Morte del ghiacciaio: l'Associazione Alpina misura la più grande perdita di lunghezza sul Pasterze dall'inizio delle misurazioni

Dal rapporto annuale sui ghiacciai del Club Alpino Austriaco risulta che 92 dei 93 ghiacciai austriaci si sono ritirati, il Pasterze addirittura di 203,5 m, un nuovo valore record negativo per questo ghiacciaio. L’attuale rapporto può essere letto come un ulteriore “segnale d’allarme per la politica climatica”.

I geometri volontari dei ghiacciai del Club alpino austriaco hanno per la loro attualità Rapporto sul ghiacciaio 93 ghiacciai osservati o misurati in Austria: tutti tranne uno si sono ritirati nell'anno finanziario dei ghiacciai 2022/23.

Rispetto al rapporto dello scorso anno, dal 2022 al 2023 gli ex giganti di ghiaccio si saranno accorciati in media di 23,9 m.

Si tratta non solo del terzo valore più alto nei 133 anni di storia del Servizio di misurazione dei ghiacciai del Club Alpino, ma anche negli ultimi sette anni. Il ghiacciaio più grande dell'Austria, il Pasterze (Carinzia), ha registrato la perdita di lunghezza più elevata, con un nuovo valore record negativo di 203,5 m, seguito dal Rettenbachferner (Tirolo) con 127,0 m. Per l'Associazione alpina austriaca, il ghiacciaio deve essere protetti senza eccezioni e i loro precursori sono più urgenti che mai. 

Rectangle_Knatsch in Magic Wood

Il “punto di riferimento dell’Austria” continua a sciogliersi rapidamente

Mai prima d'ora i rilevatori volontari del Club Alpino Austriaco avevano misurato un ritiro così lungo sul Pasterze: rispetto al rapporto sui ghiacciai dell'anno scorso, il ghiacciaio più grande dell'Austria si è ritirato in lunghezza di 203,5 m, un valore record negativo per il Pasterze. In totale il Pasterze presso la lingua del ghiacciaio ha perso 14,03 milioni di m³ di ghiaccio, che corrisponde a un cubo con una lunghezza del bordo di 241 m (quasi l'altezza della Torre del Danubio a Vienna).

Coltello da ghiacciaio al lavoro, Pasterze 2023. Foto del servizio di misurazione del ghiacciaio ÖAV: Andreas Kellerer-Pirklbauer
Coltello da ghiacciaio al lavoro, Pasterze 2023. Foto: ÖAV Gletschermessdienst | Andreas Kellerer-Pirklbauer

Anno finanziario dei ghiacciai “straordinariamente sfavorevole per i ghiacciai”

"In generale, l'anno finanziario dei ghiacciai 2022/23 in Austria è stato estremamente sfavorevole per i ghiacciai", afferma Gerhard Lieb, che, insieme ad Andreas Kellerer-Pirklbauer, è il direttore scientifico del servizio di misurazione dei ghiacciai dell'Associazione alpina. Come Kellerer-Pirklbauer, Lieb lavora a tempo pieno presso l'Istituto di geografia e ricerca spaziale dell'Università di Graz.

Per l'attuale rapporto sui ghiacciai 24/2022, 23 periti dei ghiacciai del Club Alpino hanno osservato o misurato complessivamente 93 ghiacciai in Austria: tutti i ghiacciai tranne uno si sono ritirati in lunghezza. Quasi il 99% dei ghiacciai osservati si sono ridotti.

Tre valori record negli ultimi 7 anni 

Il ritiro medio dei 79 ghiacciai misurato nel 2022 e nel 2023 è stato di -23,9 m, mentre per altri 14 ghiacciai la tendenza è stata determinata mediante confronto fotografico o valori pluriennali. Nei 133 anni di storia del Servizio di misurazione dei ghiacciai del Club alpino, questo è il terzo valore più alto dietro quelli degli anni di misurazione 2021/22 con -28,7 m e 2016/17 con -25,2 m - quindi tutti e tre i valori record negativi sono stati raggiunti negli ultimi 7 anni.

Un periodo di scioglimento tardivo ma molto lungo e caldo nel 2023 è stato ancora una volta la causa principale delle condizioni estremamente sfavorevoli per i ghiacciai.

Andreas Kellerer-Pirklbauer del Club Alpino Austriaco

E ancora: «Sul ghiacciato Sonnblick, l'15,7 luglio 11 è stata misurata una nuova temperatura massima assoluta di 2023°C. »

Il più grande rifugio della Carinzia e del Tirolo

Nell’anno di riferimento 2022/23 i valori massimi di ritiro sono stati nettamente superiori a quelli dell’anno precedente, nel quale nessun ghiacciaio si è ritirato di oltre 100 m. Nell'anno in esame i cinque ghiacciai con il maggior ritiro sono stati il ​​Pasterze (Carinzia, Gruppo del Glockner) con il nuovo valore record di 203,5 m, il Rettenbachferner (Tirolo, Alpi Venoste) con 127,0 m, il Sexergertenferner ( Tirolo, Alpi Venoste) con 93,7 m, gli Schlatenkees (Tirolo Orientale, Gruppo del Venezia) con 92,8 m e i Fernauferner (Tirolo, Alpi dello Stubai) con 68,0 m.

Il Pasterze 2023. Foto: ÖAV Gletschermessdienst / Andreas Kellerer-Pirklbauer
Il Pasterze 2023. Foto: ÖAV Gletschermessdienst / Andreas Kellerer-Pirklbauer

Il rapporto sui ghiacciai come “segnale d’allarme per la politica climatica”

Secondo il rapporto sui ghiacciai del Club Alpino, in Austria non esiste più alcun ghiacciaio che disponga di un'area di riproduzione che possa avvicinarsi alla conservazione della massa di ghiaccio esistente. "I ghiacciai austriaci esistono solo grazie alle riserve di ghiaccio che si sono accumulate nel passato", informano Lieb e Kellerer-Pirklbauer. Secondo i responsabili del Servizio di misurazione dei ghiacciai del Club alpino, il presente rapporto può quindi essere letto “come un segnale d’allarme per la politica climatica”. 

Senza eccezione, la protezione dei ghiacciai è più urgente che mai

Da anni il Club alpino austriaco sottolinea la protezione urgente e incondizionata dei ghiacciai. Secondo l’Associazione alpina, sviluppi particolarmente distruttivi su aree glaciali precedentemente incontaminate sono tutt’altro che contemporanei in tempi di crisi climatica.

«Qui è urgentemente necessario un ripensamento della politica! Ora dobbiamo muoverci verso un turismo rispettoso della natura: lo sviluppo di aree glaciali precedentemente incontaminate rappresenta uno sfruttamento eccessivo della natura", sottolinea Nicole Slupetzky, vicepresidente dell'Associazione alpina austriaca suo padre, il geografo e glaciologo Prof. Heinz Slupetzky, è molto legato fin dall'infanzia al tema dei ghiacciai.

Secondo l'Associazione alpina, la richiesta di una protezione assoluta dei ghiacciai, che comprende non solo le aree glaciali ma anche le promontorie - le zone libere dai ghiacci da 170 anni - e le morene, è più urgente che mai.

Per noi, sviluppare nuovi ghiacciai e zone circostanti i ghiacciai significa chiaramente superare una linea rossa.

Nicole Slupetzky, vicepresidente del Club alpino austriaco
Nicole Slupetzky, vicepresidente dell'Associazione alpina austriaca Foto: Alpenverein/ N.Freudenthaler
Nicole Slupetzky, vicepresidente dell'Associazione alpina austriaca Foto: Alpenverein/ N.Freudenthaler

Attualmente esistono ad esempio progetti di ampliamento del comprensorio sciistico “Ghiacciaio Pitztal”, dove potrebbero essere costruiti tre ghiacciai non ancora attrezzati per lo sci. I piani di ampliamento del comprensorio sciistico “Ghiacciaio Kaunertal” aprirebbero addirittura uno dei ghiacciai più grandi delle Alpi orientali, il Gepatschferner.

Solo a marzo il governo tirolese ha stabilito che per questi piani era obbligatoria una valutazione dell'impatto ambientale. Nella decisione l'autorità competente fa riferimento ai gravi impatti ambientali prevedibili e presuppone, ad esempio, impatti intollerabili sul paesaggio protetto e sul valore ricreativo. 

Coltello da ghiacciaio al lavoro, Seekarlesferner 2023. Foto: ÖAV Gletschermessdienst / Markus Strudl
Coltello da ghiacciaio al lavoro, Seekarlesferner 2023. Foto: ÖAV Gletschermessdienst / Markus Strudl

Statistica: ritiro dei ghiacciai in cifre (periodo di misurazione 2022/2023)

10 maggiori diminuzioni – perdite di lunghezza in metri:

  1. Minerale di Paster (Carinzia, gruppo del Glockner) -203,5
  2. Rettenbachferner (Tirolo, Alpi Venoste) -127,0
  3. Sexergertenferner (Tirolo, Alpi Venoste) -93,7
  4. Schlatenkees (Tirolo, Gruppo Venezia) -92,8
  5. Fernauferner (Tirolo, Alpi dello Stubai) -68,0
  6. Gepatschferner (Tirolo, Alpi Venoste) -67,0
  7. Freiwandkees (Tirolo, Gruppo del Glockner) -65,8
  8. Marzellferner (Tirolo, Alpi Venoste) -49,9
  9. Frosnitzkees (Tirolo, gruppo Venezia) -46,0
  10. Alpeinerferner (Tirolo, Alpi dello Stubai) -43,4    

Il ritiro medio dei 79 ghiacciai misurati sia nel 2022 che nel 2023 è stato di -23,9 m. Nei 133 anni di storia del servizio di misurazione dei ghiacciai del Club Alpino, questo è il terzo valore più alto dietro quelli degli anni di misurazione 2021/22 con - 28,7 milioni e 2016/17 con -25,2 milioni: tutti e tre i valori record negativi sono stati raggiunti negli ultimi 7 anni.

Maggiori diminuzioni per gruppo montuoso in metri:

  • Gruppo del Glockner: Pasterze -203,5
  • Alpi Venoste: Rettenbachferner -127,0
  • Gruppo Venezia: Schlatenkees -92,8
  • Alpi dello Stubai: Fernauferner -68,0
  • Alpi della Zillertal: Wildgerloskees -29,7
  • Gruppo Ankogel-Hochalmspitz: occidentale. Trippkees -22,2
  • Gruppo Silvretta: Jamtalferner -19,8
  • Gruppo Goldberg: Ö. Wurtenkees-Schareck -18,7
  • Dachstein: gr. Ghiacciaio Gosu -9,1
  • Gruppo Schober: Bottone Rosso Kees -6,7
  • Gruppo Granatspitze: Landeckkees -5,7
  • Alpi Carniche: Ghiacciaio Eiskar -2,3

Diminuzioni maggiori per Stato federale in metri:

  • Carinzia Pasterze -203,5
  • Tirolo Rettenbachferner -127,0              
  • Salisburgo Ödenwinkelkees -37,9    
  • Vorarlberg Ochsentalergletscher -15,0
  • Alta Austria gr. Ghiacciaio Gosu -9,1

Importo medio dei prelievi negli ultimi 12 anni in metri

  • Rapporto sui ghiacciai 2022/23:         all'23,9 ottobre 
  • Rapporto sui ghiacciai 2021/22:         all'28,7 ottobre
  • Rapporto sui ghiacciai 2020/21: -11,0
  • Rapporto sui ghiacciai 2019/20: -15,0
  • Rapporto sui ghiacciai 2018/19: -14,3
  • Rapporto sui ghiacciai 2017/18: -17,2
  • Rapporto sui ghiacciai 2016/17:         all'25,2 ottobre
  • Rapporto sui ghiacciai 2015/16: -14,2
  • Rapporto sui ghiacciai 2014/15: -22,6
  • Rapporto sui ghiacciai 2013/14: -10,3
  • Rapporto sui ghiacciai 2012/13: -15,4
  • Rapporto sui ghiacciai 2011/12: -17,4

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Quando abbiamo lanciato la rivista di arrampicata Lacrux, abbiamo deciso di non introdurre un paywall perché vogliamo fornire al maggior numero possibile di persone che la pensano allo stesso modo notizie dalla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: foto di copertina Luca Jänichen per POW, testo Club alpino austriaco

Attuale

Alex Honnold polverizza il record di velocità in solitaria del Salathé Wall

Alex “No-Big-Deal” Honnold ha stabilito un nuovo record di velocità in solitaria su corda su El Capitan: la Salathé Wall in 11 ore e 18 minuti.

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.

Petra Klingler e Julien Clémence sono Campioni svizzeri di Boulder 2024

Petra Klingler vince il suo undicesimo titolo di campionessa svizzera di boulder. Julien Clémence ottiene la sua terza vittoria.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Alex Honnold polverizza il record di velocità in solitaria del Salathé Wall

Alex “No-Big-Deal” Honnold ha stabilito un nuovo record di velocità in solitaria su corda su El Capitan: la Salathé Wall in 11 ore e 18 minuti.

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.
×Display 350x90_Knatsch in Magic Wood