Realizzazione stand nel ghiaccio - Ecco come | Suggerimenti per l'arrampicata su ghiaccio

Dove e come allestire soste nell'arrampicata su ghiaccio a più tiri è molto importante per la sicurezza. Basandosi sugli articoli precedenti sulla valutazione delle condizioni del ghiaccio e l'installazione delle viti da ghiaccio, l'alpinista, guida alpina e autore Peter von Känel spiega cosa è importante quando si costruiscono soste nel ghiaccio.

Un contributo di Peter von Känel - presentato da Petzl, Bächli Bergsport ed Esbit

Lo imparerai in questo articolo

Dove ti trovi durante l'arrampicata su ghiaccio?

La scelta della sosta è di fondamentale importanza per la sicurezza durante l'arrampicata su ghiaccio. La sicurezza viene prima della comodità. Una presentazione deve soddisfare i seguenti criteri, in questo ordine:

criteriimportanza
Il supporto è protetto dalla caduta di ghiaccio. Questo è quando si trova fuori dal delta della cascata di ghiaccio o quando si trova in una grotta di ghiaccio.Obbligatorio
Sono disponibili punti di fissaggio solidi o facili da attaccare da soli.Obbligatorio
Sei protetto dal bagnato allo stand.Molto importante
L'assicurazione consente la comunicazione tra i compagni di cordata.Importante
Il cavalletto è comodo.Auspicabile
Criteri per la costruzione della sosta su ghiaccio

Scelta della posizione dello stand nel ghiaccio

La seguente serie di immagini illustra l'argomento utilizzando vari esempi:

  • Ruebezahl, Kandersteg. Soprattutto nei terreni meno ripidi non sempre è possibile trovare una sosta riparata (le due frecce in alto). In questi casi è importante che il capocordata arrampichi con un disassamento almeno sufficiente in modo che l'assicuratore si trovi sempre al di fuori del delta della cascata di ghiaccio. Ha senso mantenere tali lunghezze di corda piuttosto corte.
  • Su terreni ripidi è spesso relativamente facile trovare punti di sosta adatti. (NIN Oeschinen). Il supporto più basso nella foto è nella roccia. L'assicuratore è protetto dalla caduta di ghiaccio grazie allo spostamento laterale.
  • Ripensando alla sosta a Crack Baby, Breitwangflue, in impegnative condizioni di misto. Nonostante la mancanza di una grotta di ghiaccio, l'assicuratore è protetto dalla caduta di ghiaccio grazie a uno spostamento laterale.
  • Lunghezza chiave Betarocker, Breitwangflue. Sebbene l'assicuratore sia leggermente spostato lateralmente, potrebbe comunque essere colpito in caso di caduta di ghiaccio più grande. Sarebbe opportuno sfruttare l'ampia cengia e posizionarsi qualche metro più indietro.
  • Di nuovo lunghezza chiave Betarocker, Breitwangflue, questa volta dal punto di vista dell'assicuratore. Nonostante questo sia posizionato qualche metro più indietro rispetto all'immagine precedente, la vista dell'arrampicatore non è meno spettacolare.

«Nei terreni meno ripidi non sempre si trova un ripiano riparato. In questi casi è importante che la persona che guida arrampichi con almeno un offset sufficiente in modo che l'assicuratore sia sempre al di fuori del delta della cascata di ghiaccio.


Petzl Quark: l'attrezzo da ghiaccio per l'arrampicata su ghiaccio

Il Quark è uno strumento da ghiaccio versatile progettato per l'alpinismo tecnico e l'arrampicata su ghiaccio. Il suo design perfettamente bilanciato e il rompighiaccio assicurano un posizionamento sicuro su qualsiasi ghiaccio.

I poggiadita Trigrest e Griprest consentono una maneggevolezza facile e confortevole in ogni situazione. Migliorano la sicurezza della presa nei passaggi difficili.

La piccozza modulare Quark si adatta facilmente a percorsi diversi e tecnicamente impegnativi: canaloni di neve, canaloni di ghiaccio, pareti nord, cascate di ghiaccio, ecc.

La parola magica qui è Petzl Alpen Adapt. Questo sistema modulare per piccozze e ramponi permette di scambiare facilmente i vari componenti e adattarli alle esigenze personali.


Come si costruisce uno stand nel ghiaccio?

Una vite da ghiaccio permanentemente sollecitata può sciogliersi nel tempo. Le calde temperature del ghiaccio e la radiazione solare accelerano questo processo. Quando ci si trova nel ghiaccio, una vite da ghiaccio dovrebbe sempre essere scaricata.

In pratica, per l'arrampicata su ghiaccio a più tiri si è dimostrato valido un collegamento in serie di due chiodi da ghiaccio di almeno 13 cm di lunghezza, per cui il chiodo da ghiaccio inferiore con la punta centrale sostiene l'intero carico e il chiodo da ghiaccio superiore funge da riassicurazione senza carico. Entrambi i chiodi da ghiaccio sono distanziati di almeno 30 cm l'uno dall'altro in ghiaccio compatto e ben raccordato.

  • Posizionarsi con una punta centrale (“soft eye” con doppio bulino), i due chiodi da ghiaccio sono collegati in serie.
  • Doppio bulino, passaggio 1
  • Doppio bulino, passaggio 2

Il "soft eye" è un punto centrale adatto. Per fare questo, lega un doppio bulino in una fionda. Questo viene agganciato al moschettone a vite della vite da ghiaccio inferiore come punto centrale. Collegare ora il moschettone del chiodo da ghiaccio superiore alla fettuccia utilizzando un palo e agganciare l'estremità della fettuccia allo stesso moschettone. La lunghezza della fettuccia fino alla vite da ghiaccio superiore è scelta in modo che la fettuccia sia tesa ma non sotto carico.

«Spesso le cordate utilizzano direttamente come punto centrale il moschettone a vite della vite da ghiaccio inferiore. Questo metodo presenta il seguente svantaggio, soprattutto quando si assicura una posizione: se la persona che sale la scala cade, il punto centrale può essere scagliato violentemente verso l'alto. Se il moschettone centrale e la vite da ghiaccio si inceppano, ciò potrebbe in casi estremi portare alla rottura del materiale. Con il "soft eye" questo rischio è significativamente minore.

In alternativa al «soft eye», si può utilizzare ad esempio il seguente metodo: Fissare la fettuccia direttamente all'aletta del chiodo da ghiaccio inferiore con un punto di ancoraggio. Ora fissa il moschettone centrale vicino alla vite da ghiaccio inferiore con un punto di ancoraggio. La fettuccia viene quindi fissata nel moschettone della vite da ghiaccio superiore utilizzando un lancio del palo in modo che sia tesa ma non sotto carico.

Un metodo alternativo per costruire uno stand.
Un metodo alternativo per costruire uno stand.

Calore in ambiente ghiacciato: Contenitore termico di Esbit

Che siate ancora durante il tour alla sosta o ai piedi della cascata di ghiaccio: quando il vostro corpo ha voglia di nuova energia, un pasto caldo è proprio quello che ci vuole.

Perfetto se li hai già preparati in casa e li hai portati con te nel contenitore termico in acciaio inox a doppia parete.

Le brocche per alimenti di Esbit mantengono il cibo caldo o freddo fino a 24 ore, anche se quest'ultima proprietà è probabilmente meno importante durante l'arrampicata su ghiaccio.

L'ampia apertura consente un facile riempimento e pulizia. La chiusura è assolutamente ermetica e ha un pulsante di rilascio a pressione. Il coperchio può essere utilizzato anche come ciotola, se necessario.

Oltre ai contenitori termici, la gamma Sculptor comprende anche thermos, tazze termiche e borracce.


Quale dispositivo di assicurazione è adatto per l'arrampicata su ghiaccio?

HMS e tuber sono utilizzati nell'arrampicata su ghiaccio a più tiri. Gli interruttori automatici come Grigri non sono adatti. Se le corde sono ghiacciate, spesso funziona solo l'HMS. Pertanto, devi padroneggiarlo prima di avventurarti in un tour di arrampicata su ghiaccio di più tiri.

Oltre ai vantaggi dell'elevata efficienza di frenata e della facilità d'uso, l'HMS presenta anche alcune limitazioni. Ad esempio, non dovresti usare una tecnica a mezza corda quando assicuri un'arrampicata da primo, poiché la corda scarica può essere danneggiata in caso di caduta a causa dell'attrito nel nodo HMS.

A proposito di cadute: durante l'arrampicata su ghiaccio, le cadute in testa, a differenza ad esempio dell'arrampicata sportiva, dovrebbero essere evitate il più possibile a causa del rischio di lesioni. Ha perfettamente senso controllare ed espandere i propri limiti, ma dovresti esercitarti in alto.

"Un percorso su corda a basso attrito può essere ottenuto anche senza la tecnologia della mezza corda utilizzando rinvii estensibili."

Vista fotogenica del secondo climber dal punto di sosta ottimamente protetto sul quarto tiro di Crack Baby.
Vista fotogenica del secondo climber dal punto di sosta ottimamente protetto sul quarto tiro di Crack Baby.

Sosta al corpo o allo stand?

Quando si è in seconda, assicurarsi sempre alla sosta. Quando guidi, puoi utilizzare una delle tecniche elencate di seguito a seconda della situazione.

  • Backup con HMS allo stato: 
    In caso di caduta, lo strappo improvviso viene assorbito dall'assicuratore e può essere facilmente controllato dall'assicuratore. Il metodo è semplice ed è quindi particolarmente adatto per assicuratori con poca esperienza. Come accennato in precedenza, dovresti evitare la tecnica della mezza corda con questo metodo. Ciò aumenta la forza d'urto in caso di caduta e quindi il carico sia sulla vite da ghiaccio che sulla persona che si arrampica. Come siamo ultimo articolo Tuttavia, come hai visto, una vite da ghiaccio correttamente posizionata ha una forza di tenuta sufficiente per assorbire una tale forza d'impatto. Lo svantaggio di un maggiore attrito della corda può essere ridotto utilizzando rinvii estensibili.
  • Fissaggio con Tuber sul cavalletto:
    Configurarlo correttamente è un po 'più ingombrante. Il metodo è adatto a vie di corda complesse e cadute potenzialmente lunghe.
  • Fissaggio con Tuber sul corpo: 
    È importante essere consapevoli del fatto che l'effetto frenante di un tubero è relativamente piccolo e che l'improvviso strappo di una caduta può far perdere l'equilibrio all'assicuratore. Entrambi i fattori riducono la tolleranza ai guasti. Pertanto, questo metodo dovrebbe essere preso in considerazione solo da cordate esperte e per lunghezze di corda che possono essere assicurate bene (non sono possibili cadute molto lunghe).
Formazioni di ghiaccio

Costruire uno stand nel ghiaccio: consigli e suggerimenti

  • Sia con il metodo “soft eye” che con il metodo alternativo, una cordata ben consolidata e con una buona comunicazione può guadagnare tempo nell'arrampicata su ghiaccio di più tiri: non appena hai fissato la vite da ghiaccio inferiore e ti sei fissato nel punto centrale, la persona sul cavalletto inferiore può già farlo rimuovere la vite da ghiaccio superiore.
  • Per un'assicurazione che viene caricata per un periodo di tempo più lungo, ad esempio per l'arrampicata su corda, di solito vengono utilizzati tre chiodi da ghiaccio. Due viti da ghiaccio sono collegate tramite ancoraggi di compensazione, che condividono il carico. La terza vite da ghiaccio è collegata in serie, funge da riassicurazione libera. Una buona alternativa a questo è una clessidra di ghiaccio, oltre a una vite di ghiaccio libera per rassicurazione.
  • Prima di qualsiasi manipolazione, in particolare per sganciare una corda o un moschettone, valuta brevemente se è corretto. Per mantenere una visione d'insieme, si è rivelato utile rimuovere costantemente dallo stand tutto ciò che non è in uso.

All'autore

Peter von Känel, classe 1973, è guida alpina, ingegnere aeronautico e appassionato alpinista. Per molti anni Peter è stato intensamente coinvolto non solo con l'arrampicata su ghiaccio e misto, ma anche con il fattore umano.

Oltre ad alcune sensazionali prime salite su ghiaccio e misto come la via BASE nella valle di Lauterbrunnen, Peter ha ripetuto molte vie estremamente impegnative, a volte come guida alpina.

Con questi tour, così come in molte discussioni con colleghi esperti di arrampicata, Peter ha acquisito negli anni una vasta conoscenza dell'arrampicata su ghiaccio e misto. Trasmette queste conoscenze nei corsi, nel coaching e con il suo nuovo libro di testo.

Peter von Känel: guida alpina, ingegnere aeronautico e appassionato alpinista.
Peter von Känel: guida alpina, ingegnere aeronautico e appassionato alpinista.

Steep Frozen: un libro di testo pratico

Questa serie di gelati graffia solo la superficie di questo affascinante argomento. Per tutti coloro che vogliono saperne di più, l'inizio di novembre 2022 è il libro Ripido congelato apparso.

Questo pratico libro di testo di Peter von Känel riassume in una forma compatta una vasta gamma di utili conoscenze sull'arrampicata su ghiaccio, l'arrampicata mista e il dry tooling.

Le sezioni sugli aspetti mentali e sull'attrezzatura completano questo lavoro chiaramente strutturato. Grazie al suo formato compatto, il libro può essere utilizzato anche come utile libro di riferimento per gli spostamenti.

Il libro è dentro Casa editrice Filidor pubblicato e costa CHF 32.00. Puoi trovare ulteriori informazioni, inclusi estratti e feedback dei lettori, da Peter von Känel Sito web.

Questo potrebbe interessarti


Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: immagine di copertina Peter von Känel

Attuale

Fai 3 su 1: arrampicata, sci alpinismo e ciclismo con un casco

Certificazione multipla, funzione protettiva, standard importanti: cinque fatti importanti quando si acquista un casco per gli sport di montagna.

Jorge Díaz-Rullo ripete Il leone dormiente

Leone dormiente per la terza volta: il forte spagnolo Jorge Díaz-Rullo ripete la nuova kingline di Chris Sharma a Siurana.

La cavalcata di Adam Ondra sull'onda del successo

Viaggio di arrampicata riuscito: dopo aver scalato Bon Voyage, Adam Ondra segna altre vie difficili sulla via di casa.

Guarda l'episodio Sleeping Lion di Reel Rock con Chris Sharma gratuitamente

Accompagna Chris Sharma nel suo mega progetto Sleeping Lion dagli innumerevoli tentativi di pianificazione fino alla realizzazione finale.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Fai 3 su 1: arrampicata, sci alpinismo e ciclismo con un casco

Certificazione multipla, funzione protettiva, standard importanti: cinque fatti importanti quando si acquista un casco per gli sport di montagna.

Jorge Díaz-Rullo ripete Il leone dormiente

Leone dormiente per la terza volta: il forte spagnolo Jorge Díaz-Rullo ripete la nuova kingline di Chris Sharma a Siurana.

La cavalcata di Adam Ondra sull'onda del successo

Viaggio di arrampicata riuscito: dopo aver scalato Bon Voyage, Adam Ondra segna altre vie difficili sulla via di casa.