L'arrampicata come opportunità per superare costantemente se stessi

Le mastodontiche atlete Amruta Wyssmann e Lucia Capovilla sono nate entrambe senza avambraccio sinistro. Un fatto che non impedisce loro di arrampicarsi, né di superare sempre più i propri limiti. Una conversazione sulla creatività nell'arrampicata, nelle competizioni e nell'ispirazione.

Amruta Wyssman ha 30 anni e vive a Düdingen. Cresciuta nei Grigioni, è entrata in contatto con gli sport di montagna in tenera età. Tuttavia, non ha fatto i suoi primi "veri" tentativi di arrampicata fino al 2018. Tre anni dopo è stata la prima a iniziare paracadutista per la Swiss Climbing Team ed è una delle aspiranti svizzere alla Coppa del Mondo di casa a Berna 2023.

Lucia Capovilla è cresciuto a Venezia ed è paraclimber professionista dal 2015. Il 29enne ha provato ad arrampicare più per scherzo, ma poi ha trovato molto rapidamente la sfida di muoversi in verticale. Quest'estate ha lasciato il lavoro e si è trasferita nella mecca dell'arrampicata di Arco in cerca di nuove opportunità.

I due atleti salgono nella categoria AU2, cioè con un solo avambraccio. Abbiamo parlato con le due donne della loro passione

Lucia Capovilla corona la sua forte stagione agonistica con la medaglia d'oro alla Coppa del Mondo IFSC 2022 a Salt Lake City. Immagine: Slobodan Miskovic
Lucia Capovilla corona la sua forte stagione agonistica con la medaglia d'oro alla Coppa del Mondo IFSC 2022 a Salt Lake City. Immagine: Slobodan Miskovic

Dimmi: quando sei entrato in contatto per la prima volta con l'arrampicata?

Lucia Capovilla: Ho iniziato ad arrampicare nel 2015. Ci ho provato più per scherzo. Fedele al motto: "Dimmi che non ce la faccio e ti dimostrerò che hai torto". Quel giorno sono andato in una palestra di arrampicata con un mio amico e ho trovato un masso che sembrava una scala, quindi ho detto: "Oh, sembra così facile, potrei farlo anche io!" Sono stato quindi sfidato a provarlo. Detto fatto: ho raggiunto la vetta. L'unico problema era la discesa perché non avevo intenzione di cadere sul tappeto. Questo è probabilmente il motivo per cui preferisco ancora l'arrampicata su corda al boulder.

"Dimmi che non posso e ti dimostrerò che hai torto."

Lucia Capovilla

Amruta Wyssmann: Sono cresciuta nei Grigioni, quindi l'alpinismo è sempre stato un problema. Mia madre dice sempre che mi arrampicavo e mi arrampicavo. Tuttavia, ho fatto i miei primi "veri" tentativi di arrampicata solo nel 2018. Ero meno audace perché pensavo che non avrebbe funzionato con "solo" un braccio. Uno dei miei migliori amici mi ha poi portato in palestra di arrampicata. Ho solo pensato tra me e me: se funziona, allora funziona, e se no, allora no.

Cosa significa per te arrampicare?

Amruta Wyssmann: Significa tutto per me! Per me l'arrampicata è più di un semplice sport. L'arrampicata mi permette di superare costantemente me stesso. Il mio motto è: posso perché voglio.

«L'arrampicata mi permette di superare costantemente me stesso.»

Amruta Wyssman

Lucia Capovilla: Per me arrampicare significa libertà. Posso usare tutto il mio corpo e trasformare le mie debolezze in punti di forza. L'arrampicata mi rende più sicuro di quello che posso fare con la mia "pinna fortunata" (Lucia la chiama affettuosamente braccio sinistro) e aumenta la fiducia in me stessa.

Quando arrampico, mi sento libera di essere creativa e di trovare modi diversi per scalare un punto. Mi costringe a pensare fuori dagli schemi. L'arrampicata è sempre emozionante perché non si ripete ed è diversa in ogni punto, a seconda della parete, della presa e della situazione.

Amruta Wyssmann: "Il mio motto è: posso perché voglio". Immagine: Markus Cadosch
Amruta Wyssmann: "Il mio motto è: posso perché voglio". Immagine: Markus Cadosch

Cosa ti piace particolarmente dell'arrampicata competitiva?

Amruta Wyssmann: È molto divertente, perché l'atmosfera è molto diversa da quando mi alleno "semplicemente". Naturalmente, sono anche guidato dal brivido.

Lucia Capovilla: Nell'arrampicata sportiva, i percorsi sono espressamente progettati per gli atleti di paraclimbing. Ciò significa che viene prestata attenzione per garantire che siano fisicamente fattibili. Quando vado ad arrampicare in privato, salgo vie che non sono specificamente progettate per il paraclimbing. Quindi a volte è difficile per me capire se sono bravo in quello che faccio o se potrei essere migliore. Quindi l'arrampicata competitiva è una grande opportunità per incontrare persone come me e conoscere approcci diversi.

“Quando vado ad arrampicare in privato, salgo vie che non sono specificamente progettate per il paraclimbing. Quindi a volte è difficile per me capire se sono bravo in quello che faccio o se potrei essere migliore".

Lucia Capovilla

Cosa è meglio per te: arrampicata su corda o bouldering?

Lucia Capovilla: Preferisco le vie di più tiri e l'arrampicata di piombo perché qui posso essere più creativa e trovare la mia soluzione per superare un passaggio chiave della via. Nel boulder c'è una sequenza obbligatoria e la disciplina è molto impegnativa in termini di distanza, potenza e dinamica dei movimenti. Mi piacerebbe fare boulder se le vie fossero chiodate a intervalli in base all'apertura del mio braccio e alle prese che la mia "pinna fortunata" può afferrare.

Amruta Wyssmann: All'inizio facevo solo boulder. Quando sono entrato a far parte della squadra di paraclimbing, ho anche iniziato ad arrampicare su corda. Ora mi piace fare entrambi allo stesso modo. Per me, le discipline si completano a vicenda.

«Mi piacerebbe fare boulder se le vie fossero chiodate a intervalli in base all'apertura del mio braccio e alle prese che la mia "pinna fortunata" può afferrare.»

Lucia Capovilla

Preferisci arrampicare indoor o outdoor?

Lucia Capovilla: Prediligo l'arrampicata outdoor per via del contatto con la natura e perché mi permette di rilassarmi meglio. Adoro stare all'aria aperta e non mi spingo sempre al limite. L'arrampicata indoor è più impegnativa dal punto di vista fisico perché mi permette di spingere i miei limiti e spingermi all'estremo. Amo allenarmi e crescere.

Amruta Wyssmann: Al momento preferisco ancora l'arrampicata indoor, ma penso che sia perché non ho ancora avuto così tanta esperienza all'aperto. In vista dei prossimi Campionati Mondiali di Arrampicata della prossima estate, anche l'arrampicata indoor è una priorità in questo momento. Ma mi piacerebbe davvero uscire di più sugli scogli. Perché l'arrampicata all'aperto è una sfida eccitante, soprattutto perché i percorsi non sono specificati con precisione rispetto all'arrampicata indoor e devi cercarli da solo.

La disciplina preferita di Lucia: le vie di più tiri. Immagine: Luca Pasqualetto
La disciplina preferita di Lucia: le vie di più tiri. Immagine: Luca Pasqualetto

Quali sono i tuoi obiettivi per i Mondiali di arrampicata a Berna?

Amruta Wyssmann: Voglio sempre fare del mio meglio. Soprattutto, per me è importante continuare ad arrampicare divertendosi.

Lucia Capovilla: Voglio divertirmi e superare i miei limiti. Voglio dimostrare ai Mondiali di aver migliorato la mia tecnica durante la fase di allenamento e di essere diventato fisicamente e mentalmente più forte.

"Utilizzo i miei limiti fisici a mio vantaggio perché affronto le vie in modo più non convenzionale e creativo".

Amruta Wyssman

Dove vedi i tuoi punti di forza e di debolezza?

Lucia Capovilla: La mia forza sta nella precisione, nella fluidità delle mie salite e nella mia determinazione. Non sono così forte in termini di forza muscolare, resistenza e fiducia nel mio braccio sinistro.

Amruta Wyssmann: Perseveranza. Mi diverto molto ad arrampicare, motivo per cui mi diverto anche ad allenarmi – anche quando è faticoso, non mi arrendo. Sfrutto i miei limiti fisici a mio vantaggio perché affronto i percorsi in modo più non convenzionale e creativo.

Il mio nervosismo è una sfida per me, sono spesso molto eccitato, soprattutto prima delle gare, e non riesco sempre a esibirmi come vorrei e potrei. Faccio un allenamento mentale regolare in modo da poter raggiungere il mio pieno potenziale. Ciò include esercizi di respirazione e tenere un diario di allenamento.

Amruta Wyssmann: "Mi diverto molto ad arrampicare, motivo per cui mi diverto anche ad allenarmi, anche quando è faticoso non mi arrendo". Domenico Legante
Amruta Wyssmann: "Mi diverto molto ad arrampicare, motivo per cui mi diverto anche ad allenarmi, anche quando è faticoso non mi arrendo". Domenico Legante

Cosa significa per te lavorare con Mammut?

Lucia Capovilla: Sono stata felicissima quando Mammut mi ha contattato e mi ha chiesto se fossi interessato a lavorare con loro. Mammut è un noto marchio con prodotti di alta qualità. Ciò che mi rende particolarmente felice è che Mammut è più interessato alla mia storia che ai miei successi. Sento che possiamo aiutarci a vicenda a diffondere il mio messaggio «I limiti sono solo nelle nostre teste».

Amruta Wyssmann: Sono stata fortunata che Mammut si sia avvicinato a me. Per me è importante lavorare con un marchio svizzero che fa molto nell'area della sostenibilità. Le questioni dell'inquinamento ambientale e dei salari iniqui mi stanno particolarmente a cuore. Voglio assumermi la responsabilità lavorando con un marchio locale come Mammut che condivide con me questi valori.

"Ciò che mi rende particolarmente felice è che Mammut è più interessato alla mia storia che ai miei successi".

Lucia Capovilla

Chi o cosa ti ispira?

Amruta Wyssmann: Tutti gli altri atleti che prendono parte alla Coppa del Mondo di Paraclimbing. Ma anche tutti gli altri partecipanti, dagli juniores all'élite ai Mondiali, mi ispirano.

Lucia Capovilla: Lynn Hill e Janja Garnbret mi ispirano con il loro approccio alla vita e la loro tecnica di arrampicata.

Lucia Capovilla: «Sarei felice se potessi aiutare le persone disabili ad avvicinarsi all'arrampicata». Immagine Dimitris Tosidis
Lucia Capovilla: «Sarei felice se potessi aiutare le persone con disabilità ad avvicinarsi all'arrampicata». Immagine Dimitris Tosidis

Come giudichi la percezione pubblica del paraclimbing?

Amruta Wyssmann: Qui in Svizzera il paraclimb è ancora poco conosciuto. Spero che le cose cambino con il Mondiale casalingo a Berna il prossimo anno. Rappresentando lo sport il più attivamente possibile, voglio influenzare positivamente la percezione dello sport e mostrare al mondo che puoi ottenere qualsiasi cosa se sei determinato e ti piace quello che fai.

“Rappresentando lo sport il più attivamente possibile, voglio influenzare la sua percezione in modo positivo e mostrare al mondo che puoi ottenere qualsiasi cosa se sei determinato e ti piace quello che fai.

Amruta Wyssman

Lucia Capovilla: Il paraclimbing non è molto conosciuto, nemmeno nella comunità degli arrampicatori. Spero che un giorno sarà "normale" pensare che le persone con disabilità possano fare tutto ciò che fanno le persone senza disabilità, in particolare l'arrampicata. Sarei felice se potessi aiutare le persone con disabilità ad avvicinarsi all'arrampicata su roccia.

"Spero che un giorno sarà "normale" pensare che le persone con disabilità possano fare tutto ciò che fanno le persone senza disabilità, in particolare l'arrampicata".

Lucia Capovilla
Amruta Wyssmann: "Se potessi tornare indietro nel tempo, avrei iniziato ad arrampicare da piccola". Immagine: Christoph Zundel
Amruta Wyssmann: "Se potessi tornare indietro nel tempo, avrei iniziato ad arrampicare da piccola". Immagine: Christoph Zundel

Infine, cosa hai sempre voluto dire ma non ti è mai stato chiesto?

Amruta Wyssmann: Se potessi tornare indietro nel tempo, avrei iniziato ad arrampicare da bambina.

Lucia Capovilla: Com'è difficile. Nessuno mi ha mai chiesto quanto sia difficile per me spingere i miei limiti ancora e ancora. Seguire il proprio cuore e spingersi oltre è il miglior regalo che puoi fare a te stesso. A volte può essere difficile. Ogni passo è incerto, ma alla fine ne varrà la pena perché sarà reale.

"Nessuno mi ha mai chiesto quanto sia difficile per me continuare a spingere i miei limiti".

Lucia Capovilla

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: Foto di copertina: Dimitris Tosidi e Cristoforo Zundel

Attuale

Coppa del Mondo IFSC Lead e Speed ​​Briançon | Informazioni e live streaming

L'ultima Coppa del Mondo prima delle Olimpiadi si svolgerà a Briançon dal 17 al 19 luglio 2024. Qui troverai tutte le informazioni importanti e i live streaming.

5 motivi per fare un pellegrinaggio alla mecca alpina di Chamonix l'anno prossimo

Scopri tutto sull'Arc'teryx Alpine Academy di Chamonix: un evento superlativo per gli appassionati di alpinismo provenienti da oltre 30 paesi.

Ai Mori e Colin Duffy vincono la Coppa del Mondo Lead a Chamonix

La Coppa del Mondo Lead di Chamonix 2024 è storia: il giapponese Ai Mori e l'americano Colin Duffy hanno vinto la medaglia d'oro.

Questi 68 scalatori sono qualificati | Giochi Olimpici di Parigi

Quali scalatori sono qualificati per i Giochi Olimpici? Te lo raccontiamo in questo articolo.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Coppa del Mondo IFSC Lead e Speed ​​Briançon | Informazioni e live streaming

L'ultima Coppa del Mondo prima delle Olimpiadi si svolgerà a Briançon dal 17 al 19 luglio 2024. Qui troverai tutte le informazioni importanti e i live streaming.

5 motivi per fare un pellegrinaggio alla mecca alpina di Chamonix l'anno prossimo

Scopri tutto sull'Arc'teryx Alpine Academy di Chamonix: un evento superlativo per gli appassionati di alpinismo provenienti da oltre 30 paesi.

Ai Mori e Colin Duffy vincono la Coppa del Mondo Lead a Chamonix

La Coppa del Mondo Lead di Chamonix 2024 è storia: il giapponese Ai Mori e l'americano Colin Duffy hanno vinto la medaglia d'oro.