Ecco come iniziare con il dry tooling

Il dry tooling è un allenamento di forza e tecnica molto efficace per l'arrampicata difficile su ghiaccio e misto. Anche gli alpinisti che vogliono essere migliori e più sicuri su terreni alpini misti ne traggono enormi benefici. Sempre più persone praticano il dry tooling come sport indipendente. Questo articolo fornisce una visione compatta delle basi di questa affascinante disciplina.

Un contributo di Peter von Känel - presentato da Petzl, Bächli Bergsport ed Esbit

Lo imparerai in questo articolo

Il dry tooling apre la possibilità di poter salire in libertà passaggi di roccia impegnativi. Immagine: Peter von Känel
Dry tooling su terreni difficili e misti.

I vantaggi del dry tooling

Con il dry tooling si possono scalare molti passaggi di roccia che sarebbero molto difficili o addirittura impossibili da padroneggiare nel free climbing classico. In particolare, sottili fessure, buchi e piccoli bordi positivi offrono posizionamenti ideali per le punte dei picconi e le punte anteriori dei ramponi.

«Il dry tooling apre anche nuove possibilità nel terreno alpino.»

Peter von Kaenel

Questa tecnica di arrampicata apre anche nuove possibilità nel terreno alpino, come dimostrato da Silvan Schüpbach e Peter von Känel quando hanno scalato la parete nord delle Douves Blanches nel novembre 2022 (Lacrux segnalato).

Dry tooling sulla parete nord delle Douves Blanches.
Dry tooling sulla parete nord delle Douves Blanches.

Il dry tooling come disciplina separata è indipendente dalle condizioni meteorologiche, di temperatura e del ghiaccio e può essere praticato tutto l'anno. È una disciplina molto versatile e si utilizzano tecniche diverse a seconda della pendenza e della natura della roccia. Questo articolo introduce alcune tecniche di base.

Movimento di base

In termini di tecnica di arrampicata, il dry tooling è più vario rispetto all'arrampicata su ghiaccio. La seguente sequenza di movimenti rappresenta una solida base su cui costruire e perfezionare ulteriormente la tua tecnica di dry tooling.

"La spinta per la locomozione viene dalle gambe (spingere aperto) e dal tronco (girare dentro)."

Peter von Kaenel

Immagine a

Pianifichi la tua prossima mossa da una posizione il più comoda e stabile possibile. La pianificazione include il prossimo gancio e i posizionamenti per i ramponi. Le fessure sottili e i buchi nella roccia sono particolarmente adatti come ganci. Giochi attraverso la mossa di arrampicata nella tua testa.

immagine B.

Con il baricentro del corpo che rimane basso, si posizionano i ramponi con precisione. Se il terreno è molto strapiombante, posiziona solo il rampone di fronte al braccio che ti sostiene. L'altra gamba viene utilizzata per bilanciare o spingere.

Ora attiva il movimento raddrizzando la gamba e ruotando l'anca opposta al braccio di supporto contro il muro. La maggior parte della spinta possibile proviene dalla gamba e dal tronco e il braccio di supporto è piegato quanto basta.

Immagine c

La piccozza viene inserita nel nuovo gancio e testata. Il test include gli angoli consentiti in tutti e tre i gradi di libertà, nonché la forza del gancio. Questo è testato con una trazione breve e forte. Quindi prendi una posizione il più comoda e stabile possibile, in cui la parte superiore del braccio è idealmente tesa, recupera e pianifica la mossa successiva.


Lince di Petzl – Il rampone modulare

Ramponi Petzl Lynx

Il Lynx è un rampone modulare per l'arrampicata su ghiaccio e misto, dotato di un sistema di attacco universale che può essere adattato a tutti gli scarponi da montagna con suola posteriore secondo necessità.

Le punte anteriori possono essere posizionate come punte doppie o mono, lunghe, corte o asimmetriche. Che si tratti di dry tooling, grandi pareti di ghiaccio o canali di neve più corti, il Lynx può essere adattato a qualsiasi terreno e a un'ampia varietà di tour.

La parola magica qui è Petzl Alpen Adapt. Questo sistema modulare per piccozze e ramponi consente di scambiare facilmente i vari componenti e adattarli alle esigenze e alle attività personali.


Cambia presa sullo stesso attrezzo da ghiaccio

A differenza dell'arrampicata su ghiaccio, il dry tooling spesso comporta il cambio di mano sullo stesso attrezzo da ghiaccio. Con la mano libera afferri l'impugnatura superiore della piccozza che hai già impostato - tieni la piccozza "brevemente" e guadagni così circa 10 cm in più di altezza.

Anche quando ti riprendi da un buon gancio, ti ritroverai spesso a usare lo stesso attrezzo da ghiaccio per scuotere le braccia diverse volte. Il cambio di presa dovrebbe essere il più efficiente e il più possibile a risparmio energetico. Il metodo presentato di seguito funziona meglio nella maggior parte delle situazioni, ma richiede un po' di pratica.

La piccozza libera è posizionata sull'articolazione della base del pollice della mano che la tiene - vedere la serie di immagini. Dal momento che tieni sempre lo strumento per il ghiaccio libero, difficilmente può cadere.

  • Sfondo
  • Posizionare la piccozza sulla base del pollice.
  • raggiungere intorno
  • Posiziona nuovamente la piccozza sulla base del pollice.
  • raggiungere

Ci sono anche altri metodi. Spesso vedi scalatori che si mettono in spalla i loro attrezzi da ghiaccio. Con questa tecnica bisogna stare attenti a non far cadere l'attrezzo da ghiaccio, soprattutto se la salita è molto strapiombante. C'è anche un aumento del rischio di lesioni durante il boulder.


Calore in ambiente ghiacciato: Contenitore termico di Esbit

Esbit contenitore termico

Che sia ancora durante il tour alla sosta o ai piedi della via: quando il corpo chiede nuova energia, un pasto caldo è proprio quello che ci vuole.

Perfetto se li hai già preparati in casa e li hai portati con te nel contenitore termico in acciaio inox a doppia parete.

Le brocche per alimenti di Esbit mantengono il cibo caldo o freddo fino a 24 ore, anche se quest'ultima proprietà è probabilmente meno importante durante l'arrampicata su ghiaccio.

L'ampia apertura consente un facile riempimento e pulizia. La chiusura è assolutamente ermetica e ha un pulsante di rilascio a pressione. Il coperchio può essere utilizzato anche come ciotola, se necessario.

Oltre ai contenitori termici, la gamma Sculptor comprende anche thermos, tazze termiche e borracce.


Altri consigli sul dry tooling

Con movimenti molto lunghi, puoi premere la mano che ti tiene contro il petto e bloccarla. In combinazione con la virata, puoi guadagnare altri centimetri di autonomia durante l'attraversamento.

Anche se cambi la presa in "corta", guadagni un altro raggio di circa 10 cm. La spinta per la locomozione viene dalle gambe (push up) e dal tronco (twist in). Le braccia rimangono tese il più possibile. Idealmente, i calci dovrebbero essere scelti in modo tale che le gambe siano praticamente distese quando raggiungi il gancio successivo.

Maggiore portata con la combinazione di torsione, incrocio e tenuta "corta" della piccozza inferiore.
Maggiore portata con la combinazione di torsione, incrocio e tenuta "corta" della piccozza inferiore.

Spesso è più efficiente fare mosse lunghe con ganci buoni (collaudati). Mirando al gancio successivo e posizionando i ramponi sul braccio teso, si cerca di mantenere la fase di trazione con la parte superiore del braccio il più breve possibile.

"Mentre l'esperto usa la parte superiore del braccio brevemente, intenzionalmente e intensamente quando necessario, la parte superiore del braccio del principiante è solitamente costantemente tesa."

Peter von Kaenel

Quando si scalano vie difficili, spesso si trascorre gran parte dell'intero tempo di arrampicata in posizioni di riposo. Lì respiri profondamente nello stomaco e ti aggrappi a una piccozza con una sola mano il più liberamente possibile, scuoti il ​​​​braccio libero e, se necessario, afferralo più volte.

Nel momento in cui inizi a salire, passi temporaneamente consapevolmente dalla modalità relax alla modalità performance: sali in modo deciso, preciso e rapido fino alla successiva posizione di riposo.

Sicurezza durante l'utensileria a secco

Come per l'arrampicata su ghiaccio, anche guanti e casco fanno parte dell'attrezzatura di base per il dry tooling. Le cinghie per le mani comportano un elevato rischio di lesioni e pertanto non devono essere utilizzate.

Sulle vie alpine, dove la perdita di una piccozza ha conseguenze importanti, la piccozza può essere fissata all'anello di corda dell'imbracatura tramite un guinzaglio.

"Quando fai ginnastica nel giardino d'arrampicata Drytool, il guinzaglio è un fastidio e aumenta il rischio di lesioni."

Peter von Kaenel
Pericolo di caduta nella zona di partenza di vie fortemente strapiombanti.
Pericolo di caduta nella zona di partenza di vie fortemente strapiombanti.

Un altro punto riguarda le vie strapiombanti: nella zona delle prime due o tre soste intermedie c'è il rischio di caduta a seconda del terreno. L'assicuratore deve essere molto vigile in questa fase.

Nella migliore delle ipotesi, ha senso eseguire i primi backup intermedi. Specialmente con il dry tooling ripido con tiri dinamici, forze elevate spesso agiscono sul sistema muscolo-scheletrico. Un buon riscaldamento prima dell'arrampicata aiuterà a prevenire gli infortuni.

All'autore

Peter von Känel, classe 1973, è guida alpina, ingegnere aeronautico e appassionato alpinista. Per molti anni Peter è stato intensamente coinvolto non solo con l'arrampicata su ghiaccio e misto, ma anche con il fattore umano.

Oltre ad alcune sensazionali prime salite su ghiaccio e misto come la via BASE nella valle di Lauterbrunnen, Peter ha ripetuto molte vie estremamente impegnative, a volte come guida alpina.

Con questi tour, così come in molte discussioni con colleghi esperti di arrampicata, Peter ha acquisito negli anni una vasta conoscenza dell'arrampicata su ghiaccio e misto. Trasmette queste conoscenze nei corsi, nel coaching e con il suo nuovo libro di testo.

Peter von Känel: guida alpina, ingegnere aeronautico e appassionato alpinista.
Peter von Känel: guida alpina, ingegnere aeronautico e appassionato alpinista.

Steep Frozen: un libro di testo pratico

Questa serie di gelati graffia solo la superficie di questo affascinante argomento. Per tutti coloro che vogliono saperne di più, l'inizio di novembre 2022 è il libro Ripido congelato apparso.

Questo pratico libro di testo di Peter von Känel riassume in una forma compatta una vasta gamma di utili conoscenze sull'arrampicata su ghiaccio, l'arrampicata mista e il dry tooling.

Le sezioni sugli aspetti mentali e sull'attrezzatura completano questo lavoro chiaramente strutturato. Grazie al suo formato compatto, il libro può essere utilizzato anche come utile libro di riferimento per gli spostamenti.

Il libro è dentro Casa editrice Filidor pubblicato e costa CHF 32.00. Puoi trovare ulteriori informazioni, inclusi estratti e feedback dei lettori, da Peter von Känel Sito web.

Steep Frozen Peter von Känel

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: immagine di copertina Vladek Zumr

Attuale

Ai Mori e Colin Duffy vincono la Coppa del Mondo Lead a Chamonix

La Coppa del Mondo Lead di Chamonix 2024 è storia: il giapponese Ai Mori e l'americano Colin Duffy hanno vinto la medaglia d'oro.

Questi 68 scalatori sono qualificati | Giochi Olimpici di Parigi

Quali scalatori sono qualificati per i Giochi Olimpici? Te lo raccontiamo in questo articolo.

Nuovo record di velocità sugli 8000m: Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti

Il giovane francese Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti, battendo di 5 ore il precedente tempo più veloce conosciuto.

Philipp Geisenhoff: “Finora è stata la mia giornata migliore nel boulder”

Che giornata per Philipp Geisenhoff: il forte svizzero scala quattro massi duri fino a 8B+ nelle Rocklands.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Ai Mori e Colin Duffy vincono la Coppa del Mondo Lead a Chamonix

La Coppa del Mondo Lead di Chamonix 2024 è storia: il giapponese Ai Mori e l'americano Colin Duffy hanno vinto la medaglia d'oro.

Questi 68 scalatori sono qualificati | Giochi Olimpici di Parigi

Quali scalatori sono qualificati per i Giochi Olimpici? Te lo raccontiamo in questo articolo.

Nuovo record di velocità sugli 8000m: Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti

Il giovane francese Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti, battendo di 5 ore il precedente tempo più veloce conosciuto.