Jacopo Larcher: Due difficili prime trad in Valle dell'Orco

Nell'ottobre dell'anno in corso Jacopo Larcher ha trascorso due settimane nella Valle dell'Orco e ha realizzato due difficili prime salite trad. Le linee sono Blood Diamond e Shikantaza (aka The Tromba Project). In questo articolo Jacopo racconta il suo viaggio e le due rotte.

Un reportage di Jacopo Larcher

Dopo un estenuante periodo di costruzione di vie, non c'è niente come vivere in un furgone per due settimane e arrampicarsi in una zona granitica che ha così tante linee esistenti e non ancora aperte. Nella seconda settimana di ottobre mi sono recato in Valle dell'Orco per partecipare al La Sportiva Athlete Summit, con l'idea di passarci qualche giorno in più dopo l'evento. Alla fine dell'incontro tutti hanno lasciato la valle, ma le previsioni del tempo sembravano troppo perfette per partire. Babsi ed io siamo tornati di recente dal Pakistan e non vedevo l'ora di fare arrampicata trad.

Durante l'Athlete Summit abbiamo avuto un piccolo riassunto con alcuni interessanti progetti vecchi e nuovi, quindi li ho verificati subito. Babsi doveva andare a casa perché aveva qualcosa da fare, quindi sono rimasta con Olli (il nostro cane) e ho arrampicato per lo più da solo o con i due locali Andrea e Simone, che mi hanno accolto calorosamente e che mi hanno permesso di accamparmi nella loro proprietà. mi sono sentito a casa!

Due percorsi - due sfide completamente diverse

Ho iniziato a lavorare su due linee interessanti ma completamente diverse. La prima via era un vecchio progetto di Adriano Trombetta, una via corta e molto "britannica". La seconda linea era una fessura ripida e impressionante in un settore appena sviluppato da Andrea, Simone e Marzio (Nardi). Mi è particolarmente piaciuto che i due percorsi fossero completamente diversi e che fossero richieste abilità completamente diverse.

"Un percorso era piuttosto pericoloso con una potenziale caduta da un'altezza di 10 metri".

Una via non era tecnicamente così difficile, ma piuttosto pericolosa con una potenziale caduta da 10 metri. L'altra via poteva essere assicurata bene, ma era tecnicamente più impegnativa.

Mi è piaciuto che entrambi i percorsi richiedessero una quantità di lavoro simile, ma un approccio diverso. Su una via dovevo studiare bene le singole sequenze e fare uno sforzo reale per aprire la via, mentre sull'altra dovevo acquisire la necessaria sicurezza nell'arrampicata in vetta per osare di provare il primo posto. Ed è proprio questa varietà che rende l'arrampicata trad così attraente per me.

Quale amico viene al treno e quando? (Foto Federico Ravassard)
Quale amico viene al treno e quando? (Foto Federico Ravassard)

Prima libera di Blood Diamond

Dopo alcuni giorni di pulizia delle maniglie, studio dei treni e determinazione dell'attrezzatura, era giunto il momento. Ho potuto salire liberamente la strapiombante e difficile fessura Blood Diamond nel settore Diamante. La via è sempre ben assicurata, ma non è da sottovalutare l'attaccamento in fase di testa nel passaggio chiave. Ritengo che Blood Diamond sia la via più difficile che abbia salito in Valle dell'Orco.

“I movimenti di Blood Diamond sono semplicemente fantastici. Calci brutti, lock-off e arrampicata in compressione alla fine. Un vero gioiello".

Alla prossima riga

Il giorno dopo è stata la volta dell'altro progetto. Come ho detto, Adriano Trombetta ha scoperto la linea anni fa e ha avuto l'idea di scalarla senza perforarla. Adriano è stato un vero pioniere in Orco (e in altre zone!), ha aperto molti percorsi e ha avuto molti progetti. Nel 2017 è tragicamente morto in un incidente di valanga, ma il suo spirito vive ancora nella valle e nei ricordi dei suoi amici!

L'arrampicata in fessura al suo meglio. (Foto Federico Ravassard)
L'arrampicata in fessura al suo meglio. (Foto Federico Ravassard)

La via è su un grosso masso ai piedi del Sergent. Si parte con uno sloper rail a prua fino ad un buon fiocco dove si possono posizionare alcune micro cam prima di entrare nel punto chiave della via.

Dopo alcuni tiri si raggiunge una buona cengia sulla quale ho deciso di mettere un gancio come salvaguardia. Il posizionamento in realtà sembra a posto, ma la presa si romperebbe in modo abbastanza sicuro in caso di caduta importante. Ho collegato il gancio a una camma più in basso durante la salita di piombo per impedire al gancio di muoversi.

"Ho collegato il gancio a una camma sottostante durante la salita in testa in modo che il gancio non si muovesse."

Il tratto successivo contiene alcuni movimenti delicati su piccole cenge e termina con strappi instabili su una scaglia più grande, che può essere finalmente rimessa in sicurezza prima dell'uscita relativamente facile della via. Il percorso non è dei più difficili, probabilmente all'ottavo grado francese, ma la combinazione di treni traballanti e una potenziale caduta nel terreno lo rendono piuttosto impegnativo. Mi è piaciuta molto la forma del blocco e della linea, motivo per cui volevo davvero salirla.

Omaggio ad Adriano Trombetta

Non avrei potuto immaginare una conclusione migliore per il mio viaggio in Valle dell'Orco! Non avevo mai avuto la possibilità di incontrare Adriano, ma la via qui è un ovvio tributo a lui e alla sua visione. Ho deciso di battezzare la via “Shikantaza” (conosciuta anche come “The Tromba Project”).

Un grande grazie va ad Andrea e Simone del Rifugio “Le Fonti” per l'aiuto, la messa in sicurezza, il lavoro, ma soprattutto per la calorosa accoglienza e il bel tempo! Non vedo l'ora di tornare a Orco. Il posto è così bello e c'è così tanto potenziale per nuove linee!

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++
Crediti: Immagine di copertina Federico Ravassard

Attuale

La cavalcata di Adam Ondra sull'onda del successo

Viaggio di arrampicata riuscito: dopo aver scalato Bon Voyage, Adam Ondra segna altre vie difficili sulla via di casa.

Guarda l'episodio Sleeping Lion di Reel Rock con Chris Sharma gratuitamente

Accompagna Chris Sharma nel suo mega progetto Sleeping Lion dagli innumerevoli tentativi di pianificazione fino alla realizzazione finale.

Livello successivo: ecco come superi il 7° grado

Andate avanti dove ci sono molti scalatori in coda: con questi consigli professionali potrete fare il salto fino al 7° grado.

Stefano Ghisolfi sale la mitica Action Directe (9a) | video

Primo 9a al mondo: Con Action Directe, Stefano Ghisolfi ha ripetuto una delle linee più iconiche del mondo lo scorso autunno.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

La cavalcata di Adam Ondra sull'onda del successo

Viaggio di arrampicata riuscito: dopo aver scalato Bon Voyage, Adam Ondra segna altre vie difficili sulla via di casa.

Guarda l'episodio Sleeping Lion di Reel Rock con Chris Sharma gratuitamente

Accompagna Chris Sharma nel suo mega progetto Sleeping Lion dagli innumerevoli tentativi di pianificazione fino alla realizzazione finale.

Livello successivo: ecco come superi il 7° grado

Andate avanti dove ci sono molti scalatori in coda: con questi consigli professionali potrete fare il salto fino al 7° grado.