Ancora: i ghiacciai svizzeri si sciolgono rapidamente | 2023

I ghiacciai svizzeri si sciolgono sempre più velocemente. Hanno vissuto la seconda estate peggiore per la loro esistenza da quando sono iniziate le misurazioni. Negli ultimi due anni è scomparso il 10% del volume di ghiaccio nelle Alpi svizzere. In futuro lo scioglimento potrà addirittura accelerare.

Un altro anno di eventi estremi sta mettendo a dura prova i ghiacciai. Negli ultimi 12 mesi si è sciolto circa il 4% del volume di ghiaccio nelle Alpi svizzere. Lo scioglimento è stato più intenso nelle Alpi vallesane meridionali e nelle Alpi orientali.

Massiccio collasso del ghiacciaio Turtmann (2020)

Dott. David Volken, meteorologo ed esperto climatico: “Nel complesso, lo scioglimento dei ghiacciai continua ad aumentare, ma l’accelerazione dello scioglimento nelle Alpi è enorme. Se lo scioglimento continua a questo ritmo, i ghiacciai scompariranno prima che possiamo costruire dei bacini idrici. La perdita di acqua dolce che altrimenti viene immagazzinata nel ghiaccio dei ghiacciai sarebbe quindi inarrestabile.  

Nel complesso lo scioglimento dei ghiacciai continua ad aumentare, ma l'accelerazione dello scioglimento nelle Alpi è enorme.

Dott. David Volken, meteorologo ed esperto di clima

Sul ghiacciaio Allalin sopra Saas-Fee nel Vallese lo scioglimento dei ghiacciai è stato quasi altrettanto intenso di quello dell'anno record 2022. Anche a 3200 metri di altitudine lo spessore del ghiaccio è diminuito di 3,5 metri. In realtà a settembre a questa altezza dovrebbe esserci ancora la neve dell’inverno scorso”. 

Fino a 3 metri di perdita di spessore del ghiaccio sul ghiacciaio del Gries

Ma il ghiacciaio Allalin non è il solo a subire queste grandi perdite. I ricercatori dell'ETH di Zurigo hanno misurato perdite medie di spessore del ghiaccio fino a 3 metri anche sul ghiacciaio del Gries nella zona della Novena, sul Ghiacciaio del Basodino nell'alta Valle Maggia e a Vadret Pers in Engadina. Già a luglio il ghiacciaio del Gries era completamente privo di neve ed era quindi esposto al sole senza alcuna protezione. 

Un po' meno drammatica la situazione tra l'Oberland bernese e il Vallese, dove in inverno c'è stata un po' più di neve. Tuttavia, la perdita di oltre 2 metri di spessore medio del ghiaccio sul grande ghiacciaio dell'Aletsch e sul ghiacciaio della Plaine Morte sopra il Montana è molto elevata.

Negli ultimi anni, nei pressi del ghiacciaio del Rodano, dove un tempo c'era ghiaccio spesso un metro, si è formato un grande lago glaciale. Fonte: Dott. David Volken, WetterOnline
Negli ultimi anni, nei pressi del ghiacciaio del Rodano, dove un tempo c'era ghiaccio spesso un metro, si è formato un grande lago glaciale. (Immagine: Dr. David Volken, Wetter Online)

Cause dello scioglimento dei ghiacciai 

Le ragioni del nuovo brusco ritiro dei ghiacciai svizzeri sono molteplici. Da un lato, la quantità di neve caduta lo scorso inverno è stata nettamente inferiore alla media. Il giugno molto caldo ha causato lo scioglimento molto rapido della neve sul ghiacciaio. Le ondate di calore di fine agosto e inizio settembre, con un limite di zero gradi in alcuni casi oltre i 5000 metri, hanno portato a tassi di scioglimento molto elevati. 

Inoltre, la superficie dei ghiacciai diventa di anno in anno sempre più sporca. La superficie più scura riflette meno bene la radiazione solare incidente. Ciò significa che è disponibile più energia per lo scioglimento del ghiaccio. 

Poiché secondo i modelli climatici le estati diventano più calde e il limite delle nevicate continua ad aumentare, nei prossimi anni lo scioglimento dei ghiacciai accelererà. Entro la metà del secolo molti ghiacciai scompariranno completamente e anche le grandi colate di ghiaccio, come ad esempio il ghiacciaio del Rodano o del Morteratsch, saranno quasi irriconoscibili.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Quando abbiamo lanciato la rivista di arrampicata Lacrux, abbiamo deciso di non introdurre un paywall perché vogliamo fornire al maggior numero possibile di persone che la pensano allo stesso modo notizie dalla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++
Crediti: foto di copertina Dott. David Volken / meteo in linea

Attuale

Scarpa da arrampicata di fascia alta per progetti difficili | Qubit impareggiabile

Con Qubit, Unparallel ha sviluppato una nuova scarpetta da arrampicata ad alte prestazioni...
00:12:03

Ritratto intimo dell'olimpionica giapponese Miho Nonaka

Uno sguardo dietro le quinte: accompagna l'icona dell'arrampicata giapponese Miho Nonaka nella sua intensa preparazione per le Olimpiadi del 2024.

I fratelli Pou e Micher Quito aprono una nuova via nelle Ande: Pisco Sour (640m, 85° M6)

Spinta continua di 20 ore: i fratelli Pou e Micher Quito aprono una nuova via in stile alpino nelle Ande: Pisco Sour (640m, 85°, M6).

Infortuni comuni nel trail running e come prevenirli

In questo articolo imparerai quali infortuni sono comuni durante il trail running e cosa puoi fare per risolverli.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Scarpa da arrampicata di fascia alta per progetti difficili | Qubit impareggiabile

Con Qubit, Unparallel ha sviluppato una nuova scarpa da arrampicata ad alte prestazioni che eccelle davvero su terreni ripidi e strapiombanti. Siamo con il nuovo...
00:12:03

Ritratto intimo dell'olimpionica giapponese Miho Nonaka

Uno sguardo dietro le quinte: accompagna l'icona dell'arrampicata giapponese Miho Nonaka nella sua intensa preparazione per le Olimpiadi del 2024.

I fratelli Pou e Micher Quito aprono una nuova via nelle Ande: Pisco Sour (640m, 85° M6)

Spinta continua di 20 ore: i fratelli Pou e Micher Quito aprono una nuova via in stile alpino nelle Ande: Pisco Sour (640m, 85°, M6).