Nuovo record di velocità: Glatthard e Wahli scalano la Trilogia Salbit in meno di 6 ore

I due alpinisti e guide alpine svizzeri Simon Wahli e Yannick Glatthard hanno stabilito un nuovo record sull'Uri Salbitschijen. Si scalano i gradi ovest, sud ed est in 5 ore e 53 minuti.

Un resoconto dell'esperienza di Yannick Glatthard e Simon Wahli

il Salbitschiyen Con le sue tre creste gli alpinisti affascinano ben oltre i confini svizzeri. Per la maggior parte delle persone, semplicemente completare una delle tre creste in un giorno, soprattutto la più lunga e impegnativa, la cresta ovest, è un senso di realizzazione.

Insieme contano circa 70 lunghezze di corda e oltre 1500 metri di dislivello, che si estendono su torri e varchi in diverse direzioni. Non sorprende che in questi tour i migliori scalatori gareggino con salite veloci.

3 creste impressionanti, 70 tiri, 1500 metri di arrampicata: il 6 ottobre Yannick Glatthard e Simon Wahli hanno salito la Salbit Trilogy in 5 ore e 53 minuti. Immagine: Diego Schläppi
3 creste impressionanti, 70 tiri, 1500 metri di arrampicata: il 6 ottobre Yannick Glatthard e Simon Wahli hanno salito la Salbit Trilogy in 5 ore e 53 minuti. Immagine: Diego Schlappi

Trilogia di Salbit: dall'idea all'azione

Non è stato fino a giugno 2023 record recente di 9 ore e 36 minuti aperta da Dani Arnold, che ha superato le tre creste da solo. Anche le prestazioni della guida alpina del Canton Uri e alpinista professionista hanno Yannick Glatthard , Simon Wahli ispirati a mettere alla prova le proprie abilità su questo terreno. Ma volevano provarci come squadra.

Sapevamo dai tour insieme che avremmo scalato in modo rapido ed efficiente come squadra. Con la Trilogia di Salbit siamo riusciti a mettere in pratica questa capacità.

Yannick Glatthard e Simon Wahli

Simon conosceva la zona come alpinista e guida alpina. Già più volte aveva scalato i tour in cresta o condotto gli ospiti sopra le torri. I tour in cresta erano particolarmente nuovi per Yannick e così hanno deciso di ricapitolare i tre tour il 2 e 3 ottobre. Volevano verificare se avevano la possibilità di stabilire un nuovo record come squadra. 

Dopo il successo del giro di prova, il 6 ottobre i due hanno tentato il record. Immagine: Diego Schläppi
Dopo il successo della prova della trilogia di Salbit, il duo ha tentato il record il 6 ottobre. Immagine: Diego Schlappi

Per le avventure notturne: Black Diamond Distanza 1500 Proiettore

Sviluppata per la corsa veloce su lunghe distanze e terreni tecnicamente impegnativi, la Distance 1500 rappresenta l'apice della tecnologia delle lampade frontali.

La tecnologia PowerTap™ integrata aumenta l'emissione luminosa con l'impostazione massima a 1500 lumen, garantendo un'illuminazione completa del percorso e il riconoscimento tempestivo della segnaletica stradale. 


Lunedì 2 ottobre Simon e Yannick hanno salito l'intera cresta est, si sono calati in corda doppia dalla parete sud, hanno attraversato fino alla Zahnscharte e hanno scalato la parte superiore della cresta sud. Martedì 3 ottobre è stato dedicato alla Cresta Ovest del Salbit. E' il più impegnativo in termini di difficoltà, lunghezza e requisiti tecnici.

Subito dopo hanno scalato la parte inferiore della cresta sud. Per i passaggi difficili in arrampicata, tecnica e strategia sono state discusse e decise in anticipo per garantire la massima sicurezza con la minima perdita di tempo.

Dopo questo giro di prova, ci sentivamo entrambi ottimisti.

Yannick Glatthard e Simon Wahli

Il momento era giusto perché in ottobre sono sempre meno le cordate che osano intraprendere questi lunghi tour. Le previsioni del tempo erano stabili ed entrambi si sentivano in forma ed esperti dopo i tanti giorni di arrampicata in estate e autunno.

Trilogia di Yannick Glatthard e Simon Wahli Salbit
Le due guide alpine scalano molti passaggi della Trilogia di Salbit utilizzando una corda da corsa. Immagine: Diego Schlappi

Lavoro di squadra e tattica: la ricetta per il successo

Giovedì 5 ottobre Simon e Yannick sono saliti alla Salbithütte con l'intenzione di scalare tutte e tre le creste il più velocemente possibile il giorno successivo.

Tutti nella capanna sapevano che volevamo provarlo, ma nessuno lo diceva. Abbiamo comunque ricevuto così tanto sostegno ed energia positiva che abbiamo potuto iniziare il nostro progetto nelle migliori condizioni.

Yannick Glatthard e Simon Wahli

Alle 7.55:40 la cordata ha lasciato il rifugio per affrontare prima la cresta ovest dopo una salita di XNUMX minuti. I due scavalcarono contemporaneamente questo crinale con le sue sei torri, cambiando comando ad ogni varco. Chiunque sia mai stato su una cresta sa quanto tempo si può risparmiare o perdere maneggiando la corda.

Nuovo record sulla cresta ovest

La tattica dell'arrampicata simultanea con cambi regolari di testa ha permesso loro di avanzare in modo rapido ed efficiente. Se uno fosse in testa e dovesse prendere una decisione, l'altro potrebbe riprendersi mentalmente e seguire semplicemente la linea di salita.

Dopo 1 ora e 52 minuti eravamo già sul ago sommitale e siamo stati la prima cordata a salire la cresta in meno di due ore.

Yannick Glatthard e Simon Wahli

Si sono calati rapidamente lungo la parete sud per raggiungere il dente sulla cresta sud. Da lì c'erano altri due punti di discesa in corda doppia e un breve cammino fino all'inizio della seconda cresta. Hanno scalato anche questa contemporaneamente, con Simon in testa alla Zahnscharte e Yannick in testa al resto della via fino all'ago sommitale.

I nuovi detentori del record nella discesa in corda doppia. Immagine: Diego Schlappi

Hanno lasciato una corda nella calata dall'ago sommitale per risparmiare tempo in seguito e perché avrebbero scalato la cresta est senza corda, ad eccezione del passaggio chiave. Per salire la stessa via del detentore del record, hanno scelto l'ingresso originale della cresta est, che è leggermente più alto dell'ingresso diretto.

Verso la fine della cresta est, Yannick ha notato la stanchezza, mentre Simon sapeva che avrebbe dovuto dare ancora il massimo in discesa. I due hanno sfruttato anche i punti di forza individuali dei due alpinisti - Simon corre più veloce in salita e Yannick in discesa - nello sprint finale. 

Quando uno di noi si sentiva esausto, l'energia dell'altro poteva sollevarlo. Uno di noi era sempre in forma e poteva portare con sé l'altro.

Yannick Glatthard e Simon Wahli

Alle 13.48:5 Simon e Yannick erano di nuovo al rifugio dopo una corsa emozionante sui ghiaioni. Si sono fatti felicemente un selfie per registrare il loro tempo. Hanno impiegato 53 ore e XNUMX minuti, stabilendo un nuovo record, per scavalcare le tre creste con la Salbithütte come linea di partenza e di arrivo.

Nota dell'editore: Con la loro salita in velocità i due detengono il record di cordata sulle tre creste del Salbit. Tuttavia, non è possibile fare un confronto diretto con il disco solista di Dani Arnold.

Dopo 5 ore e 53 minuti sulle tre creste del Salbit, Yannick Glatthard e Simon Wahl sono già di nuovo seduti sulla terrazza della Salbithütte. Immagine: Diego Schläppi
Dopo 5 ore e 53 minuti sulle tre creste del Salbit, Yannick Glatthard e Simon Wahl sono già di nuovo seduti sulla terrazza della Salbithütte. Immagine: Diego Schlappi

Un'amicizia di lunga data come base per una prestazione al top

Simon e Yannick sottolineano che non avrebbero affrontato questo progetto da soli. Hanno discusso e pianificato tutto insieme, dall'idea alla sua realizzazione. Per loro è stato un progetto di squadra fin dall'inizio.

I due hanno un'amicizia di lunga data e hanno fatto numerosi tour insieme. Si conoscono da 15 anni e da adolescenti facevano parte della stessa squadra di arrampicata. Successivamente hanno scalato insieme i loro primi tour nel Wenden, come Elephant Ear e Jednicka, e hanno subito capito che si completavano a vicenda e potevano sostenersi a vicenda moralmente in queste salite psicologicamente impegnative.

Quindi hanno affrontato altri grandi tour nelle Dolomiti, come la salita a vista di un giorno Strada attraverso il pesce sulla Marmolada in inverno oppure il Traversata da est a ovest delle Tre Cime, anche d'inverno.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Quando abbiamo lanciato la rivista di arrampicata Lacrux, abbiamo deciso di non introdurre un paywall perché vogliamo fornire al maggior numero possibile di persone che la pensano allo stesso modo notizie dalla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: immagine di copertina Diego Schlappi

Attuale

Professionisti dell’arrampicata come ambasciatori del clima – è possibile?

Katherine Choong e Nicolas Hojac sono professionisti dell'arrampicata e ambasciatori del clima presso Protect our Winters. Come affronti questo doppio ruolo?

Allenamento nonostante una lesione al legamento anulare

Lesione del legamento anulare: in questo video, Dave MacLeod spiega come può essere una sessione di allenamento adattata sulla parete da boulder.

Ondra durante il tentativo di 9a a-vista: stop finale per rottura della presa

Questo video mostra Adam Ondra mentre tenta un solido tentativo di 9a a-vista. Ma quando la maniglia si rompe, tutto finisce bruscamente.

Le Kingline spagnole si ripetono

Jorg Verhoeven, Gabriele Moroni e Leo Ketil Bøe ripetono le classiche del 9° grado francese a Siurana, Oliana e Margalef.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Professionisti dell’arrampicata come ambasciatori del clima – è possibile?

Katherine Choong e Nicolas Hojac sono professionisti dell'arrampicata e ambasciatori del clima presso Protect our Winters. Come affronti questo doppio ruolo?

Allenamento nonostante una lesione al legamento anulare

Lesione del legamento anulare: in questo video, Dave MacLeod spiega come può essere una sessione di allenamento adattata sulla parete da boulder.

Ondra durante il tentativo di 9a a-vista: stop finale per rottura della presa

Questo video mostra Adam Ondra mentre tenta un solido tentativo di 9a a-vista. Ma quando la maniglia si rompe, tutto finisce bruscamente.