«Ciò che Harila fa è annunciare l'alpinismo al suo meglio»

Con l'affermarsi del turismo montano su gran parte degli Ottomila e su tutte le Sette Cime più poche altre montagne, le competenze alpinistiche richieste si sono ridotte quasi a zero. Per abilità alpine intendo l'arrampicata indipendente, l'agire e prendere decisioni in montagna. Tutto ciò che era necessario su queste montagne ora è diventato in gran parte superfluo grazie all'infrastruttura tecnica sulla montagna. Basta imparare a camminare con i ramponi al campo base e ad agganciarsi correttamente alla corda fissa (Foto di copertina: cima dell'Everest, foto: Robert Bösch).

Un articolo d'opinione di Robert Bösch

Quello che sta accadendo attualmente nelle montagne del mondo – o nei social media – in termini di tentativi di record richiede una valutazione giornalistica più critica. Sfortunatamente, lo stile di arrampicata in montagna non viene quasi mai discusso, anche se questo dovrebbe essere il fulcro di ogni rapporto di successo.

La frase "Harila e la sua squadra" è adottata semplicemente come se fosse una squadra di calcio. Ma “team” in questo contesto significa, soprattutto, la divisione del lavoro in montagna: alcuni trainano, trainano, montano le tende e installano le corde fisse, altri salgono il sentiero con un bagaglio minimo e raccontano le loro “gesta eroiche ” nel modo più efficace possibile nei media.

Annuncio alpinismo al suo meglio

Che Harila annunci che ora scalerà tutti i 14 ottomila senza ossigeno - ovviamente a tempo di record - e poi già sulla seconda montagna - in particolare l'ottomila più basso - prende la bottiglia perché c'era un po' di vento e si è resa conto che "senza" non fosse così veloce è come «con», in realtà dimostra tutto. Annunciare grandi cose e poi già raggiungere la bottiglia tra i 7000 e gli 8000 metri suona in qualche modo ridicolo.

"Ciò che Harila fa è annunciare l'alpinismo al suo meglio."

Confronto inappropriato

Il paragone con l'alpinista Gerlinde Kaltenbrunner, di cui si fa spesso uso, è davvero fuori luogo. Confrontare queste due donne - una ha impiegato 13 anni (che lentezza) e l'altra solo 1 anno (così forte) - probabilmente non è davvero ponderata:

All'inizio Gerlinde non aveva intenzione di fare tutti i 14 ottomila. Nel corso degli anni e delle salite riuscite, è nato questo progetto. Ma non c'è mai stato un tentativo di fare tutti i picchi il più velocemente possibile. Riguardava lo stile.

"La differenza tra le due donne non è solo il colore dei loro capelli, ma anche la loro abilità in montagna, il loro curriculum e il loro bisogno di esprimersi".

  • Gerlinde ha consegnato sulla montagna e poi ne ha riferito.
  • Gerlinde ha scalato tutti gli 8000 senza ossigeno. Quanto è grande la differenza tra con e senza può essere stimato solo da persone che hanno davvero viaggiato ad alta quota senza di essa. Sono mondi. Harila potrebbe averlo notato un po' ora.
  • Gerlinde non è mai stata in viaggio con una "squadra" che si è occupata del lavoro di tracciamento, installazione di tende, ricerca di un modo, trasporto di bombole di ossigeno per la (più debole) star dei media. È sempre stata una persona molto forte e responsabile in montagna. Era spesso la persona più forte e più "spinta" nella squadra di corda. Ad esempio con la sua fortissima prestazione salendo il K2 da nord con Wassilij e Maksut.

Ero con Gerlinde sulla parete sud dello Shisha Pangma. Conosco la loro forza sulla montagna.

"Un paragone tra Kaltenbrunner e Harila è tanto assurdo quanto confrontare le "ascensioni di squadra" di un Nims con le imprese alpiniste davvero eccezionali di Erhard Loretan, o Reinhold Messner, o Ueli Steck - solo per citarne alcuni."

Ma «Nims» è una storia diversa, il che in realtà non è vero. È esattamente lo stesso, solo più cattivo.

Atto straordinario sulla montagna

L'alpinismo è sempre (anche) sinonimo di fama e onore. John Hunt, capo della spedizione britannica sull'Everest nel 1953, ha preparato tutto affinché la notizia del successo della vetta - se avverrà - arrivi a Londra in tempo per l'incoronazione di Elisabetta II.

Di certo non avrebbe rifiutato le possibilità dei social media se questa forma di comunicazione fosse esistita allora. Sarebbe stato più facile che spedire a piedi una lettera a Namche Bazaar. Ma non importa come sia stata comunicata la "vittoria al vertice", è stato l'atto sulla montagna a essere straordinario.

"Oggi, per molti protagonisti, vale il contrario: qualunque cosa sia stata realizzata, l'importante è che io comunichi in modo efficace per il pubblico".

Dovrebbe farlo chiunque ami presentarsi sui social per diventare famoso o perché ritiene che le proprie azioni siano rilevanti per l'umanità. Tuttavia, ciò non è allo stesso tempo una prova che il servizio fornito sia davvero degno di nota.

Sarebbe compito del buon giornalismo qui separare il grano dalla pula - e classificare l'attualità con perizia alpinistica e non limitarsi a riprodurre ciò che i protagonisti diffondono sui loro canali mediatici.

All'autore

Ritratto Robert Bösch

Robert Bösch, fotografo, geografo, guida alpina, è un fotografo professionista freelance da oltre 30 anni. Oltre a commissioni dall'industria e dalla pubblicità, lavora per note riviste e riviste nazionali e internazionali come Geo, Stern e National Geographic. Ha pubblicato numerosi libri illustrati. Robert Bösch è un ambasciatore di Nikon. 

Come alpinista, i suoi viaggi e spedizioni lo hanno portato in tutti e sette i continenti, dove ha affrontato molte montagne note e sconosciute su vie difficili. Ha scalato l'Everest in una spedizione commerciale per un film e un incarico fotografico. Ha accompagnato molte delle imprese di Ueli Steck. 

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Quando abbiamo lanciato la rivista di arrampicata Lacrux, abbiamo deciso di non introdurre un paywall perché vogliamo fornire al maggior numero possibile di persone che la pensano allo stesso modo notizie dalla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

Non perderti nulla: ricevi la nostra newsletter

* obbligatorio
Interessen

+++

Crediti: immagine di copertina Robert Bösch

Attuale

Cibo gourmet al posto dei panini al distributore di benzina: mangiare sano anche in viaggio

Per le avventure di tutti i giorni: i pasti liofilizzati di Lyofood non sono più riservati solo ai partecipanti alle spedizioni.

Chi si è assicurato gli ultimi biglietti olimpici

Anche se la finale delle Olympic Qualifier Series a Budapest...
00:19:55

Big wall di 600 metri: in spedizione con la famiglia Houlding

È possibile più di quanto pensi. Così dice Leo Houlding e prova la sua tesi: Un'avventura nella big wall.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Cibo gourmet al posto dei panini al distributore di benzina: mangiare sano anche in viaggio

Per le avventure di tutti i giorni: i pasti liofilizzati di Lyofood non sono più riservati solo ai partecipanti alle spedizioni.

IFSC Boulder e Coppa del Mondo Lead Innsbruck: live streaming e informazioni

Dal 26 al 30 giugno 2024, i migliori scalatori del mondo si incontreranno a Innsbruck per la Coppa del Mondo IFSC Boulder e Lead. Abbiamo per...

Chi si è assicurato gli ultimi biglietti olimpici

Anche se la finale delle Olympic Qualifier Series a Budapest è ancora alle porte, numerosi atleti ne hanno già la certezza e aspettano solo...

commenti 14

  1. Grazie per questo rapporto. Sfortunatamente, sta diventando sempre più evidente quanto poco capiscano la questione i giornalisti di alpinismo e arrampicata. Le descrizioni di come è avvenuto l'incidente rasentano la satira ogni volta che i giornali locali riferiscono di incidenti, ad esempio nel Giura francone.

  2. Ottimo post! Quello che sta accadendo in Himalaya è, per usare un eufemismo, semplicemente grottesco! Le stelle dei social media, che sono praticamente spinte su per la montagna da dozzine di sherpa e altri aiutanti, sono celebrate come eroi dell'alpinismo, mentre i "veri" alpinisti rimangono quasi sconosciuti. Un pessimo sviluppo di questo sport! Grazie per questo meraviglioso articolo, va dritto al punto!

  3. Non potrei essere più d'accordo - Bravo Robert Bösch e grazie a lacrux.com per la pubblicazione. E lacrux, prendete a cuore quanto scrive Bösch: "Sarebbe compito del buon giornalismo separare qui il grano dalla pula - e classificare l'attualità con perizia alpinistica e non semplicemente riprodurre ciò che i protagonisti/ diffondono dentro su i propri canali mediatici".

  4. Per i giornalisti (foto)di montagna ci sono 4 montagne al mondo: l'Eiger, il Cervino, il Monte Bianco e l'Everest. Quello che succede lì può essere sfruttato dai media.

    Le creste in alpinismo sono spesso strette, perché ricordo una foto di Robert Bösch "Eveline Binsack in solitaria nella parete NO dell'Eiger" (via Lauper). Oggi si potrebbe anche dire "click baite" perché le tracce di R. Bösch lungo il fianco firn fino alla signora Binsack erano chiaramente visibili. A rigor di termini, una salita insieme senza corda. Forse sì, ma davvero da solo?

    Dopotutto, la signora Harila ha comunicato chiaramente di aver fatto ricorso all'ossigeno, quindi l'esperto può classificare la prestazione atletica in qualsiasi momento. Questo potrebbe essere meno rilevante per il resto dei lettori.
    U. Steck lo aveva già riconosciuto quando ha confessato che, nonostante i suoi record, il mondo continua a girare per tutti gli altri come al solito 😉

    • Caro Patrizio
      Hai visto e classificato correttamente il percorso Lauper. Eravamo in due, avevamo una corda con noi, ma abbiamo salito la via senza corda. Certo, questo non aveva niente a che fare con una solitaria - che non avrei mai descritto come tale, né in un resoconto né in una didascalia. Ma qualcun altro ha riferito di questa ispezione.

      • Ciao Robert
        Grazie per la tua spiegazione e chiarimento. Inoltre, la fotografia di montagna tua e di Zopfi mi ha ispirato a percepire le montagne in modo diverso e nuovo, anche attraverso l'obiettivo!

  5. Bel discorso, che va continuato e, soprattutto, aggiornato.

    Molti sono rimasti sbalorditi quando ho descritto gran parte di tutto questo da un punto di vista puramente giornalistico anni fa nel mio libro dichiaratamente troppo "spesso" "La montagna più alta - sogno e incubo Everest". Naturalmente, nulla è cambiato di conseguenza. Anzi. Stava e sta peggiorando. Con il trambusto e le critiche che ne derivano.

    Non mi sorprende affatto che Kristin Harila venga contattata di nuovo qui, ovviamente. Puoi anche metterti in contatto con lei – proprio perché si espone e si pubblica pubblicamente. Preda facile, per così dire. Si arrende al discorso pubblico. Centinaia di persone con problemi ai piedi nel campo base e sopra con maschere respiratorie e biglietti per l'elicottero non lo fanno. Rispetto al "Norwegian Wonderkind", ottengono molto meno o nulla in termini di abilità alpina. Li/abbiamo visti, le orde sulla montagna più alta - una guida Sherpa davanti, un secondo dietro. Maschera davanti al viso e tubo il più lontano possibile allo sherpa che sta portando la bottiglia. È così che si scala l'Everest, è così che muori lì. È così.

    E soprattutto non cambierà nulla. Perché nessuno è interessato a cambiarlo. Il governo nepalese no, si gode il reddito dei permessi e dei depositi di immondizia. Nemmeno l'orda dei novizi, per i quali il treppiede a 8848 metri è solo un trofeo in più nell'armadio che devono assolutamente avere. Gli Sherpa, intanto, vivono bene con tutta la follia del Manaslu e dell'Everest. E le agenzie tra Chamonix, Svizzera, Innsbruck e Kathmandu stanno vendendo i loro viaggi hotspot con crescente successo.

    No, nessuno cambierà nulla di tutto questo. Niente Reinhold, niente Hans, niente Gerlinde, niente Simone, niente Robi, niente nessuno...

    Dal momento che Kristin Harila è l'ultima di tutte le emozioni. In qualche modo mi piace adesso. Anche e proprio perché di solito racconta abbastanza apertamente (spero sempre agli inguaribili romantici) quello che sta facendo in questo momento. Lei c'è e si fa capire. Lo preferisco a quelli che si scavano nella neve da qualche parte e poi raccontano il loro sogno di eroe della vetta, anche se non sono nemmeno stati vicini all'obiettivo postulato.

    Sono un giornalista che scrive da oltre quarant'anni ormai. Ho visto persone peggiori di Kristin Harila. Lavorarci solo perché si espone è altrettanto ovvio, perché è semplice e allo stesso tempo non serve proprio allo scopo. Affrontare l'argomento in linea di principio vale tutto lo sforzo giornalistico. Anche e soprattutto quello di Robi Bösch.

  6. Ciao Roberto,
    Dici quello che penso e, per quanto ne so, la scena degli scalatori in Nepal la pensa allo stesso modo. La domanda è come convincere le persone a scalare di nuovo per le esperienze invece di sollevare il proprio ego solo con l'altezza della montagna? Dal mio punto di vista, c'è molto di più che riferire...

  7. Siamo onesti: in realtà, sui nostri 4mila persone circolano esattamente le stesse cifre che in Nepal sugli 8mila. Mentalmente, tecnicamente e fisicamente spesso al limite.
    In questa situazione, però, vedo più o meno solo il problema che, soprattutto sugli 8mila, l'alpinista “onesto” difficilmente ha la possibilità di provarla davvero in montagna. È un peccato.
    Nelle Alpi, tali "cifre" vengono semplicemente salvate o non tornerai giù fino a domani.

    Non biasimo minimamente gli sherpa e i facchini e il governo, che beneficiano del "turismo di massa", perché anche da noi, con l'inizio dell'alpinismo, è avvenuta un'apertura senza pari del mondo montano, e con essa anche economica prosperità.
    Da un punto di vista retrospettivo, la critica delle azioni o dello sviluppo è appropriata, poiché possiamo vedere dove questo può portare nelle Alpi. Ma quante montagne ci sono effettivamente e quante altre ce ne sono?
    Stavo viaggiando nel Langtang nel 2008. La valle più vicina a Kathmandu. SOLO! Per settimane in montagna, da solo!

    Ma lascio l'argomento "alpinismo annunciato". Bene, chi annuncia deve consegnare! Ciò aumenta la pressione su di te. Lui o lei poi deve anche comunicare il fallimento. Ma se leggo i media in generale, sono pieni di annunci: clima, biodiversità, guerre, malattie, risultati elettorali, programmi governativi, ecc. Ancora peggio nello sport: ci si aspetta un buon risultato da una nazionale su tutti i media!
    Sospetto che anche il giornalismo sportivo si conformerà al solito schema e lo annuncerà ad alta voce, il che attirerà l'attenzione.
    Bösch ha certamente ragione, e trovo che sia un'idea entusiasmante, che i media veloci di oggi sarebbero stati certamente usati anche da Hillary.
    Ma c'è una piccola speranza: un gruppo di alpinisti professionisti si è recentemente licenziato per riferire sulla loro spedizione solo dopo il loro ritorno nella capitale! Significativamente, ho già dimenticato il loro nome...

  8. Grazie Robert Bösch per questo accurato commento!
    Sarebbe qualcosa per Dominik Osswald pubblicare un rapporto critico su una rivista importante!

  9. Soprattutto bisognerebbe smetterla di chiamare queste persone alpinisti. Sono logisti molto talentuosi con molti soldi e una buona propensione al rischio.
    Senza giudicare troppo qui, ma volare da un campo base all'altro in elicottero e poi scalare montagne su corde fisse ha poco a che fare con l'alpinismo nella mia comprensione.
    Sarei sorpreso che figura farebbero un Nims o un Harila su una parete nord dell'Eiger o sul Salbit.

  10. Grazie Roberto per il tuo articolo. Ti opponi a diverse forme di alpinismo in termini di etica e significato, ritenendo che una sia migliore dell'altra, e sinceramente sono d'accordo con te. Ma parliamo di fotografia. Che mi dici di ciò che chiami "Fine Art" sul tuo sito web? Fine Art è solo produzioni in bianco e nero personali e non commerciali? Fine Art è solo serie speciali, a volte non figurative, scattate in luoghi irraggiungibili per condividere bellezze ed emozioni? L'arte è una posizione di marketing per differenziare i ricchi consumatori, quindi le persone? Non credo e rispetto gentilmente il tuo impegno nella fotografia di montagna. Ma l'arte è qualcosa di diverso da quello che intendi tu. La fotografia d'arte è molto lontana dal semplice scattare fotografie, perché sai che l'alpinismo è molto lontano dal semplice scalare una montagna.

Commenta l'articolo

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui