Nuove prese ad Hachioji: pericolose e ingiuste?

L'associazione internazionale di arrampicata IFSC ha presentato oggi le prese di arrampicata in un video che potrebbe essere utilizzato per la prima volta in una competizione ufficiale. Ma le maniglie non sono ben accolte da molti. Perché?

Lo sport agonistico sta diventando sempre più complesso. Mentre in passato, per dirla semplicemente, la pura forza o resistenza veniva testata usando massi e percorsi, oggi il grano viene separato dalla pula usando tripli lanci, salti e movimenti e simili. Le impugnature stanno diventando più grandi, più rotonde e più folli.

Novità: struttura superficiale «invisibile».

Da qualche anno, le cosiddette prese dual-texture si sono affiancate alle classiche prese e calci da rough climbing. Si tratta di maniglie costituite da una superficie liscia e ruvida. Ora, il produttore di impugnature 360 ​​Holds sta facendo un ulteriore passo avanti. 360 Holds ha sviluppato prese in cui la diversa consistenza è appena percettibile.

Rectangle_Knatsch in Magic Wood

Le maniglie sono ben accolte dai tracciatori di percorsi

I tracciatori di Hachioji sono molto contenti di questo nuovo prodotto, dove le prese sono quasi certamente una prima volta su a IFSC-Sarà applicata la concorrenza. Non sorprende che i tracciatori di percorsi siano contenti di questa innovazione. Perché da anni hanno difficoltà crescenti a separare il forte campo dei partecipanti alle competizioni sulla pura "componente di potenza".

Una maniglia che difficilmente puoi dire dove puoi tenerla o dove scivoli via senza pietà è ovviamente molto comoda. Gli atleti, i fisioterapisti e gli allenatori sono probabilmente meno contenti.

Yannick Flohé è critico

Il climber professionista tedesco è uno che ha subito espresso critiche Yannick Flohe. Ovviamente non gli piace il nuovo tipo di presa.

«Questo non ha nulla a che fare con l'ulteriore sviluppo dello sport, come pensano alcuni tracciatori 'creativi'. Se vuoi spingere il limite del bouldering, allora dovresti prima iniziare a costruire boulder difficili".

Yannick Flohe

Nel corso della chiacchierata Flohé continua a scriverci: “Al momento il livello fisico sufficiente per arrivare in semifinale è pateticamente basso. Costruire massi difficili significa solo più lavoro e devi trovare tester che fanno boulder difficili. » Secondo Flohé, i tracciatori di percorsi potrebbero certamente "risolvere" attraverso la componente fisica.

Non tutti gli atleti competitivi hanno testato le impugnature in anticipo

C'è anche un'altra componente nella storia: l'ingiustizia. Apparentemente, atleti selezionati hanno potuto testare le impugnature prima della Coppa del Mondo. Quindi sai già dove le impugnature hanno attrito e dove no. Il team di gara giapponese, ad esempio, si è già allenato sulle impugnature e ha acquisito esperienza con le impugnature di conseguenza, come si può vedere nella Figura 2 di . Anche il Ct della nazionale tedesca Ingo Filzwieser critica questo aspetto.

"È molto ingiusto se una squadra è stata in grado di allenarsi sulle prese prima della prima Coppa del Mondo e tutti gli altri no. Non dovrebbe davvero succedere. Le nuove impugnature dovrebbero essere nuove per tutti!"

Ingo Filzwieser, Ct nazionale Germania

Un acceso dibattito è scoppiato a seguito del video IFSC. Il produttore di impugnature 360 ​​Holds si è sentito in dovere di commentare e, tra le altre cose, ha colto il fatto che il team giapponese era già in grado di allenarsi sulle impugnature.

"Finora scalatori e tracciatori di 15 paesi hanno testato le prese, incluso il Giappone."

360 prese

Il produttore scrive che le impugnature sono già state utilizzate da atleti e tracciatori di percorsi di 15 paesi nella corsa alla Hachioji- Testato per la Coppa del Mondo. Non si sa quali paesi e quali atleti siano. Su richiesta, 360 Holds ha promesso una risposta, che non era arrivata al momento della stampa. Aggiorneremo qui non appena avremo le informazioni da 360 Holds. Una cosa è certa, la posizione di partenza non è la stessa per tutti i partecipanti alla competizione.

Il rischio di infortuni aumenta per gli atleti?

Un altro punto che si sta discutendo in relazione alle nuove impugnature è l'aspetto del rischio di infortunio. Come spiega nel video la tracciatrice Olga Niemiec, la trama non è molto visibile, soprattutto durante l'arrampicata. Il rischio di sbavature impreviste è alto.

"Quando si tratta di elementi dinamici, specialmente nell'area del gradino, le prese sono piuttosto complicate secondo me, perché la diversa trama è difficile da vedere."

Kevin Hemund, allenatore nazionale Svizzera Eilte

Se tali mosse vengono utilizzate in mosse dinamiche, potrebbe finire male. Quindi è auspicabile che i tracciatori utilizzino le prese con cautela.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

Non perderti nulla: ricevi la nostra newsletter

* obbligatorio
Interessen

+++
Crediti: immagine di copertina IFSC

Attuale

Alex Honnold polverizza il record di velocità in solitaria del Salathé Wall

Alex “No-Big-Deal” Honnold ha stabilito un nuovo record di velocità in solitaria su corda su El Capitan: la Salathé Wall in 11 ore e 18 minuti.

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.

Petra Klingler e Julien Clémence sono Campioni svizzeri di Boulder 2024

Petra Klingler vince il suo undicesimo titolo di campionessa svizzera di boulder. Julien Clémence ottiene la sua terza vittoria.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Alex Honnold polverizza il record di velocità in solitaria del Salathé Wall

Alex “No-Big-Deal” Honnold ha stabilito un nuovo record di velocità in solitaria su corda su El Capitan: la Salathé Wall in 11 ore e 18 minuti.

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.

Commenta l'articolo

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

×Display 350x90_Knatsch in Magic Wood