del Parois du Duc. Dopo il tiro d'ingresso di 6b si stava avvicinando il tiro in chiave di 8b.

Ero nervoso ma anche fiducioso perché due giorni prima ero riuscito a salire a-vista la famosa via Hulkosaure (8b).

Sieves Vanhee

"Ma era ancora di un calibro completamente diverso, l'assolo di corda." Tuttavia, il suo assetto ha funzionato perfettamente, il che ha aumentato la sua fiducia nel salire il tiro a-vista. Detto e fatto. Ora le possibilità di salire a-vista l'intero tour erano davvero buone.

Molta aria sotto il sedere: Siebe Vanhee durante il suo solitario su corda da Une Jolie Fleur dans un Peaux de Vache (300m, 8b). Immagine: Jean Elie Lugon
Molta aria sotto il sedere: Siebe Vanhee durante il suo solitario su corda da Une Jolie Fleur dans un Peaux de Vache (300m, 8b). Immagine: Jean Elie Lugon

Sul primo 8a – una bellissima salita su mono tufo – si è subito sentito carico. "Avrei dovuto riposarmi più a lungo", ricorda. "Ma questo è lo svantaggio di arrampicare da soli, è difficile riposarsi abbastanza."

Ho lottato contro la pompa, ma la mia assicurazione mi ha bloccato e nel bel mezzo di un forte tiro non sono riuscito a salire né avanti né indietro.

Sieves Vanhee

Una caduta è inevitabile. Aveva commesso un errore stupido: aveva agganciato il suo dispositivo di assicurazione all'asola della corda nel modo sbagliato. Dopo una pausa di 15 minuti, ha completato il tiro al secondo tentativo. Siebe Vanhee è riuscita a salire a-vista l'ultimo tiro di 8a sopra le gole del Verdon.

  • Siebe-Vanhee-Jolie-Fleur-4
  • Siebe-Vanhee-Jolie-Fleur-3
  • Siebe-Vanhee-Jolie-Fleur-2

Prossimo assolo di corda: un classico di Patrick Edlinger

Due giorni dopo ha preso la classica del Verdon Prendere o lasciare (110m, 8a). I primi due tiri sono andati bene, anche se ha dovuto abituarsi allo stile della via e alla ripidezza della parete. Tuttavia, nel successivo 7c ha commesso un errore ed è caduto senza troppe cerimonie.

La caduta è stata statica e intensa, non la migliore esperienza. Devo pensare a qualcosa per rendere le cadute più dinamiche.

Sieves Vanhee
Siebe Vanhee durante la sua salita in solitaria su corda della classica del Verdon Take it or Leave it (110m, 8a). Immagine: Jean Elie Lugon
Siebe Vanhee durante la sua salita in solitaria su corda della classica del Verdon Take it or Leave it (110m, 8a). Immagine: Jean Elie Lugon

Poi lo aspettava il famoso tiro di 8a con il tiro largo. Anche qui è riuscito a superare i movimenti al secondo tentativo. “Certamente lo stile tecnico della via e il fatto di averla salita in solitaria con la corda hanno reso il tutto più difficile.”

Ciononostante l'arrampicata in solitaria su corda è per lui uno stile di arrampicata entusiasmante e nuovo, afferma entusiasta Siebe Vanhee.

Non riesco ancora ad arrampicare così liberamente quando sono con qualcuno, ma l'aspetto mentale e tecnico della corda in solitaria le conferisce una dimensione interessante.

Sieves Vanhee
Siebe-Vanhee-prendere-o-lasciare-2
«Amo la componente sociale dell'arrampicata. Ma la sfida di riuscire ad affrontare tutto ciò che ti capita da solo è molto entusiasmante”. Immagine: Jean Elie Lugon

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Quando abbiamo lanciato la rivista di arrampicata Lacrux, abbiamo deciso di non introdurre un paywall perché vogliamo fornire al maggior numero possibile di persone che la pensano allo stesso modo notizie dalla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

Non perderti nulla: ricevi la nostra newsletter

* obbligatorio
Interessen

+++

Crediti: immagine di copertina Jean Elie Lugon

Attuale

Alex Honnold polverizza il record di velocità in solitaria del Salathé Wall

Alex “No-Big-Deal” Honnold ha stabilito un nuovo record di velocità in solitaria su corda su El Capitan: la Salathé Wall in 11 ore e 18 minuti.

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.

Petra Klingler e Julien Clémence sono Campioni svizzeri di Boulder 2024

Petra Klingler vince il suo undicesimo titolo di campionessa svizzera di boulder. Julien Clémence ottiene la sua terza vittoria.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Alex Honnold polverizza il record di velocità in solitaria del Salathé Wall

Alex “No-Big-Deal” Honnold ha stabilito un nuovo record di velocità in solitaria su corda su El Capitan: la Salathé Wall in 11 ore e 18 minuti.

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.
×Display 350x90_Knatsch in Magic Wood