Sam Anthamatten: il miglior tuttofare del mondo

Sam Anthamatten ha imparato diversi tipi di alpinismo ai massimi livelli. Con il suo collega vallesano Jérémie Heitz ha salito seimila metri in stile freeride.

Come Sam Anthamatten , Geremia Heitz partito per Artesonraju, un seimila delle Ande peruviane, le condizioni sembrano promettenti. Ma in vetta il tempo cambia. Il vento aumenta, la visibilità peggiora. Anthamatten va avanti e scopre presto che in queste circostanze lo sci veloce non è più un'opzione. Il fianco della montagna si è trasformato in un abisso ghiacciato. Lancia un avvertimento urgente a Jérémie, che è ancora in vetta: "Niente grandi svolte!"

Salita di Jérémy Heitz Sam Anthamatten
Jérémy Heitz e Sam Anthamatten durante una scalata in Pakistan.

Delusi, entrambi scivolano lungo il fianco, gli sci raschiano ripetutamente sul ghiaccio nudo. Il team della telecamera segue. All'improvviso si sente un urlo. Uno dei fotografi perde l'equilibrio, si ribalta e cade privo di sensi lungo il muro ghiacciato. Jérémie ha la presenza della mente per portarsi nella traiettoria del corpo senza vita e fermarlo. Solo le lamine dei suoi sci conficcate nel ghiaccio impediscono loro di cadere ulteriormente in una morte certa. Segue una complicata operazione di soccorso, in cui la squadra riesce a portare a valle l'uomo gravemente ferito su una slitta di soccorso improvvisata. È sopravvissuto.

Rectangle_Knatsch in Magic Wood

Sono immagini inquietanti, gli spettatori vivono da vicino lo schianto e le emozioni dei protagonisti attraverso le registrazioni GoPro. La sera della prima svizzera di “La Liste – Everything or Nothing”, sfarfallano sull'enorme schermo del cinema Imax di Lucerna, davanti agli occhi di un pubblico che probabilmente si aspettava più spettacolo. Anche questo viene consegnato più avanti nel film, ma è il preludio drammatico che rimane.

Più nervoso davanti a un pubblico che in montagna

Anthamatten è ora seduto nell'accogliente cucina del suo chalet alla periferia di Zermatt, unendo con gusto tradizione e modernità. Il legno caldo circonda la cucina in pietra scura e una scala in ferro conduce alla mansarda aperta. "Come falegname addestrato, la struttura del tetto era ovviamente importante per me", dice Anthamatten, alzando lo sguardo. Ha costruito quasi tutto da solo. Gli eventi a Parigi, Lucerna e Salisburgo sono alle sue spalle. Il film ha attirato tutti con uno status e un nome nelle sale cinematografiche, ma Anthamatten è rimasto con i piedi per terra e modesto nel mezzo.

Era particolarmente nervoso davanti al pubblico di casa, ha detto a Lucerna. Nel film, romba giù per i pendii delle montagne con stoica compostezza, salta sopra i crepacci e si allontana dalle masse di neve che scivolano. L'uomo alto 1,68 metri di Zermatt non è uno che si esagera, anche se è il più perfetto tuttofare che l'alpinismo attualmente conosca. È uno dei migliori freerider del mondo, prima ancora si è fatto un nome come alpinista di punta. 40000 persone lo seguono su Instagram, ha contratti con i brand più prestigiosi. Se gli chiedi del suo lavoro, dice: "Guida alpina". È rimasto lì con i clienti più di settanta volte Cervino.

"Vai tu stesso in montagna e scendi di nuovo tu stesso."

Sam Anthamatten

È cresciuto a Zermatt, ma l'alpinismo non gli è nato. Insieme ai fratelli vive un'infanzia che comprende gli sport di montagna sotto forma di sci ed escursionismo. Tutto il resto l'ha risolto da solo con suo fratello maggiore Simon. I "messaggeri di Anthamatten" sono diventati un nome familiare nella scena dell'arrampicata ancor prima di crescere.

Che si tratti di roccia, ghiaccio o terreno misto: stabiliscono standard ovunque. Vanno in montagna come meglio credono: sempre su percorsi impegnativi con un alto grado di responsabilità personale. Una volta che devono allertare i soccorsi quando entrano nella notte. L'evento li modella, perché sanno: "Vai tu stesso in montagna e scendi di nuovo tu stesso".

Linea di caduta di Sam Anthamatten
Le curve incrociate non fanno per lui: Sam Anthamatten fa heliski in Canada.

Per la prima salita del Cervino i fratelli scelgono la via Gogna, una linea impegnativa attraverso la parete nord che dagli anni '18 raramente si ripeteva. La seconda volta raggiungono il Cervino dopo una prima salita. I genitori sono solo parzialmente informati. Lo scoprono solo quando danno una pacca sulla spalla ai ragazzi del villaggio. Poi il padre ha chiesto perché ha scoperto quello che stavamo facendo solo in modo indiretto. "Volevamo evitare che i nostri genitori si preoccupassero mentre eravamo fuori", dice Anthamatten. A XNUMX anni sale da solo con gli sci alla Hörnlihütte, vuole scalare la parete est del Cervino. La madre gli risponde con un fischio al telefono, lui obbedisce senza esitazione.

"Il freeride riguarda velocità e dinamica, dovevo prima rendermene conto."

Sam Anthamatten

Simon si sta allenando per diventare guida alpina, Samuel lo segue. A 23 anni porta i clienti al Cervino e i risparmi vengono investiti in spedizioni. Ovunque i due fratelli si presentino, lasciano il loro segno olfattivo. Il muro di 1000 metri del famigerato El Capitan in California salgono dieci diverse vie in un solo mese. Se fa troppo caldo durante il giorno, si arrampicano di notte. In Himalaya gestiscono la prima salita della parete sud Jasemba, in Alaska hanno stabilito un record di velocità non intenzionale contrafforte Moonflower in poi. La sua grande forza è essere guidata dalle proprie convinzioni senza correre ciecamente verso la rovina.

Capovolgimento all'indietro, rotazione a 360 gradi

Piuttosto per coincidenza, Samuel ha iniziato una gara di freeride nel 2009 e ha fatto male, come dice lui stesso: "Sapevo di poter fare di meglio". Gareggia in altre competizioni, raggiunge la concorrenza e riceve immediatamente un jolly per iniziare il Freeride World Tour. È il campionato più alto, con diecimila spettatori dopo la spettacolare finale di Verbier. "L'alpinismo, da dove vengo, è relativamente statico", dice Anthamatten. "Il freeride riguarda velocità e dinamica, dovevo prima rendermene conto."

Una volta risalito dopo la gara, analizzando un salto fatto da altri mentre pensava che l'atterraggio su un terreno roccioso fosse troppo pericoloso. Da allora è stato anche un signore dell'aria, volando lontano e con precisione, a volte con un backflip o una virata di 360 gradi. Già al suo secondo anno di gare è in cima al podio e nella resa dei conti finale a Verbier lotta anche per la vittoria assoluta del World Tour. Samuele diventa Sam.

"In realtà, dovresti trasferire lo stile di guida aggressivo che si pratica durante il tour in alta montagna, dove si applicano le leggi degli alpinisti al posto delle regole di competizione".

Sam Anthamatten

Dopo qualche anno, però, ha la sensazione di non arrivare da nessuna parte. Sente che il suo sviluppo personale non può aver luogo in un formato di competizione tagliato per lo spettacolo. "Ogni volta che ero alla partenza, le montagne circostanti mi interessavano più della parete di gara", ricorda. Il pensiero che matura in lui: "In effetti, lo stile di guida aggressivo praticato in tour dovrebbe essere trasferito in alta montagna, dove si applicano le leggi alpinistiche al posto delle regole di competizione".

Ritratto di Jérémy Heitz Sam Anthamatten
Hanno trasferito lo stile di guida aggressivo dal freeride all'alta montagna: Jérémy Heitz e Sam Anthamatten.

Insieme a Jérémie Heitz, ha implementato questo ideale nel 2015 sui quattromila locali. Laddove lo sci si svolgeva (se non del tutto) nello stile delle curve incrociate controllate, i due amici allineano gli sci sulla linea di caduta e padroneggiano enormi differenze di altitudine in poche curve. Raggiungono velocità di oltre 100 chilometri orari e saltano sopra valanghe glaciali.

"Era come se le montagne ci dicessero che ora dovremmo lentamente scomparire".

Sam Anthamatten

"Alzare l'asticella ancora più in alto e andare ai seimila in Perù e Pakistan è stato un esperimento", sottolinea Anthamatten, motivato ma anche scettico sull'impresa. “Dopo l'inizio senza successo Artesonraju dovevamo tornare a ciò che è realistico". Durante la conversazione, diventa chiaro che l'incidente del fotografo aveva molto in mente. Tuttavia, non ha pensato di arrendersi. Il film mostra un'altra spedizione in Pakistan, dove la discesa del Picco Laila inoltre non funziona come previsto. Quando finalmente trovano le condizioni ideali in una conca valliva riparata, le montagne sembrano perdonare dopo tutto.

Tuttavia, iniziano il loro viaggio verso casa con sentimenti contrastanti dopo che una valanga è caduta davanti ai loro occhi, solo poche ore dopo che Anthamatten aveva ancora scalato il ripido pendio. "Era come se le montagne ci dicessero che ora dovremmo lentamente scomparire", riassume. Questo ti fa pensare.

Anthamatten fa sapere che continuerà a dare la priorità al rendimento rispetto all'aumento. Indica Simone. Il fratello maggiore, che in primo luogo lo ha avvicinato all'alpinismo ed è sempre stato un modello per lui, vive con la sua famiglia al piano inferiore dello chalet e ha detto addio all'alpinismo estremo. Ora è un pilota di elicottero. La grande forza dei fratelli Anthamatten è di farsi guidare dalle proprie convinzioni, senza correre ciecamente verso il proprio destino.

Ritratto di Sam Anthamatten
Insieme a suo fratello Simon, si è fatto un nome facendo tournée su roccia e ghiaccio prima di diventare adulto. All'età di 23 anni Sam Anthamatten si è formato come guida alpina per guadagnare soldi scalando il Cervino. Negli anni seguenti ha stabilito gli standard con le spedizioni di arrampicata e con gli scialpinismo. Il 35enne vive a Zermatt.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: testo Dominik Osswald, foto di copertina e immagini nell'articolo: Red Bull Content Pool

Attuale

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.

Petra Klingler e Julien Clémence sono Campioni svizzeri di Boulder 2024

Petra Klingler vince il suo undicesimo titolo di campionessa svizzera di boulder. Julien Clémence ottiene la sua terza vittoria.

Rara salita del Trad-Testpiece Into the Sun di Zangerl (8c+)

Prima Trad e poi Into the Sun (8c+): Andreas Hofherr ripete la via di Zangerl nella Murgtal.

Black Diamond ricorda i ramponi Neve Strap

Black Diamond Equipment richiama i ramponi Neve Strap (versione verde 2024) e i relativi accessori/ricambi. 

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.

Petra Klingler e Julien Clémence sono Campioni svizzeri di Boulder 2024

Petra Klingler vince il suo undicesimo titolo di campionessa svizzera di boulder. Julien Clémence ottiene la sua terza vittoria.

Rara salita del Trad-Testpiece Into the Sun di Zangerl (8c+)

Prima Trad e poi Into the Sun (8c+): Andreas Hofherr ripete la via di Zangerl nella Murgtal.
×Display 350x90_Knatsch in Magic Wood