Potenza femminile ad Annot: Soline Kentzel sale la via trad Le Voyage (E10, 7a)

Soline Kentzel ripete una delle vie trad più difficili della Francia: Le Voyage (E10, 7a). La giovane francese è solo la quarta donna a riuscire a salire la difficile linea nella zona di Annot.

Un resoconto dell'esperienza di Soline Kentzel

Il Viaggio ha sempre avuto per me una dimensione mistica. Non ricordo esattamente come sia nata la voglia, mista a paura e curiosità, di intraprendere questa sfida, ma era nella mia mente già da tempo.

Cercare di raggiungere il massimo nell'arrampicata trad era il logico passo successivo nel mio viaggio nell'arrampicata? È presuntuoso?

Soline Kentzel

Questa sensazione mi è venuta quando... Video di Babsi Zangerl ho visto chi è lo scalatore che ammiro di più. Come dico spesso, se tutto andasse storto, sarebbe comunque un ottimo allenamento per i miei obiettivi futuri.

Soline Kentzel in Il viaggio. Immagine: Seb Berthe
Soline Kentzel in Il viaggio. Immagine: Seb Berthe

E i primi tentativi di arrampicata hanno confermato i miei timori: appeso alla corda statica, non sapevo nulla di arrampicata, e la distanza tra le soste mi sembrava davvero spaventosa. Tuttavia è stato amore a prima vista. Innanzitutto perché è bello, ma soprattutto perché ho capito l'importanza della sfida di questa linea.

Ho capito che il mio sogno era quello di essere uno scalatore in grado di raggiungere la cima di quella parete; e che non sono ancora pronto fisicamente e mentalmente.

Diventare quella scalatrice capace di scalare la linea dei suoi sogni, quella linea di fessure unica che si estende verso il cielo, sarà la ragione per cui arrampicherò da ora in poi.

Soline Kentzel
Corsi di arrampicata pulita Bergpunkt

Le Voyage: Questa è la linea

Le Voyage segue un evidente punto debole oltre i 40 metri, che può essere diviso in tre parti. La via inizia con una fessura di 7a+ abbastanza tecnica che porta ad una posizione di completo riposo. Dopo questa pausa, alcuni movimenti portano ad un buon bloccaggio del ginocchio, permettendo di respirare e prepararsi al primo passo chiave.

Questo primo passaggio chiave è piuttosto lungo. Successivamente occorre cambiare rapidamente ritmo per traversare, sostare in questo tratto aereo e abbastanza impegnativo e raggiungere un discreto punto di sosta dove è possibile effettuare soste molto convincenti.

La giovane francese Soline Kentzel è la quarta donna a ripetere Le Voyage (E10, 7a). Immagine: Seb Berthe
La giovane francese Soline Kentzel è la quarta donna a ripetere Le Voyage (E10, 7a). Immagine: Seb Berthe

Lasciando questa posizione di riposo diventa difficile rimontare il gesso per i successivi 15 movimenti: si sale un po' prima di posizionare velocemente l'ultimo pezzo di sosta; per me una camma #0,2. Da lì inizia la sezione più dura e pompata: una serie di appigli verticali e calci sottili che ti mettono in posizioni molto scomode.

Alla fine di questa sezione sarai a circa 2-3 metri sopra la tua ultima telecamera e potrai posizionare un fusibile a prova di bomba dietro un capannone.

Qui inizia l'ultima sezione, circa 7b, la parte più impegnativa della via: un dislivello snervante di almeno 8 metri ed infine la fessura finale molto tecnica con appigli stretti.

Soline Kentzel

Il lavoro inizia

All'inizio ho dovuto imparare di nuovo a salire le vie circostanti con i friends, per acquisire la leggerezza necessaria per decifrare i movimenti e per restare sospeso in aria sulla corda statica.

Durante il primo viaggio, una lesione al legamento anulare mi ha impedito di concentrarmi sul punto cruciale superiore. Quindi ho rivolto la mia attenzione al punto cruciale inferiore. Inizialmente mi dava fastidio la posizione dei piedi, che sembravano o troppo basse o troppo decentrate.

Ho visto che era possibile, ma ci sarebbe voluta molta arrampicata per ricomporre il puzzle e abituarsi al disagio di questi movimenti.

Soline Kentzel

Ho iniziato rapidamente a condurre la salita. Durante il mio secondo viaggio ad Annot non sono ancora riuscito a connettere il passo chiave inferiore. Sono caduto in aria ripetutamente, spesso più scioccando i miei compagni di assicurazione che me stesso.

A poco a poco il mio dito è guarito e ho potuto lavorare seriamente sul passo chiave superiore. Ci sono volute diverse ore per padroneggiare tutti i movimenti. Tutti tranne uno, che mi ha dato difficoltà quotidianamente: l'ultimo movimento del tratto difficile per raggiungere l'aderenza finale.

Passo dopo passo, Soline Kentzel è riuscita a mettere insieme il puzzle della linea trad più famosa di Annot. Immagine: Seb Berthe
Passo dopo passo, Soline Kentzel è riuscita a mettere insieme il puzzle della linea trad più famosa di Annot. Immagine: Seb Berthe

L'ultimo giorno del viaggio, dopo una sessione di due ore appesa al mio Grigri prima della sezione, ho finalmente trovato la mia beta: un movimento layback in cui mi sono tirato su sulle ultime prese per mettere i piedi un po' più in alto.

Da un lato aspettavo questo momento e sapevo che sarebbe arrivato: l'“Eureka” dell'operaio di linea. D'altro canto ero scoraggiato. La sequenza sembrava estremamente faticosa per le dita, con i movimenti a 30 metri da terra alla fine di una sezione faticosa.

In breve, ero frustrato: il mio metodo non era un metodo miracoloso, consisteva semplicemente nel tirare forte le maniglie.

Soline Kentzel

Pronti per la salita

Le cose erano diverse durante il mio terzo viaggio ad Annot. Sono arrivato sapendo di essere pronto e qui per provare. Così è iniziata la routine dei “due tentativi al giorno tolgono il medico di torno”. Da allora ho scalato quasi esclusivamente come capofila.

Se non riuscissi a superare un tratto obbligatorio, salirei sulla corda statica per fissare le soste successive e poi continuerei a salire da primo.

Un momento chiave nel processo mentale è stato chiaramente il superamento del primo nodo.

Soline Kentzel

La prima volta che le mie dita sono rimaste incastrate nella lontana tasca poco profonda alla fine del primo passaggio chiave, mi sono ritrovato catturato dal momento. Il mio cervello cominciò ad annebbiarsi e, quando i miei pensieri divennero più chiari, mi resi conto che il mio cuore batteva troppo velocemente. Controllare questa emozione, reagire a questi pensieri per influenzare il mio corpo è stata una sfida entusiasmante. Perché non c’è dubbio che più la paura prende il sopravvento, più aumentano le possibilità di sbagliare e cadere.

Inoltre questa sezione era sempre un momento intenso ogni volta che veniva suonata. Ogni volta salivo alla successiva buona sosta, ma con una lucidità mentale e una precisione di movimento del tutto casuali.

Accettare che ogni tentativo è unico e imprevedibile e rassicurarmi che tutto sarebbe andato bene è stata, a un certo punto, la mia più grande sfida mentale. E questo si è indubbiamente riflesso nella mia arrampicata.

Soline Kentzel
La componente psicologica ha giocato un ruolo importante nella salita di Le Voyage da parte di Soline Kentzel. Immagine: Seb Berthe
La componente psicologica ha giocato un ruolo importante nella salita di Le Voyage da parte di Soline Kentzel. Immagine: Seb Berthe

Solitudine e dubbio

Al quarto viaggio, quando sono arrivato più stanco e meno forte di prima, mi sono sentito sopraffatto. A causa della paura e della pressione che avevo esercitato su me stesso prima di tornare, ho cominciato a dubitare. Mentre dieci giorni prima ero caduto a metà del passaggio chiave superiore, ora sono caduto ripetutamente nel primo passaggio chiave.

Ho esercitato la pazienza e ho continuato a fare esperimenti, alcuni più promettenti di altri. Avevo passato una settimana dormendo sul pavimento del furgone del mio amico Mich, anche lui alle prese con il suo progetto. Eravamo diventati entrambi parte integrante del luogo, iniziando a diventare parte del paesaggio di Annot.

Ho visto persone arrivare e tentare la via e segnare (congratulazioni a Philippe, Jean-Eli e Jabi che hanno anche salito la via in questa stagione!) ed ero ancora lì. Finalmente è arrivata la pioggia e ci sentivamo stanchi: era ora che io ed io andassimo a ricaricare le batterie.

Sono state diverse settimane di arrampicata e di permanenza costante solo con uomini. Quando il mio amico Juju è venuto a trovarmi per alcuni giorni, mi sono reso conto di quanto mi mancava ed ero triste di non avere amici con cui condividere le mie esperienze.

Quando arrampichi, come donna, più ti allontani dai sentieri battuti, più ti senti sola. L'arrampicata trad non dovrebbe essere un'attività così maschile: ognuno decide il proprio livello di impegno, e che peccato perdersi i movimenti appaganti dell'arrampicata in fessura!

Soline Kentzel

Per me non è necessariamente molto più pericoloso, è solo arrampicare con ancora più libertà. Alla fine di questo quarto viaggio fui sopraffatto da un sentimento di amarezza. Anche se ero fiducioso che, qualunque cosa accada, avrei continuato a combattere su questa strada e alla fine avrei avuto successo, la mia fiducia ha avuto un duro colpo.

Ho visto che forse il mio corpo non era forte come volevo. Soprattutto, mi chiedevo se presto sarei mai stato all'altezza di queste salite che mi fanno sognare senza le mie possibilità, affidandomi in gran parte al duro lavoro, alla pazienza, alla ripetizione e all'ottimismo.

Soline Kentzel
Soline Kentzel: «Durante la salita riuscita, anche il tratto di fuga dopo il passo chiave superiore non ha disturbato la mia compostezza. Immagine: Seb Berthe
Soline Kentzel: «Durante la salita riuscita, anche il tratto di fuga dopo il passo chiave superiore non ha disturbato la mia compostezza. Immagine: Seb Berthe

Lo scambio di colpi finale

Quando sono tornato per la quinta volta, il mio atteggiamento era cambiato: sono arrivato più umile, preparato al fatto che le cose non andassero secondo i piani, e ho trovato il modo di alleviare la pressione. Alcuni dei miei amici più cari erano lì e ho sentito il loro sostegno.

Nel profondo, sapevo che questa volta ero lì per sferrare il colpo finale e che non me ne sarei andato senza successo, qualunque fossero le conseguenze sui miei studi e altri impegni.

Soline Kentzel

Finalmente questa volta le stelle si sono allineate quasi perfettamente: il secondo giorno sono caduto con la mano sull'ultimo appiglio. Nessun problema, avevo interiorizzato le sensazioni ed era solo questione di tempo. Quando finalmente mi sono unito ai movimenti, acclamato dai miei amici, non un granello di sabbia ha disturbato la sequenza unica di questa precarietà verticale.

Anche la sezione di uscita dopo il passo chiave superiore non ha disturbato la mia compostezza (anche se le mie gambe tremavano un po' - era da un po' che non mi alzavo da terra...). Respiravo con calma prima di affrontare l'ultimissimo tratto, una fessura tonda e sgradevole che aveva causato ben più di una goccia di sudore.

Alla fine, ho tagliato l'ancora, sopraffatto da un immenso sollievo: potevo finalmente porre fine a questa relazione esclusiva e lasciarmi questo gioiello alle spalle. Goditi qualche momento di pace prima di cadere di nuovo nella trappola di un'altra linea da sogno.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Quando abbiamo lanciato la rivista di arrampicata Lacrux, abbiamo deciso di non introdurre un paywall perché vogliamo fornire al maggior numero possibile di persone che la pensano allo stesso modo notizie dalla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: immagine di copertina Julia Cassou

Attuale

Cibo gourmet al posto dei panini al distributore di benzina: mangiare sano anche in viaggio

Per le avventure di tutti i giorni: i pasti liofilizzati di Lyofood non sono più riservati solo ai partecipanti alle spedizioni.

Chi si è assicurato gli ultimi biglietti olimpici

Anche se la finale delle Olympic Qualifier Series a Budapest...
00:19:55

Big wall di 600 metri: in spedizione con la famiglia Houlding

È possibile più di quanto pensi. Così dice Leo Houlding e prova la sua tesi: Un'avventura nella big wall.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Cibo gourmet al posto dei panini al distributore di benzina: mangiare sano anche in viaggio

Per le avventure di tutti i giorni: i pasti liofilizzati di Lyofood non sono più riservati solo ai partecipanti alle spedizioni.

IFSC Boulder e Coppa del Mondo Lead Innsbruck: live streaming e informazioni

Dal 26 al 30 giugno 2024, i migliori scalatori del mondo si incontreranno a Innsbruck per la Coppa del Mondo IFSC Boulder e Lead. Abbiamo per...

Chi si è assicurato gli ultimi biglietti olimpici

Anche se la finale delle Olympic Qualifier Series a Budapest è ancora alle porte, numerosi atleti ne hanno già la certezza e aspettano solo...