Coppa del Mondo Boulder Bressanone: Yannick Flohé conquista l'oro, Hannah Meul argento

Il team DAV ha festeggiato un grande successo all'IFSC Bouldering World Cup di Bressanone: Yannick Flohé ha vinto l'oro ed è solo il terzo tedesco a salire sul podio di una Coppa del Mondo. Hannah Meul si è assicurata l'argento in un duello snervante contro Natalia Grossman dagli Stati Uniti.

il quinto Coppa del Mondo IFSC dell'anno in italiano Bressanone La squadra di arrampicata tedesca ha mostrato una buona prestazione: Davanti alle tribune piene degli spettatori del centro di arrampicata, verticale ha avuto la meglio Yannick Flohe vittoria per gli uomini. Preoccupato per le donne Hanna Meul per la prima medaglia di Coppa del Mondo in sette anni per la Climbing Team Germany. Ha mancato l'oro per un soffio: solo un tentativo di zona l'ha separata alla fine di Natalia Grossmann.

Non puoi superare le pulci

Yannick Flohé ha mostrato una buona prestazione fin dall'inizio a Bressanone. Ha vinto il turno di qualificazione ed è passato alle semifinali con molta fiducia. E in finale, nessuno dei cinque concorrenti ha superato il campione del mondo combinato dalla Germania. Yannick Flohé è stato incoronato il re del boulder di Bressanone con 2 cime e 4 zone. Il 21enne scozzese Massimiliano Milne dovuto accontentarsi del secondo posto. I giapponesi hanno completato il podio Tomoa Narasaki

Rectangle_Knatsch in Magic Wood

Flohé ha avuto qualche difficoltà con il secondo masso. L'inglese Maximillian Milne, d'altra parte, è arrivato in cima proprio lì, tra gli applausi del pubblico. C'è stata una standing ovation sul terzo masso quando Flohé ha raggiunto la cima. Era l'unico in campo che ci riuscì. "La finale è andata molto bene", ha detto un Flohé visibilmente soddisfatto. “Creare il primo top mi ha dato molta energia. Ho avuto qualche problema con il secondo. Poi mi sono sorpreso quando sono riuscito a superare il terzo boulder, che in realtà non mi è piaciuto per niente. D'altra parte ero di nuovo fiducioso sull'ultima delle quattro vie boulder da conquistare".

«Penso di aver lavorato per questo momento da quando ho scalato, ma non avrei mai pensato che alla fine sarei arrivato in cima al podio della Coppa del Mondo. L'anno scorso è stato anche abbastanza buono per me, ma la mia testa non funzionava molto bene, ma quest'anno è andato molto bene finora e sono super felice che abbia funzionato oggi.»

Yannick Flea
yannick-flohe-gold-bouldering-world-cup-brixen
Yannick Flohé conquista l'oro in Coppa del Mondo a Bressanone. Immagine: Lena Drapella/IFSC

Lo scozzese Maximilian Milne ha portato a casa due top e tre zone per conquistare l'argento. Il giapponese Tomoa Narasaki ha chiuso la gara di oggi a Bressanone al 3° posto, lottando con anima e corpo fino alla fine per raggiungere la vetta. "È stato davvero difficile oggi. I massi erano duri ed ero ancora molto stanco per le semifinali. Ecco perché non sono arrivato in cima, ma sono comunque felice", dice Narasaki.

Il coreano di 19 anni Dohyun Lee scivolato al quarto posto; ha raggiunto la prima finale della sua carriera a Bressanone. Il leader assoluto della Coppa del Mondo Yoshiyuki Ogata ha dovuto accontentarsi del quinto posto mentre Meichi Narasaki è arrivato sesto in finale. 

IFSC Boulder World Cup Bressanone – risultati uomini

PosizioneNomePaese
1Yannick FloheGER
2Massimiliano MilneGBR
3Tomoa NarasakiJPN
4Dohyun LeeKOR
5Yoshiyuki OgataJPN
6Meichi NarasakiJPN

Decisione sull'ultimo masso

Nella finale femminile è rimasta emozionante fino al tiro. Natalia Grossman e Hannah Meul hanno combattuto un duello avvincente, che l'americana ha vinto sull'ultimo masso. Natalia Grossman ha vinto il suo quarto oro consecutivo in Coppa del Mondo. "È pazzesco. Sapevo che poteva essere possibile, ma è stata una lotta molto serrata fino alla fine. Penso che il terzo masso fosse il più difficile, ma speravo che sarebbero stati ancora più difficili", ha detto Grossman.

Hannah Meul ha vinto la prima medaglia di Coppa del Mondo femminile in sette anni per la Climbing Team Germany. È stata la prima entrata in assoluto di Meul in una finale - e ha perso l'oro per un soffio: solo un tentativo di zona l'ha separata da Grossman alla fine. Ecco perché la medaglia d'argento a Bressanone ha brillato quasi come l'oro per il tedesco: "È un sogno che si è avverato. Non riesco davvero a esprimere a parole quanto sono felice. Ho dato il massimo, mi sono davvero divertito ad arrampicare su queste vie, sono state fantastiche".

hanna-meul-weltcup-bressanone
Hannah Meul ha vinto l'argento in un emozionante duello davanti a un pubblico al completo. Immagine: Lena Drapella/IFSC

“È stata una giornata incredibile. Non riesco nemmeno a esprimere a parole quanto sono sopraffatto, felice e pieno di splendore in questo momento. Mi sono semplicemente divertito. Ho sentito tutto il giorno quello che potevo che appartenessi esattamente a dove voglio andare e poi ho realizzato il mio sogno. Sono incredibilmente felice, felice e sopraffatto”. 

Hanna Meul

Il 16enne cinese ha conquistato il terzo posto Zhilu Luo a – al suo debutto in Coppa del Mondo. “Mi sono sentito bene in qualifica e in semifinale. In finale ero stanco, le mie braccia erano deboli, la mia energia era svanita. I massi non erano così facili, ho dovuto pensare molto a tutti loro, specialmente al terzo", dice Luo.

Podio femminile di Coppa del mondo di boulder a Bressanone
È stata in grado di continuare la sua serie di vittorie: Natalia Grossman davanti a Hannah Meul e Zhilu Luo. Immagine: Lena Drapella/IFSC

IFSC Bouldering World Cup Bressanone – risultati donne

PosizioneNomePaese
1Natalia GrossmannUSA
2Hanna MeulGER
3Zhilu LuoCHN
4Miho NonakaJPN
5Anon MatsufujiJPN
6Serika OkawachiJPN

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: Foto di copertina Lena Drapella/IFSC

Attuale

Stile alpino: Nuova via attraverso la parete ovest dell'Hungchi (7029m)

I due alpinisti Charles Dubouloz e Symon Welfriger hanno effettuato un'impressionante prima salita in stile alpino sui 7000m Hungchi.

Alex Honnold polverizza il record di velocità in solitaria del Salathé Wall

Alex “No-Big-Deal” Honnold ha stabilito un nuovo record di velocità in solitaria su corda su El Capitan: la Salathé Wall in 11 ore e 18 minuti.

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Stile alpino: Nuova via attraverso la parete ovest dell'Hungchi (7029m)

I due alpinisti Charles Dubouloz e Symon Welfriger hanno effettuato un'impressionante prima salita in stile alpino sui 7000m Hungchi.

Alex Honnold polverizza il record di velocità in solitaria del Salathé Wall

Alex “No-Big-Deal” Honnold ha stabilito un nuovo record di velocità in solitaria su corda su El Capitan: la Salathé Wall in 11 ore e 18 minuti.

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.
×Display 350x90_Knatsch in Magic Wood