Prima salita avventurosa in solitaria: Roger Schäli sale la Tierra del Fuego (A2+, 6c)

L'alpinista professionista svizzero Roger Schäli ha aperto in soli cinque giorni la via trad Tierra del Fuego (A2+, 6c) sulla Roda Val della Neve a Bregaglia. L'impegnativa linea – attrezzata solo con spit in sosta – segue un sistema di fessure nella parte destra della parete.

Chi non è mai uscito Roda Val della Neve sentito, non c'è bisogno di preoccuparsi. Roger Schäli È stato lo stesso quando Tom Bärfuss gli ha chiesto di unirsi a noi per un tour di più tiri nel Bregaglia richiesto. "La montagna è una perla nascosta con due facce", afferma Schäli con entusiasmo. "Verso Albigna si mostra con il dorso ampio e tondeggiante, mentre la Roda Val della Neve si erge con una muraglia sorprendentemente potente a nord."

«In particolare, la salita diretta nel tratto più ripido della parete ha subito catturato la mia attenzione. Ho preso subito la decisione di aprire una nuova linea.»

Roger Schäli

Video: Roger Schäli durante la prima salita della Tierra del Fuego

Tierra del Fuego: stile di ispezione purista

Roger Schäli è entusiasta della roccia compatta che proietta la sua ombra sulle strade del fondovalle e non riesce a smettere di delirare: "Sono rimasto colpito fin dall'inizio da questo muro freddo e ostile".

Visualizza annunci Rectangle_Trailrunning

Naturalmente, gli alpinisti professionisti sono principalmente interessati a quelle parti della parete che nessuno ha mai scalato prima. In particolare, la salita diretta nel tratto più ripido della parete attirò subito la sua attenzione. "Ho preso rapidamente la decisione di aprire una nuova linea", afferma Roger Schäli.

"Sono rimasto impressionato fin dall'inizio da questo muro freddo e ostile."

Roger Schäli
La via trad Tierra del Fuego (A2+, 6c) sulla Roda Val della Neve, aperta da Roger Schäli in solitaria in cinque giorni. Immagine: Romano Salis
La via trad Tierra del Fuego (A2+, 6c) sulla Roda Val della Neve, aperta da Roger Schäli in solitaria in cinque giorni. Immagine: Romano Salis

In totale, ha bisogno di cinque giorni per completare il suo percorso Terra del Fuoco (A2+, 6c) aprire dal basso e da solo. "Ho scelto deliberatamente un approccio molto purista", afferma Roger Schäli.

La sua prima salita segue un sistema di fessure nella parte destra della parete. Le difficoltà di A2+, 6c si trovano nella parte bassa della parete ad un'altezza di circa 350 metri. Da lì il percorso conduce su una facile salita di circa 250 metri di dislivello con il quarto grado di difficoltà fino alla vetta.

Il percorso gli ricorda ancora una volta la bellezza della Svizzera, afferma Roger Schäli. "Sono affascinato da come si possano trovare luoghi avventurosi nelle immediate vicinanze della porta d'ingresso, anche lontano da noti muri e montagne famose."

Roger Schäli sulla sua nuova via Tierra del Fuego (A2+, 6c). Immagine: Romano Salis
Roger Schäli sulla sua nuova via Tierra del Fuego (A2+, 6c). Immagine: Romano Salis

"Sono affascinato da come si possano trovare luoghi avventurosi nelle immediate vicinanze della porta d'ingresso, anche lontano da noti muri e montagne famose."

Roger Schäli

Montagna storica

Tra i più noti percorsi esistenti in parete vi sono il Niederman (400m, 6b, R2, IV, +250 metri dalla vetta, salita per la prima volta nel 1975) e la negro (350m, 7a, RS3, IV, +250 metri dalla vetta). Entrambe le linee hanno impressionato con notevoli crepe e intersezioni, ma non dovrebbero essere sottovalutate secondo Roger Schäli. "I due tour hanno il potenziale per essere scalati più spesso in futuro, poiché tali destinazioni sono sempre più popolari nei caldi mesi estivi, così come l'arrampicata trad".

Un pezzo di storia dell'arrampicata: sfoglia il libro del muro

Uno sguardo al libro della parete mostra che la Roda Val della Neve, oltre a noti alpinisti come Romolo Notari attirò anche numerosi alpinisti locali. «Questa montagna ha attratto tutti i leggendari alpinisti della Svizzera orientale, del Ticino e dell'Italia. La prima salita invernale nel dicembre 1969 è impressionante”.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: immagine di copertina Romano Salis

Attuale

Andare più in alto durante l'arrampicata: ecco come farlo

Salire più in alto durante l'arrampicata: l'esercizio dello yoga della rana allunga l'interno coscia con un effetto notevole.

Il veterano del Piolet d'Or progetta di registrare un record sull'Everest

Tentativo di record: il 59enne alpinista Valeriy Babanov intende diventare la persona più anziana a scalare l'Everest senza ossigeno artificiale.

Brione per principianti: I boulder più belli fino al 7A

Brione è anche facile: oggi vi mostriamo dove si possono trovare bellissimi boulder di moderata intensità in Valle Verzasca.

Video omaggio al Ticino: Ticino Gravity

Ticino Gravity racconta la storia del boulder in Ticino e accompagna Kim Marschner nella sua prima salita di Embrace Gravity (8B+).

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Andare più in alto durante l'arrampicata: ecco come farlo

Salire più in alto durante l'arrampicata: l'esercizio dello yoga della rana allunga l'interno coscia con un effetto notevole.

Il veterano del Piolet d'Or progetta di registrare un record sull'Everest

Tentativo di record: il 59enne alpinista Valeriy Babanov intende diventare la persona più anziana a scalare l'Everest senza ossigeno artificiale.

Brione per principianti: I boulder più belli fino al 7A

Brione è anche facile: oggi vi mostriamo dove si possono trovare bellissimi boulder di moderata intensità in Valle Verzasca.