Sindrome dell’impiccagione: perché l’impiccagione può essere mortale

Una presa si rompe, il primo cade e rimane appeso liberamente all'imbracatura senza alcun contatto con la roccia. Poiché il salvataggio aereo può richiedere del tempo, esiste il rischio di sviluppare la sindrome dell'impiccagione. Perché restare appesi liberamente all'imbracatura può essere fatale e cosa possono fare gli alpinisti a riguardo.

Un articolo di Bernhard Bliemsrieder, Grasegger Katharina, Lechner Raimund, Peter Paal, Simon Rauch - apparso per la prima volta sulla rivista specializzata alpinismo

All'improvviso, prima del primo gancio, la presa del primo di cordata si rompe e lui cade in piedi con molta corda allentata.L'assicuratore riesce a trattenere la caduta e, scioccato, si informa immediatamente delle condizioni del primo di cordata caduto. Rimane appeso liberamente alla sua imbracatura senza alcun contatto con la roccia e lamenta un forte dolore alla spalla destra.

L'assicuratore lancia subito una chiamata d'emergenza perché a causa del forte dolore non è possibile scendere insieme in doppia. Dopo circa dieci minuti viene richiamato e gli viene spiegato che è stato avviato un soccorso, ma che l'arrivo dell'elicottero potrebbe richiedere fino a un'ora. 

Uno scenario del genere può influenzare qualsiasi alpinista su terreno alpino. In una situazione del genere c'è il rischio di un cosiddetto Sindrome dell'impiccagione (Sindrome da sospensione inglese). 

Sindrome dell'impiccagione

Cos'è la sindrome dell'impiccagione?

La sindrome dell'impiccagione descrive l'insufficienza circolatoria indotta dall'impiccagione immobile, quasi verticale, in un'imbracatura di corda. 

Primi segnali

I primi sintomi sono solitamente segni di imminente perdita di coscienza come nausea, ansia, disturbi della percezione visiva (ad es. lampi di luce, “oscuramento” davanti agli occhi), vertigini, sudorazione e pallore. Può verificarsi rapidamente una perdita di coscienza e, nel peggiore dei casi, la sindrome dell'impiccagione può portare all'arresto cardiaco e alla morte. 

Il termine “trauma sospeso” si trova solitamente nella letteratura tedesca, anche se in questo contesto il termine trauma è fuorviante poiché il paziente non deve necessariamente avere una lesione meccanica (trauma).

Pertanto - simile alla "sindrome da sospensione" inglese - il termine "sindrome da sospensione" sembra più corretto per descrivere questo complesso di sintomi e dovrebbe essere utilizzato in futuro. 

Qualsiasi persona che svolge un'attività assicurata su corda può essere colpita dalla sindrome dell'impiccagione, in particolare gli scalatori (industriali), gli alpinisti, gli speleologi, i parapendisti e i lavoratori assicurati su corda.

Che si tratti di arrampicata alpina, in alta quota, parapendio o arrampicata industriale: una sindrome da sospensione può colpire chiunque lavori su corde. Foto: argonaut.pro/paulitrenkenwalder.com
Che si tratti di arrampicata alpina, in alta quota, parapendio o arrampicata industriale: una sindrome da sospensione può colpire chiunque lavori su corde. Foto: argonaut.pro/paulitrenkenwalder.com

Perché appendere ad un'imbracatura può essere così pericoloso

La causa esatta della sindrome dell’impiccagione è controversa da decenni. Negli ultimi anni diversi studi sperimentali e test dell’impiccagione hanno permesso di comprendere meglio la genesi della sindrome dell’impiccagione.

La causa della morte è essenzialmente una riduzione generalizzata del flusso sanguigno del corpo, che causa insufficienza multiorgano. Soprattutto due meccanismi sembrano svolgere un ruolo rilevante nello sviluppo della sindrome dell’impiccagione. 

  1. Da un lato, a causa della gravità, il sangue si accumula nelle vene delle parti pendenti del corpo, soprattutto nelle gambe. Ciò è aggravato dalla ridotta attività muscolare, ad esempio a causa di esaurimento, bassi livelli di zucchero nel sangue, dolore, lesioni, ipotermia o perdita di coscienza. Questo a sua volta può portare a uno Riduzione della circolazione sanguigna e quindi danni a vari organi portare.
  2. Tuttavia, studi più recenti suggeriscono che la causa principale dell'incoscienza è un cosiddetto risposta riflessa vasovagale sembra essere caratterizzato da un improvviso calo della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna. Ciò si traduce in uno Ridotto flusso sanguigno e insufficiente apporto di ossigeno al cervello, che a sua volta porta all'incoscienza. Inoltre tutti i muscoli si rilassano, così che in un paziente privo di sensi legato alla corda, il punto della corda è il punto più alto. 
Posizione sospesa a forma di arco che limita notevolmente il flusso sanguigno dalle gambe, il che significa che il flusso sanguigno ridotto al cervello non può essere eliminato. Foto: argonaut.pro/paulitrenkwalder.com
Posizione sospesa a forma di arco che limita notevolmente il flusso sanguigno dalle gambe, il che significa che il flusso sanguigno ridotto al cervello non può essere eliminato. Foto: argonaut.pro/paulitrenkwalder.com

Attraverso questa posizione “ad arco” (Foto sopra), il riflusso del sangue dalle gambe è molto limitato e il ridotto flusso sanguigno al cervello non può essere invertito. 

Se il periodo di sospensione è sufficientemente lungo, questa posizione può portare alla morte del paziente.

Il tempo necessario affinché si verifichi questa risposta riflessa vasovagale è soggetto a differenze individuali e può in casi estremi solo pochi minuti Essere. Anche il tempo che intercorre tra la comparsa dei primi sintomi e la perdita di coscienza è molto individuale e, nel peggiore dei casi, può essere inferiore a un minuto.

Processi sospesi liberi fondamentali per la sopravvivenza

  • Se una persona priva di sensi viene fissata alla corda, la testa può piegarsi a causa della gravità e quindi le vie respiratorie possono essere bloccate, con il rischio di morte. 
  • Una generale mancanza di afflusso di sangue ai tessuti porta a danni cellulari e quindi alla formazione di prodotti di degradazione dannosi.
  • La congestione del sangue nelle vene delle gambe, l'eventuale ipotermia e l'eccessivo lavoro muscolare dovuto ai tentativi di autosalvataggio favoriscono il danno cellulare, in particolare quello muscolare, e quindi l'insufficienza multiorgano.
  • Inoltre, un forte aumento dei livelli di potassio nel sangue a causa di un danno cellulare può portare ad aritmie cardiache potenzialmente letali.

Come proteggersi: cinque misure preventive

1. Salvataggio personale o di un compagno

Fondamentalmente il tempo di sospensione dovrebbe essere il più breve possibile. Ciò richiede che tu salvi te stesso o i tuoi compagni il più rapidamente possibile. Il presupposto è che la persona impiccata abbia capacità di autosoccorso e abbia con sé anche il materiale necessario (corda di registrazione, imbracatura, dispositivo di bloccaggio, ecc.). 

Tuttavia, se la persona impiccata non è in grado di salvarsi da sola, lo sviluppo della sindrome da impiccagione dovrebbe essere impedito il più possibile finché il salvataggio non possa essere effettuato da compagni o da un salvataggio organizzato. 

2. Movimento attivo sul muro

Per ridurre l'accumulo di sangue nelle vene delle gambe, la persona sospesa dovrebbe muovere attivamente le gambe, ad esempio facendo "ciclismo aereo" o spingendo le gambe verso l'alto su una roccia accessibile, una fessura o un muro di un edificio. 

  • Le imbracature a gradini supportano la pompa muscolare quando si pende liberamente. Foto-argonaut.pro:paulitrenkwalder.com
  • A seconda della situazione è possibile anche fissare un'imbracatura per gradini per l'arrampicata sportiva con le fettucce Express
  • o in alternativa con lo zaino sganciato

3. Imbracatura a gradini quando si pende liberamente

Quando si è sospesi liberamente, la pompa muscolare può essere supportata utilizzando un'imbragatura a gradino auto-attaccata (Immagine della Galleria I). 

4. Resistenza con corda

Se invece l'infortunato non è attaccato all'estremità della corda, può allungare la gamba e spingere il corpo verso l'alto avvolgendo due volte la corda appesa attorno al proprio piede contro la resistenza della corda. La gamba non fasciata può essere sostenuta anche dall'altro piede. L'attività dei muscoli delle gambe fa sì che il sangue nelle vene venga pompato verso il cuore (“pompa muscolare”). 

5. Gambe sollevate

Il miglioramento del ritorno venoso dalle parti pendenti del corpo può essere ottenuto anche sollevando le gambe pendenti da un soccorritore o attaccando un'imbracatura (fascia) alla parte posteriore delle ginocchia (immagine sotto).

  • Le gambe sollevate migliorano il ritorno del sangue venoso, che può essere ottenuto dal soccorritore sollevando le gambe o utilizzando imbracature o simili. Foto-argonaut.pro:paulitrenkwalder.com
  • Variante II, anche con zaino integrato come supporto per la schiena

Se la persona è incosciente

Se l'impiccato non è in grado di salvarsi e di muoversi attivamente a causa di esaurimento, ferite, dolore, ipoglicemia, ipotermia o perdita di coscienza, l'obiettivo dell'accompagnatore deve essere quello di portare l'impiccato il più rapidamente possibile per liberarlo dalla corda e portarla in un luogo dove possa essere conservata in piano.

Ciò significa che nella sindrome da sospensione - simile al salvataggio in valanga - il L’autosalvataggio e il salvataggio del compagno sono gli anelli più importanti nella catena della sopravvivenza e, in termini di influenza sulla sopravvivenza, devono essere valutati significativamente superiori rispetto al salvataggio professionale organizzato. 

Consiglio

Quando acquisti un'imbracatura da arrampicata, dovresti assicurarti che si adatti perfettamente alle proporzioni del tuo corpo e ti permetta di appenderti nel modo più indolore possibile. Una cintura adatta e regolata in modo ottimale può ridurre il dolore in caso di sospensione prolungata e quindi prevenire una ridotta capacità di movimento.

La compressione vascolare dei grandi vasi delle gambe nella zona inguinale non si verifica se le moderne cinture lombare, come quelle comunemente utilizzate negli sport di montagna, vengono applicate correttamente e adattate alle proporzioni del corpo. Le cinture lombare con cosciali larghi sono preferibili a quelle strette, anche se il comfort di sospensione dipende in modo significativo anche dal taglio e dalla costruzione (del materiale). 

In caso di sospensione libera per un periodo di tempo prolungato, gli zaini dovrebbero essere rimossi dalla schiena e fissati, ad esempio, al punto di corda, in modo che la sospensione possa risparmiare energia il più possibile.

Pronto soccorso per il salvataggio (professionale).

Se nonostante tutte le misure precauzionali si è verificata una caduta con sospensione libera ed è in corso un'operazione di soccorso alpino, i soccorritori (professionali) dovrebbero tenere in considerazione alcuni aspetti:

  • Naturalmente i pazienti che soffrono della sindrome dell'impiccagione si trovano solitamente su terreni a rischio di caduta. L'autoprotezione dei soccorritori ha la massima priorità.
  • Finché il paziente è cosciente, il personale di emergenza dovrebbe incoraggiarlo ad attivare la pompa muscolare come descritto sopra.
  • Se il paziente è incapace, la prima persona che lo raggiunge deve alzare le gambe in una posizione quanto più orizzontale possibile. Inoltre, se il paziente è incosciente, è necessario garantire la libertà delle vie aeree allungando la testa.
  • Una volta liberato il paziente dalla parete, deve essere immediatamente adagiato ed esaminato secondo l’algoritmo C-ABCDE accettato a livello internazionale (vedi “Emergenza alpina” in alpinismo #102)
  • Il monitoraggio dell'ECG deve essere effettuato il più presto possibile a causa dell'aumento del rischio di aritmie cardiache (rischio di aumento dei livelli di potassio nel sangue). Eventuali aritmie cardiache che si verificano devono essere trattate in conformità con le attuali linee guida.
  • Un DAE (defibrillatore automatico esterno, cfr alpinismo #101) deve assolutamente essere portato con sé sul posto di lavoro.
  • Se è presente una situazione di rianimazione, le misure di rianimazione standard devono essere eseguite il più rapidamente possibile (vedi alpinismo #100).
  • Le misure avanzate per trattare i livelli elevati di potassio nel sangue sono importanti per i soccorritori professionisti.
  • Per periodi di sospensione più lunghi, le soluzioni per infusione dovrebbero essere somministrate anche per via endovenosa per prevenire l'insufficienza renale causata dai prodotti di decadimento cellulare.
  • Se il paziente è rimasto in posizione sospesa per più di due ore, la clinica di destinazione dovrebbe sottoporsi a una procedura di sostituzione del rene.
  • Inoltre, grande importanza dovrebbe essere data alla prevenzione e al trattamento della possibile ipotermia.

Le cose più importanti a colpo d'occhio

La sindrome dell'impiccagione è potenzialmente pericolosa per la vita!

Principali rischi durante l'impiccagione

Insufficienza circolatoria e ostruzione delle vie aeree

Principali rischi dopo il salvataggio del paziente

  • aritmia
  • Ipotermia
  • danni renali
  • L'autodifesa è sempre al primo posto!

prevenzione

  • Non svolgere da soli le attività assicurate tramite fune. Un rapido (auto) salvataggio è della massima importanza.
  • Attivazione della pompa muscolare (movimento della gamba, spinta contro il moncone). Quando si appende, assumere una posizione quanto più orizzontale possibile, utilizzando anelli ausiliari se necessario
  • Regolazione ottimale del sistema di cinture

Trattamenti

Deposito piatto dopo il salvataggio; Lo standard è l'algoritmo C-ABCDE


Informazioni sulla rivista bergundstieg

Marzo dell'alpinismo

Bergundstieg è una rivista internazionale per la sicurezza e il rischio negli sport di montagna e illumina i temi dell'attrezzatura, del soccorso alpino, della tecnologia delle funi, degli incidenti e della conoscenza delle valanghe. Bergundstieg è pubblicato dalle associazioni alpine dell'Austria (PES), Germania (DAV), Alto Adige (AVS) e Svizzera (BORSE).


Questo potrebbe interessarti

+++

Crediti: foto di copertina argonaut.pro/paulitrenkwalder.com| alpinismo

Attuale

Professionisti dell’arrampicata come ambasciatori del clima – è possibile?

Katherine Choong e Nicolas Hojac sono professionisti dell'arrampicata e ambasciatori del clima presso Protect our Winters. Come affronti questo doppio ruolo?

Allenamento nonostante una lesione al legamento anulare

Lesione del legamento anulare: in questo video, Dave MacLeod spiega come può essere una sessione di allenamento adattata sulla parete da boulder.

Ondra durante il tentativo di 9a a-vista: stop finale per rottura della presa

Questo video mostra Adam Ondra mentre tenta un solido tentativo di 9a a-vista. Ma quando la maniglia si rompe, tutto finisce bruscamente.

Le Kingline spagnole si ripetono

Jorg Verhoeven, Gabriele Moroni e Leo Ketil Bøe ripetono le classiche del 9° grado francese a Siurana, Oliana e Margalef.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Professionisti dell’arrampicata come ambasciatori del clima – è possibile?

Katherine Choong e Nicolas Hojac sono professionisti dell'arrampicata e ambasciatori del clima presso Protect our Winters. Come affronti questo doppio ruolo?

Allenamento nonostante una lesione al legamento anulare

Lesione del legamento anulare: in questo video, Dave MacLeod spiega come può essere una sessione di allenamento adattata sulla parete da boulder.

Ondra durante il tentativo di 9a a-vista: stop finale per rottura della presa

Questo video mostra Adam Ondra mentre tenta un solido tentativo di 9a a-vista. Ma quando la maniglia si rompe, tutto finisce bruscamente.