Anni 8000: dopo David Göttler si interrompe anche Simone Moro – cosa sta facendo Kobusch?

Nevicate persistenti, forti venti d'alta quota e mancanza di finestre di bel tempo caratterizzano la stagione invernale sugli ottomila. Il 23 gennaio David Göttler, Hervé Barmasse, Mike Arnold e Qudrat Ali hanno interrotto la spedizione al Nanga Parbat. Ora anche Simone Moro e il suo team al Manaslu riferiscono di essere stanchi di aspettare. Quanta pazienza può ancora raccogliere Jost Kobusch sull'Everest?

L'alpinismo invernale sulle montagne più alte del mondo è una disciplina che non affascina molti alpinisti. L'italiano Simone Moro ha risposto alla domanda sul perché in una recente intervista alla rivista Bergundsteig: "In inverno sei nel Himalaya o Karakorum completamente solo. Ti muovi in ​​una solitudine assoluta e selvaggia che non esiste da nessun'altra parte lì." Allo stesso tempo, l'esperienza è vicina a ciò che hanno vissuto i primi esploratori ed escursionisti: l'ignoto.

“In inverno sei completamente solo sull'Himalaya o nel Karakorum. Ti muovi in ​​una solitudine assoluta e selvaggia che non esiste nemmeno da nessun'altra parte".

Simone Moro

Grandi decisioni

David Gottler ha comunicato a fine gennaio che la squadra abbandonerà il tentativo di scalare gli 8125 metri di altezza Nanga Parbat oltre i 4500 di altezza muro rupale scalare. L'alpinista professionista tedesco ha sottolineato l'importanza delle decisioni riflesse: "Sono fermamente convinto che tanto nella vita sia il risultato delle decisioni che prendiamo".

Tenda Nanga Parbat David Goettler Hervé Barmasse
Hervé Barmasse e David Göttler durante una notte fredda con nevicate e vento a quota 6200 metri.

Lui e i suoi compagni Herve Barmasse, mike arnold , Piazza Alì avevano deciso all'inizio della loro spedizione di arrampicare in uno stile alpino molto facile e di non aspettare tutto l'inverno al campo base. Di conseguenza, la corrente a getto persistentemente forte (sistema di vento forte ad alta quota) e la mancanza di una finestra di bel tempo hanno reso loro un po' più facile la difficile decisione di tornare a casa.

"Abbiamo deciso di non correre il rischio di restare seduti al freddo ad aspettare all'infinito questa piccola possibilità".

David Gottler

"Forse tra un paio di settimane ci sarà una bella finestra meteorologica che sarebbe stata perfetta, ma abbiamo deciso di non rischiare di restare seduti al freddo ad aspettare all'infinito questa piccola possibilità".

Un anno al campo base

Simone Moro sa cantare anche una canzoncina sull'attesa. Lo scalatore d'alta quota ha intrapreso una spedizione per tre mesi ogni inverno per anni, quindi lui - il tentativo di quest'anno Manaslù incluso – aveva già trascorso 50 mesi al freddo estremo. Ha trascorso solo un anno sul Manaslu, che ha tentato di scalare per la quarta volta questo inverno.

Valanga spontanea – filmato da Simone Moro

Tuttavia, Moro ha abbastanza esperienza per sapere quando non ha più senso. “Il problema è che non puoi davvero andare oltre il Campo 1. Si può salire fino al campo 1 senza problemi perché riparato, ma poi, quando inizia la salita vera e propria, il rischio valanghe è alto e il vento è un vero problema”.

Spedizione invernale-manaslu-simone-moro-campo base
Il campo base di Manaslu in mezzo a enormi masse di neve.

Aveva la decisione di annullare Iñaki Alvarez, Osvaldo Rodrigo Pereira , Alex Txikon ha riassunto collettivamente: "Oggi abbiamo affrontato tutti la realtà insieme agli sherpa, i compagni con cui abbiamo condiviso questa esperienza, e abbiamo deciso di farla finita qui".

Resistere sull'Everest

Il tedesco ci prova sulla montagna più alta del mondo Jost Kobusch attualmente una salita senza ossigeno. Ma anche in questa regione, tempeste di neve e forti venti rendono impossibile salire a quote maggiori, come riporta l'alpinista a Lacrux: "Sto bene, ma è tempo di aspettare con vento fino a 200 km/h. Anzi meglio, una settimana fa c'erano velocità massime fino a 250 km/h”.

Jost Kobusch non si lascia scoraggiare dai forti venti o dalla mancanza di una finestra di bel tempo. "Sono pienamente motivato. Tuttavia, l'inverno finisce il 28 febbraio”. Vista questa piccola finestra temporale residua, gli è chiaro che il vertice non è più realistico. Tuttavia, Kobusch spera che la corrente a getto migri verso sud. "Questo mi darebbe l'opportunità di salire di nuovo il più in alto possibile, di imparare molto e di vedere qualcosa della via".

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: immagine di copertina Simone Moro, Video Valanga al Manaslu Pasang Rinzee Sherpa, David Gottler, Jost Kobusch

Attuale

Professionisti dell’arrampicata come ambasciatori del clima – è possibile?

Katherine Choong e Nicolas Hojac sono professionisti dell'arrampicata e ambasciatori del clima presso Protect our Winters. Come affronti questo doppio ruolo?

Allenamento nonostante una lesione al legamento anulare

Lesione del legamento anulare: in questo video, Dave MacLeod spiega come può essere una sessione di allenamento adattata sulla parete da boulder.

Ondra durante il tentativo di 9a a-vista: stop finale per rottura della presa

Questo video mostra Adam Ondra mentre tenta un solido tentativo di 9a a-vista. Ma quando la maniglia si rompe, tutto finisce bruscamente.

Le Kingline spagnole si ripetono

Jorg Verhoeven, Gabriele Moroni e Leo Ketil Bøe ripetono le classiche del 9° grado francese a Siurana, Oliana e Margalef.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Professionisti dell’arrampicata come ambasciatori del clima – è possibile?

Katherine Choong e Nicolas Hojac sono professionisti dell'arrampicata e ambasciatori del clima presso Protect our Winters. Come affronti questo doppio ruolo?

Allenamento nonostante una lesione al legamento anulare

Lesione del legamento anulare: in questo video, Dave MacLeod spiega come può essere una sessione di allenamento adattata sulla parete da boulder.

Ondra durante il tentativo di 9a a-vista: stop finale per rottura della presa

Questo video mostra Adam Ondra mentre tenta un solido tentativo di 9a a-vista. Ma quando la maniglia si rompe, tutto finisce bruscamente.