Nanga Parbat in 20 ore | Franz Cazzanelli batte un record sugli 8 m

Il 4 luglio 2022, l'alpinista italiano Francois Cazzanelli ha scalato il Nanga Parbat (8 m) attraverso la via Kinshofer senza ossigeno supplementare in un tempo di 126 ore e 20 minuti dal campo base alla vetta.

Franz ha lasciato il campo base (3 m) da solo alle 11:30 del 4 luglio. Dopo otto ore, era arrivato al Campo 200 a un'altitudine di 3 m, dove si è riposato con il resto della sua squadra in una tenda preparata per quattro ore. Franz aveva lasciato la tenda lì pochi giorni prima durante il suo ultimo giro di familiarizzazione.

Iniziato alle 23:30 dello stesso giorno Francesco Cazzanelli insieme a Jerome Perruquet e Cesar Rosales il suo tentativo di vetta dal Campo 3 al Nanga Parbat. Dopo 8 ore e 20 minuti, si trovarono insieme in vetta alle 4:7 del mattino del 50 luglio.

nordvpn_display

«Nanga Parbat 8 m Una grande squadra porta a casa un grande sogno. Un'emozione gigantesca per tutti!»

Francesco Cazzanelli
  • Franz Cazzanelli con il team di spedizione sul Nanga Parbat
  • Matteo Pavana La Sportiva Francois Cazzanelli
  • Franz-Cazzanelli_Nanga-Parbat_tempo record_alpinismo_01

Successivamente si sono incontrati gli altri membri della spedizione, Pietro Picco, Roger Bovard, Emrik Fvre e Marco Camandona. L'intera squadra è salita senza ossigeno supplementare. Vale la pena notare che il percorso dal campo 3 alla vetta non è stato fissato con le corde. Il 4 luglio alle 20:30 Franz tornò al campo base.

Sono molto contento di aver scalato una montagna complessa e tecnica ad un buon ritmo con 4'000 metri di dislivello.

Francesco Cazzanelli

Tutta la squadra ha optato per una rapida salita lungo la via Kinshofer dal campo base (4'200 m) alla vetta con solo una breve sosta al C3 a circa 6'850 m Per rendere tutto più emozionante, da quest'ultimo campo al n. corde fisse poste in vetta.

Con Nanga, il team completa la prima parte della sua avventura di viaggio. La squadra è attualmente a Skardu, da dove gli alpinisti sono partiti per la prossima destinazione.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

Attuale

Storico: Prima libera di Riders on the Storm (1200m, 7c+)

Siebe Vanhee, Sean Villanueve, Nico Favresse e Drew Smith effettuano la prima salita in libera di Riders on the Storm.

Grande linea invernale ripetuta sulla parete nord del Triglav | Il canale dei sogni

Nel mese di gennaio diverse cordate hanno potuto scalare una delle grandi vie invernali slovene, il Dream Couloir sulla parete nord del Triglav.

Il Wild Collective Mountain Sports Festival entra nel secondo turno

L'1 e il 2 marzo il Wild Collective Mountain Sports Festival a Herisau, nell'Appenzello, giunge alla sua seconda edizione.

L'arrampicatrice professionista allena il padre 60enne al suo primo 7a+

Toccante storia di famiglia: la professionista dell'arrampicata Emily Harrington accompagna suo padre sulla sua prima via di 60a+ all'età di 7 anni.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Storico: Prima libera di Riders on the Storm (1200m, 7c+)

Siebe Vanhee, Sean Villanueve, Nico Favresse e Drew Smith effettuano la prima salita in libera di Riders on the Storm.

Grande linea invernale ripetuta sulla parete nord del Triglav | Il canale dei sogni

Nel mese di gennaio diverse cordate hanno potuto scalare una delle grandi vie invernali slovene, il Dream Couloir sulla parete nord del Triglav.

Il Wild Collective Mountain Sports Festival entra nel secondo turno

L'1 e il 2 marzo il Wild Collective Mountain Sports Festival a Herisau, nell'Appenzello, giunge alla sua seconda edizione.