Martin Feistl: “La cosa più difficile è stata collegare i fusibili o accettare che non ce ne siano”.

Simon Gietl e Martin Feistl hanno salito dal 2 al 3 febbraio una linea ardita sulla parete nord del Sassolungo in Val Gardena: Aura (1200m, M6, AI5).

Il duo gelato e misto Gietl/Feistl ha colpito ancora. Nel potente North Face della Sassolungo, che troneggia maestosamente sulla Val Gardena, i due alpinisti hanno completato una linea impressionante: aura (1200 m, M6, AI5).

"Il cuore della linea è la cascata di ghiaccio Legrima, lunga 350 metri", si entusiasma Martin Feistl. Le due guide alpine Adam Holzknecht e Hubert Moroder lo hanno scalato per la prima volta nel 2013. Per raggiungere la linea di ghiaccio, Simon Gietl e Martin Feistl hanno salito due tiri della via estiva Princess in the Heart.

Visualizza annunci Rectangle_Trailrunning

Abbiamo guardato questa striscia perfetta in webcam per tutto l'inverno e ci chiedevamo quale sarebbe la consistenza? Ghiaccio o neve farinosa?

Martin Feistl

Secondo Feistl, le principali difficoltà della loro linea stavano “nell’installare garanzie o nell’accettare che non ce ne siano”. Proseguire la linea via Legrima è sicuramente un obiettivo per il futuro. "A causa delle condizioni molto secche, sarebbe stato molto difficile per noi senza scarpette da arrampicata", ha detto l'aspirante guida alpina.

  • Al centro del giro, l'impressionante cascata di ghiaccio.
  • Guardando in alto.
  • Martin Feistl si gode le condizioni del ghiaccio sulla parete nord del Sassolungo.
  • La sicurezza: spesso difficile o addirittura inesistente.
  • Un duo affiatato: Simon Gietl e Martin Feistl.
  • Nelle tiri alte della seconda giornata.

Ecco perché dopo la cascata di ghiaccio i due hanno salito quattro tiri sullo spigolo nord (E. Pichl, W. Waizer, agosto 1918) fino ad una poco appariscente grotta bivacco. Il giorno successivo sono seguiti altri 15 tiri con vento in parte tempestoso oltre lo "spigolo nord" fino alla vetta del Sassolungo. Da lì scesero a Santa Cristina e tornarono in autostop al Passo Sella.

È stata una grande avventura di cui sono molto grato.

Martin Feistl

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Quando abbiamo lanciato la rivista di arrampicata Lacrux, abbiamo deciso di non introdurre un paywall perché vogliamo fornire al maggior numero possibile di persone che la pensano allo stesso modo notizie dalla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: foto di copertina e immagini dell'articolo Simon Gietl , Martin Feistl

Attuale

Alex Megos apre la palestra di arrampicata | Accademia del Frankenjura

Teileröffnung der Frankenjura Academy: Ab heute kann in der Kletterhalle von Alex Megos in Forchheim geklettert werden.
00:20:25

La Rhapsody (E11) è la via più pericolosa al mondo?

Magnus Midtbo torna con Dave MacLeod su una delle sue prime salite più impressionanti: Rhapsody (E11, 7a).

Yannick Flohé sale la sua via più difficile fino ad oggi con Lazarus (9a+).

9a+ in transito: Yannick Flohé riesce a salire Lazarus allo Schiefen Tod nel Giura francone in soli 4 tentativi.

Esercizio efficiente sulla strada per la verticale

Ecco come funziona la verticale: con la verticale a L puoi aumentare la forza e praticare la verticale in modo controllato.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Alex Megos apre la palestra di arrampicata | Accademia del Frankenjura

Teileröffnung der Frankenjura Academy: Ab heute kann in der Kletterhalle von Alex Megos in Forchheim geklettert werden.
00:20:25

La Rhapsody (E11) è la via più pericolosa al mondo?

Magnus Midtbo torna con Dave MacLeod su una delle sue prime salite più impressionanti: Rhapsody (E11, 7a).

Yannick Flohé sale la sua via più difficile fino ad oggi con Lazarus (9a+).

9a+ in transito: Yannick Flohé riesce a salire Lazarus allo Schiefen Tod nel Giura francone in soli 4 tentativi.