Seb Berthe ripete il capolavoro Trad Bon Voyage (9a)

Seb Berthe si assicura la terza salita di Bon Voyage ad Annot dopo James Pearson e Adam Ondra. Con la sua valutazione E12 o 9a, la via trad è una delle più difficili del suo genere.

Bon Voyage, il nuovo test trad di James Pearson in Annot, è stato sconfitto per la terza volta. Poco più di un mese dopo potrebbe farlo anche Adam Ondra Seb Berthe ripetere il duro percorso trad.

L'idea che una via su questa parete possa essere scalata liberamente con la sicurezza mobile è come un trucco di magia

Seb Berthe
Seb Berthe riesce a salire la difficilissima via trad Bon Voyage ad Annot. Immagine: Soline Kentzel
Seb Berthe riesce a salire la difficilissima via trad Bon Voyage ad Annot. Immagine: Soline Kentzel

Buon viaggio – Il processo

Il forte belga ha trascorso un totale di otto sessioni sul percorso. Seb Berthe ha provato Bon Voyage per la prima volta nell'aprile 2023 dopo aver incontrato il suo fratellino Le Voyage è stato in grado di lampeggiare. “Mi sono subito innamorato della linea e ho deciso di farne il mio obiettivo per il 2024.”

Nel febbraio di quest'anno, pochi giorni dopo la salita di Adam Ondra, è tornato ad Annot. La salita incredibilmente veloce del ceco lo ha motivato moltissimo, anche se le condizioni meteorologiche durante il viaggio erano piuttosto variabili.

Progressi rapidi, poi infortunio

Seb Berthe ha deciso di affrontare la via da primo fin dall'inizio per abituarsi alle soste e alle cadute.

Ho fatto buoni progressi e dopo la terza sessione sono riuscito a scalare tutta la sezione difficile in un colpo solo.

Seb Berthe

Sfortunatamente, il belga si è infortunato al mignolo durante il movimento chiave della via: una lunga tirata da un buco con un dito. La diagnosi: un piccolo strappo o stiramento nei muscoli lombari della mano. Con questo il viaggio finì.

Ritorno in pista

Solo due settimane dopo, Seb Berthe era di nuovo sotto la linea. Questo nonostante il fatto che il suo dito non fosse ancora completamente guarito. “Il fascino di Bon Voyage era semplicemente troppo grande.”

Il percorso mi segue davvero e il tempo per i prossimi giorni è stato perfetto

Seb Berthe

"Una voce dentro di me mi diceva che, nonostante il piccolo infortunio, avrei potuto riprovare, che avrei potuto cambiare metodo nel passaggio cruciale e usare un dito diverso, e che probabilmente sarebbe andato bene per gli altri movimenti."

Detto e fatto. Seb Berthe ha trascorso due sessioni sul percorso. La buona sensazione è tornata abbastanza rapidamente, quindi presto si è sentito pronto per un tentativo serio.

«Quel giorno ho fatto una grande prestazione e sono caduto solo nel passaggio chiave. Mi sentivo molto vicino a farcela. Sfortunatamente, quando sono tornato a terra ho scoperto che mi ero strappato la pelle cercando di ottenere la presa cruciale, il maledetto buco con un dito. Impossibile riprovarci..."

Oltre a molte abilità di arrampicata, Bon Voyage richiede una sana etica del leader. Seb Berthe imposta un backup mobile. Immagine: Soline Kentzel
Oltre a molte abilità di arrampicata, Bon Voyage richiede una sana etica del leader. Seb Berthe imposta un backup mobile. Immagine: Soline Kentzel

Il passaggio

Quando ritornò il 19 marzo, la sua motivazione era al massimo, ricorda Seb Berthe. "Ero pienamente motivato ad attaccare la via." Prima del tentativo sentiva le farfalle nello stomaco ed era molto stressato.

Sapevo che era possibile, ma dovevo essere bravo per eccellere.

Seb Berthe

Vogliamo raccontarvi cosa è successo dopo con le parole di Seb Berthe: “Mi preparo meticolosamente; il mio scaffale è organizzato nei minimi dettagli. Non lascio nulla al caso e mi assicuro che tutto sia ottimizzato per la salita successiva.

Ci sono tantissime persone al rock (James Pearson è appena arrivato per lavorare su un nuovo progetto nelle vicinanze) e l'atmosfera è fantastica. Ma mentre parto tutti smettono di salire e restano in silenzio a guardarmi; la tensione è tanta. Do le ultime istruzioni al mio assicuratore, James Taylor, un inglese che lavora sulla Voyage, e si parte!

Salgo i primi metri facilmente e velocemente. Mi sento bene e forte. Dopo pochi minuti di salita sono già al punto di ristoro finale.

Entrando in sezione sono determinato e pronto a dare il massimo. Gli applausi diventano più forti man mano che avanzo attraverso la sezione difficile e impegnativa.

Seb Berthe

Adesso sono al punto cruciale: infilo il dito medio nel famoso foro e lo giro in modo che entri al meglio. Sento immediatamente la maniglia che mi attacca la carne, ma non ho tempo per soffermarmi su questo.

Mi lancio con il corpo a sinistra e riesco ad afferrare la presa successiva solo con la punta delle dita. E poi inizia la vera battaglia. So esattamente cosa devo fare, sono precisa nei movimenti, ma ho dolori, devo lottare con ogni movimento. I miei amici al piano di sotto mi incitano con le loro urla!

Adesso devo rimanere concentrato, anche se so di aver vinto. Faccio gli ultimi movimenti e urlo di gioia!

L'ho fatto! Il sollievo e il piacere di aver raggiunto la vetta di questa grande linea mi travolge."

Seb Berthe

Buon Viaggio – La Linea

Nel 2023, dopo molte esitazioni, il primo scalatore Pearson ha suggerito l'E12, il grado E massimo sulla scala britannica, o il grado 9a francese. Come Adam Ondra prima di lui, Seb Berthe ritiene che Bon Voyage sia 9a, anche se l'arrampicata è molto specifica e quindi difficile da valutare.

Poiché non ho esperienza con le classi E, non posso commentare l'argomento, ma ho riscontrato che l'aspetto obbligatorio e pericoloso è davvero presente nel processo.

Seb Berthe

Bon Voyage inizia nella famosa linea Trad crack Il Viaggio e poi si dirama a sinistra nell'imponente parete nuda. Seguono alcuni colpi moderati ma lunghi di buone prese e pessimi calci. Nel punto di sosta finale viene posta l'ultima sicurezza, un piccolo totem blu.

Da questo punto, secondo Seb Berthe, inizia la parte difficile: “Dodici movimenti davvero intensi e complessi, duri per le dita, che portano ad uno spigolo molto a sinistra”.

Solo questa sezione potrebbe essere valutata 8c o 8c+. Poi ci sono i runout.

Seb Berthe

Potenziale caduta brutta

Anche se Adam Ondra ha detto che con un buon compagno di assicurazione è "forse sicuro", c'è ancora questa formazione rocciosa a forma di ghigliottina pochi metri più in basso. “È piuttosto intimidatorio”, afferma Seb Berthe.

Credo che cadere nel momento sbagliato, con un po' di allentamento nel sistema, potrebbe portare a urtarlo.

Seb Berthe

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Quando abbiamo lanciato la rivista di arrampicata Lacrux, abbiamo deciso di non introdurre un paywall perché vogliamo fornire al maggior numero possibile di persone che la pensano allo stesso modo notizie dalla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: immagine di copertina Soline Kentzel

Attuale

Scarpa da arrampicata di fascia alta per progetti difficili | Qubit impareggiabile

Con Qubit, Unparallel ha sviluppato una nuova scarpetta da arrampicata ad alte prestazioni...
00:12:03

Ritratto intimo dell'olimpionica giapponese Miho Nonaka

Uno sguardo dietro le quinte: accompagna l'icona dell'arrampicata giapponese Miho Nonaka nella sua intensa preparazione per le Olimpiadi del 2024.

I fratelli Pou e Micher Quito aprono una nuova via nelle Ande: Pisco Sour (640m, 85° M6)

Spinta continua di 20 ore: i fratelli Pou e Micher Quito aprono una nuova via in stile alpino nelle Ande: Pisco Sour (640m, 85°, M6).

Infortuni comuni nel trail running e come prevenirli

In questo articolo imparerai quali infortuni sono comuni durante il trail running e cosa puoi fare per risolverli.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Scarpa da arrampicata di fascia alta per progetti difficili | Qubit impareggiabile

Con Qubit, Unparallel ha sviluppato una nuova scarpa da arrampicata ad alte prestazioni che eccelle davvero su terreni ripidi e strapiombanti. Siamo con il nuovo...
00:12:03

Ritratto intimo dell'olimpionica giapponese Miho Nonaka

Uno sguardo dietro le quinte: accompagna l'icona dell'arrampicata giapponese Miho Nonaka nella sua intensa preparazione per le Olimpiadi del 2024.

I fratelli Pou e Micher Quito aprono una nuova via nelle Ande: Pisco Sour (640m, 85° M6)

Spinta continua di 20 ore: i fratelli Pou e Micher Quito aprono una nuova via in stile alpino nelle Ande: Pisco Sour (640m, 85°, M6).