Arrampicata su ghiaccio: cosa considerare quando si inizia e consigli dei professionisti

L'arrampicata su ghiaccio non è senza di essa - come qualsiasi altro tipo di sport di montagna, anche l'arrampicata su ghiaccio comporta alcuni rischi. Quindi non è da sottovalutare se si vogliono fare i primi tentativi. Ti mostriamo ciò a cui devi prestare attenzione durante l'arrampicata su ghiaccio e presentiamo i consigli dei professionisti.

Un contributo di Daria Haas - Bächli Bergsport

Acqua versatile: ciò significa che in inverno le cascate selvagge gelano e formano così affascinanti vie di arrampicata. Quindi se non vuoi fare a meno di arrampicare all'aperto nella stagione fredda, puoi farlo su ghiaccio verticale.

Rectangle_Knatsch in Magic Wood

Ma cosa devi considerare? All'inizio, la manovrabilità della corda e il processo sono simili, se non quasi uguali, a quelli dell'arrampicata su vie alpine di più tiri. Quindi un chiaro vantaggio se hai già acquisito esperienza qui.

Materiale aggiuntivo per l'arrampicata su ghiaccio

Anche la tecnica di arrampicata in sé e per sé non differisce molto dall'arrampicata su ghiaccio. Tuttavia, hai bisogno di materiale aggiuntivo, come Viti da ghiaccioAscia ripida, speciale ramponi e guanti con una buona presa per Donne o Uomini.

Foto di Greg Rakozy su Unsplash
Immagine Greg Rakozy 

Tuttavia, c'è una differenza molto specifica nell'arrampicata su più tiri, perché non sono consentite cadute sul ghiaccio mentre si è in testa. I due atleti Bächli affermano che cadere nel ghiaccio è un tabù. A differenza delle vie su roccia, i dispositivi di sicurezza sono posizionati molto più distanti tra loro sul ghiaccio, il che crea un rischio reale di cadute elevate.

Quando si arrampica sul ghiaccio, cadere in testa è un tabù.

E poi ci sono piccozze e ramponi, attrezzature che possono facilmente provocare lesioni. Pertanto, ecco alcune abilità di base che devono essere osservate durante l'arrampicata su ghiaccio.

Forza muscolare e know-how tecnico

È importante avere una posizione stabile, che puoi ottenere stando alla larghezza delle spalle. Questa è la posizione di base del rampone. Se si posiziona un chiodo da ghiaccio, si sta più larghi per ottenere una posizione ancora più stabile. Ma come devono essere correttamente calpestati i ramponi nel ghiaccio?

Molto semplice: con un'oscillazione sciolta dal ginocchio, le punte anteriori vengono "calciate" nel ghiaccio. La sensibilità è richiesta qui. Una tecnica corretta ed efficiente è importante anche quando si installa un chiodo da ghiaccio o si utilizza una piccozza. La tecnica dell'arrampicata su ghiaccio è notevolmente più complessa di quella dell'arrampicata su roccia, così come la forza.

La formazione di ghiaccio è di fondamentale importanza

Ovviamente, dovresti avere una certa quantità di forza e resistenza se vuoi provare questo sport. E ci sono molti fattori da considerare; Oltre alla radiazione solare e alle fluttuazioni di temperatura, anche la formazione di ghiaccio è di fondamentale importanza. Hai anche bisogno di uno sguardo attento.

A differenza dell'arrampicata su roccia, non devi usare le prese per l'orientamento.

A differenza dell'arrampicata su roccia, non devi usare le prese per l'orientamento, ma hai bisogno di un occhio in modo da sapere dove colpire il tuo brufolo. Anche la fiducia nel ghiaccio è importante. Inoltre l'assicuratore è sempre esposto alla cascata di ghiaccio dello scalatore. Ecco perché la posizione corretta della persona che lo assicura è fondamentale.

Foto di Johannes Andersson su Unsplash
Immagine Johannes Andersson

Tutti questi fattori fanno sì che i tuoi primi tentativi sul ghiaccio debbano essere assolutamente fatti con una guida alpina o una persona di fiducia con una solida esperienza di arrampicata su ghiaccio. Anche per un altro motivo: hai bisogno di molto materiale per l'arrampicata su ghiaccio - le scuole di alpinismo possono fornirtelo facilmente durante un corso.

I primi tentativi vanno assolutamente fatti con una guida alpina o una persona esperta.

Le guide alpine di Punto di montagna una buona scelta. I corsi si svolgono a diversi livelli e presto. Vale quindi la pena registrarsi rapidamente. Che ne dici di quello Corso per principianti? Tuttavia, gli studenti avanzati sono in 2 ° corso meglio. Vale sicuramente la pena provare questo sport affascinante, poiché l'arrampicata su ghiaccio è più avventurosa, soprattutto per la testa, dell'arrampicata su roccia. Lasciati ispirare dai bellissimi percorsi in Svizzera qui sotto.

Dove puoi trovare bellissimi coni

«L'Engadina merita sempre una visita. Senza dover salire a Pontresina, troverai un facile accesso all'arrampicata su ghiaccio. " Roger Schäli, alpinista professionista, è entusiasta delle opportunità di arrampicata su ghiaccio a Pontresina. Nella gola, che è proprio nel villaggio, le cascate offrono qualcosa per tutti i livelli. Ci sono anche percorsi misti e topos perforati. Al momento ci sono ottime condizioni in Engadina. Fa freddo qui più a lungo che nella maggior parte delle altre zone. Ecco perché le condizioni del percorso sono buone per molto tempo.

Roger Schäli, alpinista professionista, è entusiasta delle opportunità di arrampicata su ghiaccio a Pontresina.

Immagine Roger Schäli

Il consiglio dell'atleta Bächli Roger Schäli

L'atleta Bächli Roger Schäli nomina i percorsi dell'Allmenalp a Kandersteg come un consiglio da insider. Le migliori condizioni ci sono quando il sole non splende. Quindi niente per «Gfrörlis».

«Sul retro del Kiental c'è una zona fantastica per l'arrampicata su ghiaccio ». Jonas Schild, atleta Bächli, consiglia la zona «Tschingel». Da Spiez si prosegue verso Reichenbach nella Kiental. Il modo migliore per raggiungere il sito è l'auto. C'è un parcheggio disponibile. Ci vuole solo un approccio molto breve. È possibile raggiungere le cascate di ghiaccio entro 5 o 30 minuti. Un grande vantaggio. "È un'area di corso perfetta", afferma entusiasta Jonas Schild.

L'avvicinamento dura dai 5 ai 30 minuti e le cascate di ghiaccio sono perfette per i corsi e per i principianti.

Perché ha percorsi che vanno dal WI3 all'M10 ed è adatto sia ai principianti che ai professionisti. Alla domanda sul perché valga la pena arrampicare proprio lì nello Tschingel, Kiental, Jonas dice: "Quando arrivi puoi già vedere lo scenario unico e la bellezza delle cascate di ghiaccio".

Questo potrebbe interessarti

A proposito di sport di montagna Bächli

Bächli sport di montagna è il principale negozio specializzato in Svizzera per arrampicata, alpinismo, spedizioni, escursioni, sci alpinismo e ciaspolate. Nelle attuali sedi 13 in Svizzera, Bächli Bergsport offre ai suoi clienti una consulenza competente e un servizio di alta qualità. Pubblicato su LACRUX Bächli sport di montagna a intervalli regolari contributi entusiasmanti ai temi arrampicata, bouldering e alpinismo.

+++
Crediti: immagine di copertina Jon slash on Unsplash, Altre immagini: foto di Johannes Anderson on Unsplash, Fotografato da Greg rakozy on Unsplash, Roger Schäl

Attuale

Alex Honnold polverizza il record di velocità in solitaria del Salathé Wall

Alex “No-Big-Deal” Honnold ha stabilito un nuovo record di velocità in solitaria su corda su El Capitan: la Salathé Wall in 11 ore e 18 minuti.

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.

Petra Klingler e Julien Clémence sono Campioni svizzeri di Boulder 2024

Petra Klingler vince il suo undicesimo titolo di campionessa svizzera di boulder. Julien Clémence ottiene la sua terza vittoria.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Alex Honnold polverizza il record di velocità in solitaria del Salathé Wall

Alex “No-Big-Deal” Honnold ha stabilito un nuovo record di velocità in solitaria su corda su El Capitan: la Salathé Wall in 11 ore e 18 minuti.

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.
×Display 350x90_Knatsch in Magic Wood