Il Mentore – film toccante su una forte personalità

Era molte cose: una pioniera dell'arrampicata, una visionaria nel settore dell'outdoor e anche una fisica. Come un sasso che cade in uno stagno e crea increspature, Maria Cranor ha influenzato molte vite e generazioni nello sport dell'arrampicata. 

Questa è la storia di Maria Cranor, un'eroina non celebrata, co-fondatrice di Black Diamond. Alcune persone possono cambiarti la vita con una sola frase. Maria era una di queste. 

In qualità di vicepresidente marketing di Black Diamond, ha portato avanti instancabilmente nuovi sviluppi. Sotto la guida di Maria, il marchio si è rivolto all'arrampicata sportiva (una decisione coraggiosa, considerando che Black Diamond all'epoca era fortemente specializzato nell'arrampicata tradizionale). 

Rectangle_Knatsch in Magic Wood
Maria Cranor ha portato Black Diamond dalla nicchia dell'arrampicata trad all'arrampicata sportiva. Immagine: Randy Vogel
Maria Cranor ha portato Black Diamond dalla nicchia dell'arrampicata trad all'arrampicata sportiva. Immagine: Randy Vogel

Poco dopo, l’arrampicata sportiva ha invaso il mondo, invitando le persone a provare uno stile di arrampicata più atletico, meno pericoloso e quindi più accessibile. Allora la rivoluzione del boulder era appena iniziata.

Il suo modo di pensare era semplice ma efficace: analizzava costantemente modelli, sviluppi sociali e connessioni in un contesto più ampio. Sulla base di queste osservazioni, ha preso decisioni e ha riconosciuto connessioni che non erano immediatamente evidenti agli altri. 

Randy Vogel
Maria Cranor aveva il dono di ispirare gli altri e di sostenere il loro stesso sviluppo. Immagine: Randy Vogel

Così come ha dato spazio agli scalatori più forti, Maria ha goduto dello stesso rispetto per quanto riguarda la sua visione. Indipendentemente da chi era presente, trattava tutti con rispetto facendoli sentire i benvenuti. 

Ha avuto un impatto duraturo su tutti coloro che la conoscevano ed è sempre stata un modello che le persone volevano emulare. 

Il film vuole incoraggiare le persone a pensare alle parole e alle azioni, a dare agli altri parole di saggezza, a fare amicizia e ad ascoltare. Erano queste le qualità che molte persone ammiravano in lei e che avrebbero voluto sperimentare più a lungo.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Quando abbiamo lanciato la rivista di arrampicata Lacrux, abbiamo deciso di non introdurre un paywall perché vogliamo fornire al maggior numero possibile di persone che la pensano allo stesso modo notizie dalla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

Alex Honnold polverizza il record di velocità in solitaria del Salathé Wall

Alex “No-Big-Deal” Honnold ha stabilito un nuovo record di velocità in solitaria su corda su El Capitan: la Salathé Wall in 11 ore e 18 minuti.

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.

Attuale

Alex Honnold polverizza il record di velocità in solitaria del Salathé Wall

Alex “No-Big-Deal” Honnold ha stabilito un nuovo record di velocità in solitaria su corda su El Capitan: la Salathé Wall in 11 ore e 18 minuti.

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.

Petra Klingler e Julien Clémence sono Campioni svizzeri di Boulder 2024

Petra Klingler vince il suo undicesimo titolo di campionessa svizzera di boulder. Julien Clémence ottiene la sua terza vittoria.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

×Display 350x90_Knatsch in Magic Wood