Eva Hammelmüller: Grado 9a in vista

La climber austriaca Eva Hammelmüller ha avuto un inizio perfetto per il nuovo anno. A St. Léger gestisce la via 8c+ La ligne claire. Un buon inizio e un altro passo verso l'obiettivo di superare il grado 9a.

Segnato nel maggio 2021 Eva Hammelmuller con Underground (8c+/9a) la loro via più difficile fino ad oggi. Da allora ha messo gli occhi sul grado 9a. All'inizio dell'anno, ha raggiunto un'altra tappa su questo obiettivo in Francia St Léger du Ventoux, dove loro La linea Chiara (8c+) salito.

Eva Hammelmüller sale La ligne claire (8c +) a Saint Léger du Ventoux. Immagine: Felix Tsam
Eva Hammelmüller sale La ligne claire (8c +) a Saint Léger du Ventoux. Immagine: Felix Zam

Congratulazioni per il tuo buon inizio d'anno Eva! Dimmi, cosa rende La ligne claire la linea perfetta per te?

La linea è caratterizzata da tre aree boulder difficili ed estremamente diverse. Mentre il primo masso è molto ripido, pesante e molto resistente, il secondo richiede una buona resistenza su sinterizzazioni scadenti. Il terzo boulder è su un terreno più pianeggiante con appigli estremamente piccoli.

"Penso che sia davvero bello quando i percorsi mettono alla prova molti aspetti diversi."

Eva Hammelmuller

E quale parte ti ha sfidato di più?

Sulla via stessa, il primo boulder è stato il più difficile per me. Ma la parte più impegnativa è stata sicuramente affrontare la pressione di avere solo pochi giorni per salire la via. Ho iniziato a provare seriamente la via solo il terzo di un totale di otto giorni di arrampicata.

«Così sono stato ancora più felice quando sono riuscito a scalarlo il 5° giorno. Inoltre, ho avuto ancora tempo per scalare altre mega vie!»

Eva Hammelmuller

L'anno 2023 è appena iniziato. Cosa hai pianificato?

Il mio obiettivo quest'anno sarebbe sicuramente salire un 9a. Inoltre, voglio prepararmi al meglio per i Mondiali Lead di quest'anno.

Video: Eva Hammelmüller segna in Ötztal

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: immagine di copertina Felix Zam

Attuale

Consiglio sul film: da bambino prodigio ad atleta di livello mondiale

Film consigliato per il fine settimana: Sasha DiGiulian, un tempo prodigio dell'arrampicata, ora atleta professionista con numerose prime salite femminili.

Scarpa da arrampicata di fascia alta per progetti difficili | Qubit impareggiabile

Con Qubit, Unparallel ha sviluppato una nuova scarpetta da arrampicata ad alte prestazioni...
00:12:03

Ritratto intimo dell'olimpionica giapponese Miho Nonaka

Uno sguardo dietro le quinte: accompagna l'icona dell'arrampicata giapponese Miho Nonaka nella sua intensa preparazione per le Olimpiadi del 2024.

I fratelli Pou e Micher Quito aprono una nuova via nelle Ande: Pisco Sour (640m, 85° M6)

Spinta continua di 20 ore: i fratelli Pou e Micher Quito aprono una nuova via in stile alpino nelle Ande: Pisco Sour (640m, 85°, M6).

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Consiglio sul film: da bambino prodigio ad atleta di livello mondiale

Film consigliato per il fine settimana: Sasha DiGiulian, un tempo prodigio dell'arrampicata, ora atleta professionista con numerose prime salite femminili.

Scarpa da arrampicata di fascia alta per progetti difficili | Qubit impareggiabile

Con Qubit, Unparallel ha sviluppato una nuova scarpa da arrampicata ad alte prestazioni che eccelle davvero su terreni ripidi e strapiombanti. Siamo con il nuovo...
00:12:03

Ritratto intimo dell'olimpionica giapponese Miho Nonaka

Uno sguardo dietro le quinte: accompagna l'icona dell'arrampicata giapponese Miho Nonaka nella sua intensa preparazione per le Olimpiadi del 2024.