Jacob Cook, Hayden Jamieson e Will Sharp scalano per la prima volta in libera la via artificiale di 1000 metri

Jacob Cook, Hayden Jamieson e Will Sharp completano la prima salita in libera della via Picaflor di 1000 metri sul Cerro Capicua nella valle di Cochamó in Cile. In uno continuo In un tentativo di 7 giorni, hanno liberato tutti i 25 tiri della via artificiale dal 2016, con ogni membro della squadra che ha salito tutti i tiri.

Con la sua altezza delle mura di circa 1200 metri Cerro Capicua un fenomeno enorme a Cochamó. Nel febbraio 2016, Tom Ireson, Martin Håskjold Larsen, Clare Mains, Barry Smith e Fernando Virot hanno effettuato la prima salita di una linea abbastanza diretta attraverso la sua ripida parete ovest: Colibrì. È stato qualche settimana fa Hayden Jamieson, Giacobbe Cook e Will Sharp è riuscito a salire la via completamente in libera per la prima volta.

La via offre arrampicata di grande resistenza fino a 8a+ e, secondo me, è alla pari con alcune delle migliori arrampicate in libera su big wall del mondo.

Giacobbe Cook

Successo al secondo tentativo

Hayden Jamieson aveva già tentato di salire in libera Picaflor nel 2022. Insieme a Bronwyn Hodgins, Danford Jooste e Tyler Karow ci è quasi riuscito, se non fosse stato per quel tiro.

Picaflor offre difficoltà fino a 8a+ e un tiro chiave che Hayden Jamieson descrive come una “placca di granito ripida, criptica e nuda”. Il veterano del Bigwall Jacob Cook è stato subito attratto da questa sfida e ha preso parte al secondo tentativo. Allo stesso modo Will Sharp.

Il trio ha trascorso sette giorni sulla parete dei 1000 metri dopo quasi un mese di preparazione. Jacob Cook riassume la prima salita in libera di Picaflor come segue: "Molte lunghe giornate, una quantità folle di lavoro e alcune delle scalate su granito più complicate e sottili della mia vita."

Abbiamo liberato Picaflor! Un mese di preparazione nella giungla, seguito da un'intensa spinta finale di 7 giorni sulla parete dei 1000 metri.

Giacobbe Cook

Spirito di squadra, supporto e sviluppo personale

Lo scalatore e matematico britannico di big wall vede il successo della riuscita libera in primo luogo nello spirito di squadra: "Abbiamo riso e scherzato all'infinito e allo stesso tempo abbiamo avuto una profonda fiducia e un grande supporto reciproco e molte conversazioni interessanti".

È stato bello supportare Hayden Jamieson. Dopotutto è stato lui il primo a credere fermamente che il Picaflor potesse essere scalato in libertà. “Dopo aver liberato tutti i tiri “impossibili” due anni fa, ci è voluto molto coraggio per pianificare e realizzare una seconda via.”

Inoltre, questo viaggio ha significato molto anche per lui personalmente, afferma Jacob Cook. «Con mia grande sorpresa, mi sentivo come se stessi salendo un gradino meglio di prima. Cosa rara dopo 28 anni di sport!”

In qualche modo mi sentivo più concentrato, più in controllo e più presente nel mio corpo. È sorprendente come le prestazioni possano ristagnare per anni e improvvisamente salire alle stelle senza una ragione apparente.

Giacobbe Cook

L'idea folle diventa realtà

Anche se la prima libera di Picaflor è avvenuta qualche tempo fa, per lui è ancora surreale, dice Hayden Jamieson. "Sono passate due settimane e continuo a darmi dei pizzicotti, ma mi sento contento e rilassato, pronto per il prossimo capitolo."

Questa idea gli frullava per la testa dal gennaio 2017. Negli ultimi due anni, Hayden Jamieson ha fatto tutto il possibile per renderlo realtà.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Quando abbiamo lanciato la rivista di arrampicata Lacrux, abbiamo deciso di non introdurre un paywall perché vogliamo fornire al maggior numero possibile di persone che la pensano allo stesso modo notizie dalla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: immagine di copertina Giacobbe Cook

Attuale

Serie di qualificazioni olimpiche Budapest | Informazioni e live streaming

Dal 20 al 23 giugno a Budapest è tutta una questione di salsiccia. Il secondo evento delle Olympic Qualifier Series riguarda gli ultimi biglietti per Parigi.

Jernej Kruder ripete la classica trad Greenspit (8b/+)

L'iconica fessura di Didier Berthod ripetuta: Jernej Kruder assicura la salita di Greenspit nella Valle dell'Orco.

Professionista indignato: Stefan Glowacz critica gli alpinisti che si arrampicano per la prima volta dall'alto

Aprire vie alpine dall'alto: non è possibile, dice Stefan Glowacz, ma possibile in casi eccezionali, dicono Dörte Pietron e Daniel Gebel.

Katherine Choong sale La Fiesta de Los Metallos (8b, 200m)

Pezzo di prova del Verdon ripetuto: Katherine Choong ripete la difficile via di più tiri La Fiesta de Los Metallos (8b, 200m).

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Serie di qualificazioni olimpiche Budapest | Informazioni e live streaming

Dal 20 al 23 giugno a Budapest è tutta una questione di salsiccia. Il secondo evento delle Olympic Qualifier Series riguarda gli ultimi biglietti per Parigi.

Jernej Kruder ripete la classica trad Greenspit (8b/+)

L'iconica fessura di Didier Berthod ripetuta: Jernej Kruder assicura la salita di Greenspit nella Valle dell'Orco.

Professionista indignato: Stefan Glowacz critica gli alpinisti che si arrampicano per la prima volta dall'alto

Aprire vie alpine dall'alto: non è possibile, dice Stefan Glowacz, ma possibile in casi eccezionali, dicono Dörte Pietron e Daniel Gebel.